Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Sapphire

Aggiungi alla collezione

Lati Positivi

  • PowerColor: memorie a 250 MHz
  • Entrambe: economiche
  • Entrambe: full DirectX 8.1

Lati Negativi

  • PowerColor: compatibilità
  • Sapphire: memorie a 200 MHz

Hardware

Le due schede sono state provate su un Pentium 4 da 2,2 GHz con 512 MB di memoria RAM DDR PC2100 montati su scheda madre Intel con chipset i845D. Per la prova si è utilizzato un hard disk IBM DTLA da 60 GB, mentre il sistema operativo adottato è stato naturalmente Windows XP con i driver di riferimento Catalyst 3.2.
Recensione

Sapphire Atlantis Radeon 9100 vs PowerColor Radeon 9100

L'introduzione di Radeon 9000 ha sicuramente creato qualche piccolo problema politico ad ATi: il chip RV250 che lo muove, infatti, è sostanzialmente una versione più economica e leggermente meno performante di R200, il chip montato sulle pur sempre ottime Radeon 8500. Ma come era possibile proporre una scheda più veloce, con numerazione inferiore? Ecco perché sono nate le Radeon 9100...

di Antonino Tumeo, pubblicato il

I TEST

Le due schede hanno fornito valori piuttosto interessanti. Prima di tutto bisogna dire che i risultati offerti dal prodotto di Sapphire, come le frequenze più basse della memoria potevano già lasciare intuire, non riescono a reggere il passo con quelli del prodotto di PowerColor. Con i test effettuati con Unreal Tournament 2003, comunque, possiamo dire che le differenze non sono certamente sostanziali. Ci si assesta mediamente a 4, 5 fps in più, con distacchi che vanno progressivamente a ridursi con il crescere delle impostazioni di AntiAliasing, in entrambe le modalità che caratterizzano gli algoritmi in SuperSampling di ATi, e cioè Performance (più veloce, ma meno efficace dal punto di vista visivo) e Quality (più lento, ma maggiormente appagante). Cosa comprensibile, del resto, poiché salendo di impostazioni qualitative e di risoluzione si incorre più nei limiti architetturali che in quelli di semplice frequenza dei prodotti. Serious Sam The Second Encounter conferma sostanzialmente questi dati, anche se forse il distacco percentuale delle schede, poiché ci si assesta su frame rate un po' più bassi che quelli forniti nei test con il gioco di EPIC, è leggermente più alto. Anche Quake 3 fornisce numeri interessanti che mettono in risalto distacchi dello stesso livello, con differenze che si evidenziano come di consueto alle medie risoluzioni, per poi livellarsi salendo ed attivando i filtri.
Un po' sorprendente è risultato essere però il risultato di 3D Mark 03. Il prodotto PowerColor è naturalmente rimasto davanti davanti a quello Sapphire per le differenze di clock della memoria, ma quello che ci ha inizialmente lasciato qualche dubbio è stato il fatto che la scheda Sapphire Atlantis Radeon 9100 PRO rimaneva dietro anche ai numeri forniti da una 9000 PRO di Sapphire stessa. Il motivo è, probabilmente, dovuto al fatto che 3D Mark 03 sfrutta abbondantemente il single texturing (piuttosto che il multitexturing dove naturalmente la 9100 dovrebbe essere nettamente avvantaggiata per via delle due TMU) per cui la differente architettura delle due schede non influisce così tanto come invece fanno le frequenze diverse (275 MHz per core e memoria della 9000 PRO, 250 MHz e 200 MHz per core e memoria della 9100 di Sapphire come detto più sopra), soprattutto per quello che riguarda proprio la memoria. Tanto è vero che gli altri test, e Quake in particolare, dove il multitexturing è sfruttato ampiamente, paiono confermare il fatto che comunque anche la scheda Sapphire rimane un po' più veloce delle 9000 PRO. La scheda PowerColor rimane invece più agevolmente in testa in tutte le prove. Indiretta conferma riguardo a questa congettura arriva da 3D Mark 2001, dove posta la solita leadership della scheda PowerColor, la 9100 di Sapphire si guadagna un buon vantaggio rispetto ai numeri forniti dalle 9000 PRO.
D'altra parte, dobbiamo evidenziare anche qualche piccolo problema di compatibilità della scheda PowerColor, che non sembra aver gradito molto l'installazione su un Pentium 4 da 1,7 GHz con scheda madre i850 in quanto pur facendo partire correttamente il sistema e Windows XP, non ha consentito di terminare correttamente alcun gioco né alcun benchmark. Sul Pentium 4 da 2,2 GHz con scheda madre i 845D, invece, tutto è filato alla perfezione e con la massima stabilità. Nulla da segnalare, invece, da questo lato per la scheda di Sapphire.
Da notare, infine, anche il fatto che il supporto per AntiAliasing e Anisotropic Filtering sembrerebbe essere stato migliorato sui chip RV250 che muovono le Radeon 9000 PRO, sicchè percentualmente le Radeon 9100 perdono qualcosina di più attivando i filtri rispetto alle sorelle minori.

