Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
27/4/2012

Risen 2: Dark Waters

Risen 2: Dark Waters Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Deep Silver
Sviluppatore
Piranha Bytes
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
16+
Distributore Italiano
KOCH Media
Data di uscita
27/4/2012
Lingua
Italiano
Giocatori
1

Link

Hands On

Fantasy e rum

Abbiamo provato la versione PC.

di Antonio Pizzo, pubblicato il

Non c'è pace per gli eroi. Un tempo chi compiva gesta fuori dall'ordinario riceveva onori e ricchezze, magari veniva addirittura incoronato re se la fortuna girava proprio nel verso giusto. Il protagonista di Risen ha sconfitto addirittura un Titano, e non certo senza sforzi, e cosa ha ottenuto? A giudicare dalle primissime battute di Risen 2: Dark Waters, una certa propensione ad alzare il gomito e poco più. Con più capelli in testa e un occhio in meno, ritroviamo infatti l'eroe senza nome in uno squallido fortino dell'Inquisizione, intento sostanzialmente ad autocommiserarsi. Ma si sa come vanno le cose in questi casi, e non ci vorrà molto prima che si ritrovi imbarcato (letteralmente) in una nuova e pericolosissima missione: ritrovare un mitologico arpione con cui poter uccidere il mostruoso Kraken che infesta le acque della costa. In compagnia di quel peperino di Patty, di cui probabilmente si ricorderà chi abbia giocato il primo episodio (e che ha i suoi motivi personali per accompagnarlo), il nostro eroe orbo approda quindi sull'isola di Tacarigua, letteralmente in brache di tela. Sembra infatti che la missione richieda segretezza, e andarsene in giro con indosso una divisa dell'Inquisizione è un pessimo modo per iniziare la propria carriera di spia. Da quel momento in poi Risen 2 lascia al giocatore piena libertà di movimento sull'isola, senza prenderlo per la mano e accompagnarlo lungo la strada. E la cosa non può che farci piacere.

L'Inquisizione ci manderà a infiltrarci tra la ciurma del pirata Steelbeard, di cui dovremo conquistare la fiducia. Nulla però ci impedisce di schierarci con i pirati, anche se non sarà possibile fare contenti tutti per molto tempo. Prima o poi bisognerà decidere da che parte stare - Risen 2: Dark Waters
L'Inquisizione ci manderà a infiltrarci tra la ciurma del pirata Steelbeard, di cui dovremo conquistare la fiducia. Nulla però ci impedisce di schierarci con i pirati, anche se non sarà possibile fare contenti tutti per molto tempo. Prima o poi bisognerà decidere da che parte stare

PRIMI PASSI
Come prima cosa decidiamo pertanto di ignorare biecamente l'insediamento locale da cui dovrebbe partire la nostra ricerca per esplorare la spiaggia. La presenza di Patty, che è decisamente più abile di noi con la scherma e le pallottole, ci permette di avere la meglio sulle prime creature minacciose che incontriamo, e di scoprire un piccolo tesoro nascosto in una radura isolata. A quel punto decidiamo di recarci finalmente al porticciolo per cominciare a fare qualche domanda. In capo a pochi minuti scopriamo che esistono tre fazioni sull'isola, che intrattengono tra di loro rapporti a dir poco complicati. Oltre all'Inquisizione, ci sarà infatti da fare i conti con i nativi e con i pirati, uno dei quali è proprio il leggendario Steelbeard. Sì, il papà di Patty. Gli uomini dell'Inquisizione sembrano tutto sommato delle brave persone, se non fosse per l'abitudine di usare i nativi come schiavi. Questi ultimi, prevedibilmente, sono leggermente infuriati, e i pirati... i pirati fanno i pirati: rubano, bevono, si azzuffano, e bevono. Non ci vuole molto perché il diario delle missioni inizi a riempirsi di cose da fare, ma per prima cosa bisogna procurarsi dei vestiti, che il Governatore non fa entrare gente seminuda a casa sua. E convincere Steelbeard a prenderci a bordo sarà ancora più complicato.

Risen 2 non fa nulla per "livellare" i nemici alle nostre abilità, e questi giganteschi granchi saranno ben oltre le nostre capacità, almeno all'inizio. Prima di averne ragione bisognerà imparare ad assestare loro qualche bel calcione - Risen 2: Dark Waters
Risen 2 non fa nulla per "livellare" i nemici alle nostre abilità, e questi giganteschi granchi saranno ben oltre le nostre capacità, almeno all'inizio. Prima di averne ragione bisognerà imparare ad assestare loro qualche bel calcione

FAMILIARE CON BRIO
È evidente che chiunque abbia giocato uno qualsiasi dei precedenti giochi di Piranha Bytes (il primo Risen o i tre Gothic), si sentirà subito a proprio agio. Lo stile è il medesimo: un GdR poco lineare, molto vasto e che non fa troppe concessioni ai giocatori più inesperti. Ma se al capitolo precedente si poteva senza dubbio imputare il difetto di somigliare troppo ai Gothic, questo Risen 2 riesce finalmente a sembrare più fresco e originale, e non tanto in virtù della struttura di gioco, che è Piranha Bytes fino all'osso, ma grazie al buon lavoro di caratterizzazione svolto nel delinearne l'ambientazione. Siamo lontani perciò dagli stereotipi più abusati del fantasy, e si respira davvero aria di Tropici e vudù. Ci troviamo insomma in zona “Pirati dei Caraibi”, e a fulmini magici e spadoni si sono sostituiti riti amazzonici, sciabole e moschetti. Non cambia invece la struttura aperta del gioco, che fin dalle prime battute mette il giocatore nella posizione di scegliere come meglio muoversi. Per dirne una, una delle primissime missioni consiste nell'accedere all'insediamento dei pirati, e per riuscirci ci sono sostanzialmente due strade. Quella più diretta prevede di passare in una zona che brulica di scimmie irascibili, pantere, selvaggi sul piede di guerra e trappole letali. L'alternativa consiste nell'utilizzare un passaggio seminascosto tra le colline, ma per trovarlo bisogna azzardarsi ad esplorare l'isola o parlare con la persona giusta. Più di una missione, già tra quelle preliminari, può essere risolta in modi diversi, e ben presto ci sarà da fare delle scelte di campo più o meno nette che rischieranno di alienarci una o più delle fazioni in gioco. Non siamo al cospetto della mappa gigantesca di uno Skyrim, ma in questo caso la minore “dispersività” non è un difetto, ma anzi può dare maggiore peso alle scelte compiute.


Commenti

  1. Lylot72

     
    #1
    Inizio ad aspettarlo anche io.
  2. Markk117

    #2
    non vedo l'ora che esca
  3. Skeptical

     
    #3
    Mi basta che il combat system non sia legnoso come Gothic 3 o il primo Risen, tutto il resto sembra promettente...
  4. maxlaiena

     
    #4
    Sarà uno spettacolo!
  5. king hero

     
    #5
    sarà un segno del destino il fatto che esce il giorno del mio compleanno?
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!