Genere
Guida
Lingua
ND
PEGI
7+
Prezzo
ND
Data di uscita
30/3/2012

Ridge Racer Unbounded

Ridge Racer Unbounded Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Bandai Namco
Sviluppatore
Bugbear Entertainment
Genere
Guida
PEGI
7+
Data di uscita
30/3/2012

Hardware

Ridge Racer Unbounded è disponibile per Xbox 360, PlayStation 3 e PC.

Multiplayer

Diverse modalità di multiplayer online.

Modus Operandi

Abbiamo testato la campagna single player e il multiplayer grazie a un codice promo della versione Xbox 360 ricevuto da Namco Bandai.

Link

Recensione

Un classico delle piste si rifà la carrozzeria

Nuova formula per Ridge Racer: piacerà ai fan storici della serie?

di Gianluigi Villecco, pubblicato il

Sono passati ormai quasi vent’anni dal primo, splendido Ridge Racer, un inno al puro piacere di guida, alla derapata come stato dell’arte, all’adrenalina come carburante per le mani e per il cuore. Conscia della concorrenza spietata proliferata in questi anni nel sottogenere dei racing game arcade, grazie agli ottimi Burnout, Need for Speed e Split Second (solo per citare i più famosi), Namco ha deciso di tornare in pista con un prodotto che rappresenta una rottura radicale con il passato.

30 FPS, una sensazione di velocità (almeno all'inizio) limitata, un sistema di controllo differente. Non è il Ridge Racer che conoscete - Ridge Racer Unbounded
30 FPS, una sensazione di velocità (almeno all'inizio) limitata, un sistema di controllo differente. Non è il Ridge Racer che conoscete

Un tale drastico cambiamento si è esplicitato fin dall’inizio nella scelta di uno sviluppatore europeo come Bugbear Entertainment, creatore dei divertentissimi e distruttivi FlatOut: conoscendo l’attitudine del team svedese, gli appassionati storici di una saga che ha come proprio simbolo macchine scintillanti, percorsi urbani a braccetto con paesaggi naturali idilliaci e uno stile di guida ai vertici del tecnicismo arcade, hanno cominciato a temere. Proprio a loro diciamo subito, senza timore di smentita, che questo gioco non è Ridge Race. Non il Ridge Racer che abbiamo imparato a amare negli ultimi decenni. Se però i fan riusciranno a superare l’iniziale momento di sdegno, potrebbero scoprire che alla fine Unbounded è un gioco interessante, divertente e con alcuni extra di indubbio spessore.



STESSO NOME, MA...
Bugbear ha introdotto una discreta quantità di nuove caratteristiche, ispirandosi ai migliori rappresentanti recenti del genere arcade, con l’obiettivo di attirare nuovi appassionati. Il cuore di Ridge Racer, e cioè il sistema di guida, è stato profondamente rivisto con l’introduzione di una certa dose di realismo, che però necessita di un adeguato periodo di pratica per essere dominato appieno. All’inizio, sembrano lontani i tempi delle entusiasmanti derapate dei vecchi RR, dove bastava titillare il tasto di frenata per prodursi in spettacolari scivolate lungo le curve: in quest’ultima incarnazione le auto hanno acquisito maggiore peso, e se proviamo a guidare alla “vecchia maniera” finiremo invariabilmente per schiantarci contro qualche parete. Quando però si scopre la magia del tasto adibito alla derapata, gli istinti omicidi verso il gioco mutano ben presto in soddisfazione; tramite la sua pressione prolungata, e il giusto bilanciamento sul freno, potremo finalmente tirare fuori il meglio dalla guida e scatenarci in incredibili curve a gomito. La padronanza del nuovo sistema di controllo risulterà fondamentale per la gestione della barra della potenza, in puro stile Burnout, che si caricherà tramite derapate, inseguimenti e collisioni con le auto avversarie, e una volta attivata ci scaglierà alla massima velocità per qualche secondo o ci consentirà di spazzare via le auto avversarie, con tanto di replay scenografici. È una scelta chiaramente mutuata dagli eventi Takedown dello spassosissimo titolo Criterion, anche se diversa in quanto in Unbounded è tanto più difficile sfasciare un’auto avversaria con le normali sportellate, quanto immediato farla a pezzi dopo l’attivazione del boost.

La ricerca di un maggior realismo ha portato Bugbear a prediligere le tinte scure. Il mondo colorato di RR è solo un ricordo - Ridge Racer Unbounded
La ricerca di un maggior realismo ha portato Bugbear a prediligere le tinte scure. Il mondo colorato di RR è solo un ricordo

L’importanza del turbo sta poi anche nella possibilità di distruggere la gran quantità di elementi di contorno che Bugbear ha inserito lungo le piste, quali mura, camion, pompe di benzina, stazioni della polizia ecc.; in questo modo si potranno accumulare punti e svelare scorciatoie, che però potranno essere utilizzate anche dagli avversari. L’abbondanza di elementi distruttibili costituisce un’altra delle licenze derivative che il gioco si è preso, in questo caso nei riguardi dell’ottimo Split Second, e se aggiunge un ulteriore elemento di rottura rispetto all’originale rappresenta anche una delle introduzioni più divertenti, dando vita a sequenze di pirotecniche esplosioni e caos ad alta velocità. Imparare a fondo le nuove meccaniche, come si è detto, richiede un bel po’ di pratica, in quanto i vari veicoli tendono a rispondere in maniera piuttosto differente alle derapate e l’IA degli avversari è particolarmente aggressiva, concedendoci pochi errori e tentando di ridurci a cubi di metallo ogni volta che gli sarà possibile. La parola d’ordine in Unbounded è pazienza: Non lasciatevi sopraffare dall’impressione iniziale, dedicategli del tempo, e saprà regalarvi notevoli soddisfazioni.


Commenti

  1. Keyblade4ever

     
    #1
    Sapete se metteranno una demo sul psn(o xbox)?Mi ha incuriosito e mi piacerebbe provarlo.
  2. Francesco Petta

    #2
    Il gioco l'ho provato e merita di sicuro, se però sei un fan sfegatato della serie Ridge Racer di certo lo troverai troppo stravolto..al massimo troverai le classiche derapate..di buono, se ti piae la cosa, troverai un bell'editor di tracciati, molto + semplice di quello di Trackmania ma molto funzionale..comunque la demo dovrebbe essere disponibile
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!