Genere
ND
Lingua
Manuale in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
499 Euro
Data di uscita
13/12/2003

Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT

Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT Aggiungi alla collezione

Datasheet

Data di uscita
13/12/2003
Lingua
Manuale in Italiano
Giocatori
0
Prezzo
499 Euro

Lati Positivi

  • Veloce
  • Ottimo sistema di raffreddamento
  • Alta qualità dei filtri

Lati Negativi

  • Pochi vantaggi rispetto alla Radeon 9800 PRO
  • Costosa

Hardware

La scheda è stata provata su un Pentium 4 da 2,2 GHz con core Norhwood, accoppiato a 512 MB di RAM DDR e un Hard Disk IBM GXP da 60 GB, il tutto montato su scheda madre Intel con chipset i845D. Il sistema operativo utilizzato per le prove è stato Windows XP Professional, aggiornato con le DirectX 9.0b, mentre si è scelto di utilizzare l'ultima release ufficiale disponibile dei driver, e cioè i Catalyst 3.9, con supporto per OverDrive e VPU Recover.
Recensione

Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT

Di R360, alias Radeon 9800 XT, ultima e più potente evoluzione dei chip della serie R300 (che rispetto ai predecessori introduce maggiori frequenze e la capacità di aumentare autonomamente le velocità di clock in base alla dissipazione) abbiamo già parlato in lungo e in largo. E' giunta l'ora di vedere un po' di numeri, e lo facciamo provando la scheda basata su questo chip proposta da Sapphire.

di Antonino Tumeo, pubblicato il

E' evidente che Sapphire abbia beneficiato moltissimo del grande successo dei chip grafici sviluppati da ATi. Il produttore taiwanese, infatti, ha in questo periodo di predominio delle GPU Radeon stretto moltissimo i suoi legami con la casa canadese ed ha via via realizzato soluzioni sempre più interessanti per diversi aspetti. In primo luogo per il prezzo, spesso molto concorrenziale e appetibile, e poi, con le Ultimate Edition, anche per le scelte fatte per il raffreddamento, che essendo completamente passivo elimina del tutto ogni possibile "sorgente" di rumore dovuto alla scheda grafica. Lecito dunque attendere - e anche con una certa trepidazione - le schede Sapphire basate sul nuovo Radeon 9800 XT. Di queste, Nextgame.it ha avuto modo di provare la versione con 256 MB di memoria DDR della linea Atlantis (quella con raffreddamento attivo), con risultati decisamente buoni.

