Genere
ND
Lingua
Manuale in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
499 Euro
Data di uscita
13/12/2003

Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT

Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT Aggiungi alla collezione

Datasheet

Data di uscita
13/12/2003
Lingua
Manuale in Italiano
Giocatori
0
Prezzo
499 Euro

Lati Positivi

  • Veloce
  • Ottimo sistema di raffreddamento
  • Alta qualità dei filtri

Lati Negativi

  • Pochi vantaggi rispetto alla Radeon 9800 PRO
  • Costosa

Hardware

La scheda è stata provata su un Pentium 4 da 2,2 GHz con core Norhwood, accoppiato a 512 MB di RAM DDR e un Hard Disk IBM GXP da 60 GB, il tutto montato su scheda madre Intel con chipset i845D. Il sistema operativo utilizzato per le prove è stato Windows XP Professional, aggiornato con le DirectX 9.0b, mentre si è scelto di utilizzare l'ultima release ufficiale disponibile dei driver, e cioè i Catalyst 3.9, con supporto per OverDrive e VPU Recover.
Recensione

Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT

Di R360, alias Radeon 9800 XT, ultima e più potente evoluzione dei chip della serie R300 (che rispetto ai predecessori introduce maggiori frequenze e la capacità di aumentare autonomamente le velocità di clock in base alla dissipazione) abbiamo già parlato in lungo e in largo. E' giunta l'ora di vedere un po' di numeri, e lo facciamo provando la scheda basata su questo chip proposta da Sapphire.

di Antonino Tumeo, pubblicato il

I TEST

Abbiamo però ormai parlato fin troppo di caratteristiche, ed è arrivato il momento di passare ai numeri veri e propri. E, possiamo dirlo, sono veramente alti, come ci si poteva attendere. Il balzo di frequenza, rispetto alla Radeon 9800 PRO, non è certamente elevatissimo, eppure qualche vantaggio si vede, grazie anche alle memorie più veloci che vengono a corredo del chip a clock più alto. Si tratta di prestazioni veramente notevoli anche sulla nostra piattaforma di test, un ormai non più così nuovo Pentium 4 Northwood da 2,2 GHz, nient'altro che un semplice sistema entry level al giorno d'oggi. Eppure, anche in queste condizioni, possiamo vedere frame rate in grado di far venire l'acquolina in bocca al giocatore più accanito. Vogliamo, per esempio, soffermarci sui risultati di Unreal Tournament 2003, che mostrano valori sempre superiori ai 100 fotogrami al secondo fino a 1280x960 con qualsiasi livello di AntiAliasing e l'Anisotropic Filtering sempre spinto a 16X in modalità qualità. Sempre con Unreal Tournament 2003 vogliamo evidenziare l'efficacia dei filtri anisotropi, che consentono di perdere veramente pochissimo a 1024x768 (solo spingendosi con l'AntiAliasing si notano perdite per via del filtro anisotropo che superano i 10 fps). Efficace anche l'AntiAliasing, la cui perdita percentuale in prestazioni è sempre in un certo senso commisurata all'aumento qualitativo che si ottiene.
Non si può neanche fare a meno di valutare le prestazioni elevatissime in ambito OpenGL con il software che sfrutta l'ormai vecchio, ma sempre affidabile, motore di Quake III Arena, che anche con quella brutta bestia che è Return To Castle Wolfenstein (con il più che classico demo Fourpoint), non va mai in crisi neanche alla massima qualità possibile a 1280x1024 (Anisotropic 16X e Antialiasing 6X). Inutile, naturalmente, evidenziare come in Quake III Arena si sia sempre su livelli di assoluta eccellenza (potete vedere direttamente i numeri...).
Da sottolineare come il tutto sia "contornato" dall'ottima qualità dei filtri, sia AntiAliasing (il MultiSampling, non facilissimo da gestire, è ben "limato" in maniera da limitare il noto effetto di slavamento delle texture) che Anisotropo (l'algoritmo adattivo è sempre efficiente e le superifici a 45°, dall'introduzione di Radeon 9700, non sono più un problema), mediamente superiori a quelli offerti dalla concorrenza di nVidia, che solo con il duro lavoro sui ForceWare è forse riuscita a tornare alla pari (pur però in questa maniera abbassando un po' le prestazioni, invece sempre molto alte sull'architettura ATI).
L'ultimo titolo della vecchia "guardia" con il quale solitamente eseguiamo le nostre prove, ossia Serious Sam: The Second Encounter, titolo da sempre "vicino" alle architetture AMD (per le CPU) e nVidia (per le GPU) parla ancora chiaro, fornendo risultati che sono assolutamente da valutare di alta eccellenza. Per quello che riguarda i benchmark sintetici e la nuova "guardia" di test che curano molto di più le prestazioni degli shader non c'è molto da discutere: le prestazioni della Radeon 9800 XT sono le più alte in assoluto. 3D Mark 2003 (per quante discussioni si possano fare sull'affidabilità di questo test) è l'ambiente ideale per il chip grafico ATI. Altrettanto, però, lo è anche il più nuovo (e meno causa di polemiche...) Aquamark3, dove la Radeon 9800 XT spopola grazie alle eccezionali prestazioni fornite con gli shader 2.0. Prestazioni che vengono confermate da Shadermark 2.0, che pur confermando il supporto per precisione di colore in floating point a 24 bit (contro i 32 dell'architettura CineFX nVidia), riesce ad eseguire tutti i suoi benchmark (quelli che sfruttano render target multipli compresi) e nel migliore dei modi. Ma anche il Rolling Demo di X2 - The Threat, che si avvale pienamente di funzioni più legate all'architettura di DirectX 8.1, non sgradisce di certo le funzionalità messe a disposizione dalla GPU ATI.
Da discutere l'efficacia di OverDrive: i valori ottenuti attivando o disattivando l'opzione, non variano di moltissimo (pochi fps, cosa che, con gli alti valori già forniti normalmente, non si può quindi notare ad occhio nudo), ma e variano anche da ripetizione a ripetizione, a dimostrazione del fatto che le velocità vengono regolate in funzione della temperatura, e naturalmente un uso prolungato in situazioni di test intensivi non fanno altro che aumentare il calore prodotto.

