Genere
ND
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
33.90 Euro
Data di uscita
19/1/2004

Roaring Thirties

Roaring Thirties Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
LAGO
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
19/1/2004
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
33.90 Euro

Lati Positivi

  • Eccellente simulazione del suono dei motori
  • Sfrutta le caratteristiche tecniche di Flight Simulator 2004
  • Aerei piacevoli da pilotare

Lati Negativi

  • Prezzo forse un po' elevato
  • Solo uno scenario extra

Hardware

Le richieste di sistema per Roaring Thirties sono una CPU a 750 MHz, 128 MB di RAM, 65 MB disponibili su disco fisso, scheda audio e, naturalmente, una copia di Flight Simulator 2004: Un Secolo di Aviazione. Su un notebook Toshiba Satellite 5200-801 con P4 a 2 GHz, 512 MB di RAM e GeForce 4 Go! Flight Simulator 2004 con expansion pack ha girato quasi al massimo del dettaglio e con antialias attivo ad una risoluzione di 1024*768 punti mantenendo un frame rate di circa 20 fotogrammi al secondo.

Multiplayer

Le modalità multiplayer sono quelle previste da Flight Simulator 2004: Un Secolo di Aviazione.

Link

Recensione

Roaring Thirties

Roaring Thirties è un add-on per Flight Simulator 2004 dedicato ai ruggenti anni Trenta, quando l'aereo, reso più affidabile, approdava nelle mani di ricchi proprietari civili, prospettando un utilizzo molto più personale di quello che conosciamo oggi. Beech Staggerwing e Stinson Gullwing sono due aerei simbolo dell'aviazione prebellica, aerei che profumano di pionierismo, avventure e... libertà!

di Gianluca Tabbita, pubblicato il

Il suono si acuisce, si accentua o si smorza in modo graduale e senza soluzione di continuità, non un collage di campionamenti, quindi, ma una simulazione sonora basata su caratteristiche precise dei motori ad elica. Anche un esperto d'effetti speciali del cinema avrebbe poco da ridire. Veramente un ottimo punto a favore dell'expansion pack di Lago che senza dubbio influisce sul piacere di guidare questi mezzi. Per quanto riguarda la simulazione dell'aerodinamica e la portanza, non avendo mai pilotato un vero Staggerwing è difficile formulare un giudizio definitivo sulla manovrabilità, ma per il resto tutto rispecchia le caratteristiche tecniche del mezzo. Lo Staggerwing è potente come un caccia da combattimento dell'epoca, è velocissimo nel raggiungere quote molto elevate e resiste a velocità di picchiata notevolissime per gli anni trenta.
Le possibilità di un cedimento strutturale per velocità eccessiva è, insomma, molto basso, e in generale si tratta di un mezzo molto manovrabile, che spesso perdona la mano pesante del giocatore, tranne forse durante l'atterraggio.