I GIUDIZI

È evidente che la scelta di utilizzare memorie a 250 MHz, e cioè alla stessa frequenza della GPU, avvantaggiano dal punto di vista prestazionale il prodotto PowerColor rispetto a quello Sapphire, che utilizza invece memorie DDR a soli 200 MHz. Che, però, la Radeon 9100 di Sapphire nasca con l'overclock già "in testa" è confermato dal fatto che viene fornita con l'utilità RedLine per poter adeguatamente modificare le frequenze nella maniera più fine le frequenze e "chiudere" così il gap prestazionale. L'unico dubbio è naturalmente quello che le memorie scelte da Sapphire non riescano a reggere un overclock di ben 50 MHz, ma tale questione potrà essere chiarita solo provando direttamente il singolo prodotto, in quanto non di rado sullo stesso modello cambia spesso il fornitore dei moduli di memoria. Chiarito questo, possiamo comunque concludere che l'operazione di ATi è in definitiva riuscita abbastanza bene: un prodotto ancora valido come la Radeon 8500 (che, non dimentichiamolo, ha probabilmente segnato il vero inizio del rilancio della casa canadese) è riuscito, grazie alla ridenominazione, ad ottenere ancora per un po' la luce della ribalta venendo proposto come eccellente soluzione per la fascia bassa. E non ci sono grossi dubbi che, grazie alla completa compatibilità con le specifiche DirectX 8.1 (leggasi vertex shader 1.4), si ponga al momento, per lo meno fino all'arrivo delle Radeon 9200 e delle interessanti soluzioni nVidia basate su DirectX 9.0 con le GeForce FX 5200, come una tra le migliori scelte per chiunque voglia avere un'ottima scheda grafica per far girare tutto il software attuale a buone velocità e ad alte risoluzioni (senza però chiaramente pensare di poter attivare i filtri) con una prospettiva di longevità tutto sommato ancora buona, ma non è disposto a investire troppo per il sottosistema video o non ritiene necessario per il livello del proprio PC acquistare una soluzione da fascia media o alta.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Entrambe le schede basate su Radeon 9100 riescono a rilanciare con successo il vecchio, storico Radeon 8500 sotto nuove spoglie nella fascia bassa del mercato. Con 128 MB di memoria, sia la Radeon 9100 di PowerColor che la Atlantis Radeon 9100 di Sapphire si propongono indubbiamente come interessanti soluzioni per chiunque abbia un budget limitato o voglia aggiornare il proprio sistema di non ultima generazione con un prodotto economico ma performante. Entrambe in grado di far girare tutti i giochi di ultima generazione, seppure potendo permettere al massimo l'attivazione dei livelli più bassi dei miglioramenti qualitativi, garantiscono anche una buona longevità dell'investimento grazie alla completa compatibilità DirectX 8.1. Una nota di merito va alla scheda PowerColor per i 50 MHz in più nella frequenza della memoria, che le fanno battere in tutte le situazioni la scheda Sapphire. Frequenze di memoria più basse (ma comunque aumentabili con l'utilità fornita "di serie" RedLine) che in qualche situazione producono con la scheda Sapphire prestazioni sul livello della sorella minore Radeon 9000 PRO. D'altra parte, una nota di merito va anche alla scheda Sapphire che nelle prove ha dimostrato di creare qualche problema di compatibilità in meno. Insomma, in attesa di Radeon 9200 e GeForce FX 5200, queste schede, assieme anche alle Radeon 9000, rappresentano senza dubbio alcuno le migliori soluzioni al momento per la fascia bassa del mercato.