CONCLUDENDO

Insomma, numeri che parlano chiaramente da soli: Radeon 9800 XT si colloca senza dubbio al vertice prestazionale dell'attuale generazione di schede grafiche e la soluzione Atlantis di Sapphire lo conferma. Seguendo le specifiche base di ATI, Sapphire ha tirato fuori un prodotto dall'ottima qualità costruttiva che, unito alle eccellenti caratteristiche tecniche e alla velocità del chip, lo rendono decisamente interessante per chi, conscio della spesa che comporta una scheda grafica di punta, vuole avere il massimo. C'è anche da dire che questo massimo, adattandosi a soluzioni canoniche e non presentando quelle raffinatezze o estremizzazioni che altri modelli presentano (come le Ultimate sempre in casa Sapphire, oppure i prodotti con raffreddamento a liquido della concorrenza), pur magari non fornendo quei bonus rappresentati da maggiori margini di overclock o rumore generato pressoché nullo, viene venduto relativamente a buon mercato se paragonato a quelle soluzioni. Interessante, senza dubbio, è l'inclusione di Lara Croft Tomb Raider: The Angel of Darkness nella confezione: benché il titolo di Core Design non sia ai livelli qualitativi che desidereremmo da un gioco, rimane comunque un palliativo nell'attesa dell'Half-Life 2, che sarà possibile avere gratuitamente non appena verrà rilasciato. E' bene, infine, sottolineare che le differenze dalla Radeon 9800 PRO non sono grandissime: del resto, quello che varia sono semplicemente le frequenze. Dunque, la Atlantis Radeon 9800 XT non è probabilmente un prodotto da consigliare per un aggiornamento, se già si ha una scheda di alto livello. E' invece, senza dubbio, il prodotto da consigliare a chi, adesso, vuole una buona scheda video con il chip grafico più veloce attualmente a disposizione.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT, montando il chip grafico più evoluto a disposizione al momento, si configura parimenti come una delle schede video più veloci acquistabili. La soluzione di raffreddamento è quella "standard" consigliata dalle specifiche ATI e ciononostante si rivela di buonissima qualità e di alta efficacia. Del resto, caratteristica peculiare di Radeon 9800 XT rispetto alla 9800 PRO sono proprio le maggiori frequenze di clock e la possibilità di aumentare le frequenze dinamicamente tramite OverDrive, e solo un buon sistema di raffreddamento può garantire la piena operatività in queste condizioni. Con questo pacchetto Sapphire fornisce anche Lara Croft Tomb Raider: The Angel of Darkness e il coupon per avere Half-Life 2 quando sarà disponibile (e fino a quel momento, il pacchetto di giochi in versione multiplayer di Valve), oltre al classico PowerDVD e all'utility RedLine per l'overclock. Si tratta, in definitiva, di un prodotto di buona qualità come molti altri di quelli realizzati da Sapphire negli ultimi mesi, consigliato a chi vuole o prendersi la scheda grafica di punta per il nuovo PC, oppure fare un sostanzioso upgrade da schede di precedente generazione e se la sente di spendere la somma necessaria ad assicurarsi l'ultimo ritrovato tecnologico.