LA SCHEDA

Atlantis Radeon 9800 XT si presenta in una colorata confezione molto gradevole a vedersi, che presenta posteriormente una finestrella e mette in mostra il prodotto con la sua accattivante ventola. Le dimensioni di Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT sono identiche a quelle delle schede basate su Radeon 9800 PRO, ma piuttosto diverso è il posizionamento degli elementi, soprattutto quelli riguardanti la sezione di alimentazione, studiati per favorire al massimo l'installazione del sistema di raffreddamento. Esso, nella forma adottata sulla Atlantis, fa parte delle "specifiche" che ATI fornisce agli integratori dei suoi chip. Il raffreddamento, infatti, è gestito da un ampio dissipatore interamente in rame (ed il peso si sente!) che copre completamente GPU e moduli di RAM sulla faccia anteriore della scheda. Direttamente sopra al chip, poi, è posta una ventola di ampio diametro (intorno ai sei centimetri e mezzo), in grado di muovere buoni volumi d'aria pur mantenendo velocità di rotazione tali da non disturbare eccessivamente l'utente. La ventola, comunque, è tachimetrica e la sua velocità di rotazione viene autonomamente regolata dal chip in base alla temperatura rilevata. Sulla faccia posteriore, viene montato un'ulteriore placchetta in rame utilizzata per dissipare il calore che si genera sui chip di memoria posti da quel lato della scheda. Il tutto è fissato con alcune viti che passano da parte a parte della scheda e tengono unite tra loro dissipatore e placca posteriore nella maniera più salda possibile, ma che risultano anche piuttosto facili da rimuovere. Assolutamente notevole il fatto che la scheda, con sistema di raffreddamento montato, per quanto possa risultare imponente, non occupa più che del suo canonico slot e non crea problema alcuno nel caso si vogliano installare altre schede nello slot PCI tipicamente di fianco a quello AGP dove andrà posta la Radeon 9800 XT.
Ci si potrebbe chiedere perché questa grande attenzione posta sul raffreddamento, soprattutto se non si è (ancora) a conoscenza delle frequenze operative di Radeon 9800 XT e delle particolari funzioni, relative proprio all'impostazione della velocità di clock, che esso supporta. Radeon 9800 XT, infatti, presenta frequenze di clock di base di 412 MHz per il core e di 365 MHz per la memoria. Diciamo "di base" perché, grazie alle funzionalità OverDrive, supportate a partire dai Catalyst 3.8, la GPU, al pari dei chip di casa ATI installati sui portatili (i cosiddetti Radeon Mobile), sono in grado di aumentare autonomamente la loro frequenza se le situazioni di utilizzo e le temperature rilevate lo permettono, senza minare in alcun modo la stabilità. Potrà quindi accadere, e non di rado, che le frequenze di core salgano in certi momenti verso i 430/440 MHz, aumentando in definitiva un po' le prestazioni. Naturalmente, però, non scenderanno mai sotto i 412 MHz di base. Per le memorie, invece, non è supportato l'overclocking dinamico, ma i 256 MB di chip DDR a 2,5 ns prodotti da Hynix ed installati sulla scheda Sapphire dovrebbero garantire un certo margine per andare un poco oltre i 365 MHz impostati di fabbrica.
Per quello che riguarda le caratteristiche grafiche supportate, c'è poco da dire, nel senso che si tratta sempre delle ottime ed evolute specifiche presenti già in Radeon 9800, e che si possono riassumere nelle otto pipeline grafiche con precisione di colore di 24 bit in floating point per componente e supporto per Pixel Shader 2.0 (esteso grazie all'F-Buffer per permettere l'applicazione di Pixel Shader più lunghi delle 160 istruzioni supportate multipassando solo i pixel interessati), nei quattro motori geometrici con supporto per Vertex Shader 2.0, nella presenza di SmoothVision 2.1 con il suo AntiAliasing in MultiSampling fino a 6X e Anisotropic Filtering adattivo, nel supporto per gli algoritmi di riduzione dell'occupazione di banda di memoria di HyperZ III+ e nel supporto dei videoshader per l'accelerazione del full motion video. Insomma, pieno supporto per DirectX 9 e OpenGL 1.5 più qualche altra caratteristica interessante (come il rendering multitarget e il supporto per Higher Order Surfaces tramite n-Patches, ossia il cosiddetto Truform 2.0). Abbiamo così, per il chip grafico che naturalmente supporta la connessione AGP 8X, numeri teorici di circa 3,3 Gpixel al secondo e larghezze di banda di memoria che, con i 256 bit di bus, arrivano a 23,360 Gbyte/s.
La "dotazione" di uscite sulla scheda è quella ormai classica, e cioè la VGA a 15 poli gestita dal primo RAMDAC a 400 MHz, la porta DVI-D gestita dal TMDS transmitter a 165 MHz e convertibile tramite l'apposito connettore in VGA (gestita in questo caso dal secondo RAMDAC a 400 MHz) e la solita uscita TV. Per quello che riguarda il software fornito a corredo della scheda, oltre al pacchetto di driver e a PowerDVD, è presente l'utility di gestione e overclock RedLine fatta da Sapphire stessa. Grazie agli accordi di ATI con Valve Software e alla decisione di optare per la sua inclusione da parte di Sapphire, l'Atlantis Radeon 9800 XT è uno di quei prodotti che, quando il gioco sarà disponibile, verrà corredato con Half-Life 2. In sua mancanza, però, dati i noti fatti che ne hanno determinato il ritardo, ci è stato confermato (anche se nella versione "di prova" della confezione a noi fornita non c'erano) che sarà presente il coupon per ricevere il gioco su CD (o alternativamente scaricarlo) quando sarà disponibile e che consentirà anche, fino a che il gioco non verrà rilasciato, di scaricare o ottenere un pacchetto sostitutivo di software Valve (tutto quanto rilasciato fino ad adesso in versione multiplayer) contente Half-Life, Counter Strike, Team Fortress Classic, Deathmatch Classic, Half-Life: Opposing Force e Ricochet. Inoltre Sapphire fornisce anche (stavolta con CD fisicamente presenti nella confezione) la versione completa di Lara Croft Tomb Raider: The Angel Of Darkness.
Sempre dal punto di vista software, infine, vorremmo sottolineare un interessante aspetto dei nuovi driver Catalyst, denominato VPU Recover. Questa funzionalità, una volta attivata, dovrebbe permettere di resettare a basso livello la scheda grafica e "ricaricare" solo i suoi driver quando, per esempio giocando, eventuali crash di sistema possono direttamente essere fatti risalire a problemi da essa dipendenti. Ciò significa, cioè, che se un gioco o un'applicazione si "impallano" a causa della scheda video, senza colpo ferire VPU Recover vi farà tornare al desktop come se nulla fosse successo. Benché la soluzione sia ancora a livello sperimentale, possiamo comunque dire che sembra funzionare in maniera abbastanza efficace: ci è già capitato, qualche volta, di vedere la classica schermata blu, ma invece di dover resettare in men che non si dica siamo stati riportati al desktop con tanto di schermata di richiesta se segnalare il problema direttamente in ATI per eventuali verifiche.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Sapphire Atlantis Radeon 9800 XT, montando il chip grafico più evoluto a disposizione al momento, si configura parimenti come una delle schede video più veloci acquistabili. La soluzione di raffreddamento è quella "standard" consigliata dalle specifiche ATI e ciononostante si rivela di buonissima qualità e di alta efficacia. Del resto, caratteristica peculiare di Radeon 9800 XT rispetto alla 9800 PRO sono proprio le maggiori frequenze di clock e la possibilità di aumentare le frequenze dinamicamente tramite OverDrive, e solo un buon sistema di raffreddamento può garantire la piena operatività in queste condizioni. Con questo pacchetto Sapphire fornisce anche Lara Croft Tomb Raider: The Angel of Darkness e il coupon per avere Half-Life 2 quando sarà disponibile (e fino a quel momento, il pacchetto di giochi in versione multiplayer di Valve), oltre al classico PowerDVD e all'utility RedLine per l'overclock. Si tratta, in definitiva, di un prodotto di buona qualità come molti altri di quelli realizzati da Sapphire negli ultimi mesi, consigliato a chi vuole o prendersi la scheda grafica di punta per il nuovo PC, oppure fare un sostanzioso upgrade da schede di precedente generazione e se la sente di spendere la somma necessaria ad assicurarsi l'ultimo ritrovato tecnologico.