Genere
Sportivo
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 39,90
Data di uscita
26/5/2006

Rockstar Games Presenta Table Tennis

Rockstar Games Presenta Table Tennis Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Rockstar Games
Sviluppatore
Rockstar San Diego
Genere
Sportivo
PEGI
3+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
26/5/2006
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
2
Prezzo
€ 39,90

Hardware

Rockstar Games Presenta: Table Tennis è disponibile unicamente su Xbox 360.

Multiplayer

Oltre al gioco in due sulla stessa console, la possibilità di giocare online via Xbox Live è la vera anima del gioco: preparatevi a sfide all'ultimo effetto!
Intervista

Table Tennis: Intervista a William Rompf

Cosa divide il tavolo reale dalle arene virtuali? La passione!

di Redazione , pubblicato il

Domanda: Perché non avete venduto il gioco direttamente attraverso Xbox Live Arcade?

William Rompf: Table Tennis è semplicemente troppo grande per essere scaricato da Internet, non è stato realizzato con questo scopo in mente e quindi abbiamo deciso di utilizzare un canale di vendita più tradizionale.

Domanda: Probabilmente, uno dei punti di forza di Rockstar Games in generale è l'abilità di imparare dai giochi sviluppati in precedenza. Ciononostante, è sorprendente l'utilizzo che siete riusciti a fare del "bullet time", oltretutto automatico, in un gioco così fortemente basato su velocità e riflessi: come vi è venuto in mente?

William Rompf: Ci fa piacere che abbiate apprezzato l'idea, è una caratteristica che pensiamo funzioni davvero bene nel gioco. Il Tennistavolo è uno sport che è giocato a una velocità elevatissima, e quello era secondo noi un modo perfetto per dare ai giocatori il modo di apprezzare al massimo il livello di destrezza e di atletismo che abbiamo infuso in Table Tennis. Inoltre, è ovviamente un modo perfetto per mostrare le splendide animazioni dei giocatori, capaci di catturare la vera essenza di questo sport.

Domanda: Table Tennis sembra essere stata una scommessa, un gioco capace di essere completamente ignorato dal pubblico così come di diventare un vero e proprio bestseller. Quanto è stato importante, in questo senso, il supporto di Take Two Interactive al momento di scegliere se impegnarsi o no nella realizzazione del gioco?

William Rompf: È comprensibile che all'esterno Table Tennis possa essere stato percepito come una scommessa, ma in realtà si tratta di un gioco che abbiamo sempre voluto realizzare. Ci serviva semplicemente abbastanza potenza per crearlo al meglio, e grazie alle console di nuova generazione abbiamo superato quell'ostacolo. Rockstar e Take Two hanno un rapporto eccezionale, e loro supportano sempre tutte le nostre decisioni creative.

Domanda: Avete cercato di trarre ispirazione dai recenti giochi di tennis, in qualche modo?

William Rompf: Abbiamo cercato di avvicinarci allo sviluppo di Table Tennis cercando di creare qualcosa di interamente nuovo, pescando tra le nostre esperienze tra tavolo e racchette e quelle da videogiocatori nel tentativo di creare una simulazione il più possibile priva di compromessi. Il risultato finale è un gioco molto fresco e innovativo, anche se certi elementi sono molto familiari e tutto risulta facile da governare fin dal primo approccio.

Domanda: Pensate che Table Tennis possa inaugurare un nuovo sottogenere nella categoria dei giochi sportivi? Sono previsti aggiornamenti futuri o seguiti?

William Rompf: È difficile da dire. Speriamo di aver provato che si può prendere una disciplina relativamente conosciuta e sfruttarla per creare un'esperienza di gioco fresca, nuova ed eccitante. Pensiamo che il Tennistavolo sia uno sport con il quale moltissime persone hanno avuto a che fare a diversi livelli, e non potremmo essere più felici del modo con cui il gioco è stato accolto, del successo che ha ottenuto. Detto questo, per i piani di sviluppo futuri non possiamo far altro che aspettare e vedere!

Domanda: Avete pensato di realizzare contenuti scaricabili, come personaggi, arene o nuovi tipi di competizioni?

William Rompf: In questo momento non abbiamo piani in tal senso, ma seguiamo con molta attenzione cosa succede attorno al gioco per valutare le possibilità che potrebbero aprirsi davanti a noi.