STINSON GULLWING: LA MERCEDES DEI CIELI

Edward "Eddie" Stinson era un genio dell'ingegneria aeronautica che aveva imparato a volare direttamente nella scuola dei fratelli Wright (gli inventori dell'aereo) nel 1911. Nove anni più tardi fondò la Stinson Aircraft Company. Neanche il Gullwing, come lo Staggerwing, è noto con il suo vero nome, che era Reliant SR-10, ma fu chiamato "ali di gabbiano" perché le punte delle ali erano leggermente piegate verso l'alto, ed anche per la loro forma rastremata.
Eddie Stinson creò un lussuoso aereo commerciale d'ispirazione automobilistica. Tratti dalle lussuose berline dell'epoca erano gli interni in noce lucidata, e sempre d'estrazione automobilistica era la cloche quasi del tutto simile ad un volante, i finestrini che si abbassavano, e la capienza, fino a cinque persone come su un'auto. Lo Stinson Gullwing è incredibilmente stabile alle basse velocità e la sua aerodinamica gli permette di rimanere agevolmente lontano dallo stallo anche a velocità molto basse.
Non è agile, ma in cambio sembra volare da solo, tanti sono gli errori che può perdonare al pilota inesperto. Sembra fatto per volare a bassa quota e in ogni caso la sua velocità verticale è talmente irrilevante da farlo sembrare inerte alle sollecitazioni sull'asse verticale. Non velocissimo, ma comodo da pilotare, il Gullwing poteva portare dei carichi notevoli e per questo fu impiegato sia dalle poste federali degli USA per raggiungere località non collegate via terra, sia dall'aviazione militare come mezzo di raccordo. Anche del Gullwing Lago ha creato due versioni, con slitta e un'altra con il normale carrello, e per ognuna abbiamo almeno due diversi abbinamenti di colore. Dal momento che il Gullwing era adatto a trasportare grandi carichi Lago ha integrato la possibilità di bilanciare i pesi in cabina. Non manca ovviamente la cabina virtuale, con il volante perfettamente animato e gli strumenti azionabili col mouse.
Il Gullwing è anche il protagonista dell'unico scenario aggiuntivo predisposto da Lago per questo expansion pack: siamo "attraccati" nella baia di New York con un SR-10 su slitta, dobbiamo entrare nell'abitacolo (le porte si possono aprire e chiudere con un tasto) invertire i motori, manovrare e decollare fra navi e battelli, un'operazione che ci dimostrerà la quasi totale mancanza di manovrabilità del Gullwing su slitta a motori invertiti.
Retromarcia a parte, il Gullwing, come anche lo Staggerwing, è un aereo semplice da pilotare. Mentre lo Staggerwing ha caratteristiche acrobatiche molto accentuate, il Gullwing è dotato di una stabilità eccezionale. Come anche un utente poco esperto può facilmente verificare, la manovrabilità da incubo di alcuni aerei storici acclusi a Flight Simulator 2004 come il DC-3 non ha nessuna corrispondenza in questo expansion pack di Lago, che ha evidentemente puntato ad aeromobili che sembrano nati per godersi lo scenario, volare a bassa quota, atterrare facilmente anche su piccole piste (per il Gullwing). Il modello del Gullwing, pur non essendo bello come lo Staggerwing proprio a livello di design originale, colpisce per i dettagli del vano motore, una zona che in entrambi gli aerei è stata curata da Lago in modo maniacale, come per l'intreccio di cavi d'acciaio sopra le ali e il timone. Invece non sono soddisfacenti le texture nella cabina virtuale, che comunque, probabilmente, è limitata in questo senso da specifiche dettate direttamente da Microsoft. Peccato, perché in questo modo gli interni in legno del mezzo originale non possono essere ricreati in modo credibile. Anche il Gullwing, come lo Staggerwing, si avvale dell'ottima simulazione sonora di motori a elica ideata da Lago, che rappresenta un piacevolissimo complemento ai i vostri viaggi.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Pilotare lo Staggerwing e il Gullwing infonde una sensazione di benessere, sia perché sono aerei estremamente stabili e manovrabili (niente a che vedere con alcuni aerei storici da incubo acclusi in bundle a Flight Simulator 2004), sia perché sembrano nati per farci godere il paesaggio a bassa o ad alta quota. I modelli 3D sono molto eleganti e dettagliati, e la simulazione sonora dei motori ad elica ideata da Lago è veramente perfetta e vi piacerà moltissimo se amate questo genere di motori. Tra i due aeromobili comunque preferiamo lo Staggerwing, sia perché il suo design rivela ancora oggi quanto d'avveniristico possedeva negli anni '30, sia perché offre prestazioni entusiasmanti sull'asse verticale mentre il Gullwing sembra quasi inchiodato al livello del mare. Quest'ultimo modello, però, piacerà ai principianti, perché perdona quasi ogni errore. Nel giudizio definitivo su questo expansion pack, però, sono coinvolti anche dei fattori che non hanno nulla a che vedere con la bontà del codice, infatti, quasi 34 euro ci sembrano una cifra rilevante per un add-on che offre due aerei, d'ottima fattura, certo, disponibili in varie versioni e completi d'abitacolo virtuale e piano di bilanciamento, sicuramente, ma comunque sempre due soli aerei e nessun scenario aggiuntivo (a parte il Gullwing al molo). Non critichiamo l'expansion pack in sé ma il prezzo, paragonabile a quello di un gioco intero a prezzo budget. Ogni giocatore dovrà fare le sue valutazioni, tenendo conto dell'ottimo giudizio su questi due aerei e del fatto che, a parte Gullwing e Staggerwing, non troverà altro.