Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Sapphire

Aggiungi alla collezione

Lati Positivi

  • PowerColor: memorie a 250 MHz
  • Entrambe: economiche
  • Entrambe: full DirectX 8.1

Lati Negativi

  • PowerColor: compatibilità
  • Sapphire: memorie a 200 MHz

Hardware

Le due schede sono state provate su un Pentium 4 da 2,2 GHz con 512 MB di memoria RAM DDR PC2100 montati su scheda madre Intel con chipset i845D. Per la prova si è utilizzato un hard disk IBM DTLA da 60 GB, mentre il sistema operativo adottato è stato naturalmente Windows XP con i driver di riferimento Catalyst 3.2.
Recensione

Sapphire Atlantis Radeon 9100 vs PowerColor Radeon 9100

L'introduzione di Radeon 9000 ha sicuramente creato qualche piccolo problema politico ad ATi: il chip RV250 che lo muove, infatti, è sostanzialmente una versione più economica e leggermente meno performante di R200, il chip montato sulle pur sempre ottime Radeon 8500. Ma come era possibile proporre una scheda più veloce, con numerazione inferiore? Ecco perché sono nate le Radeon 9100...

di Antonino Tumeo, pubblicato il

Radeon 9100. Una strategia di marketing? Anche, ma tutto sommato giustificata perché, come già illustrato a tempo debito, il chip che muove le Radeon 9000 (RV250) è stato realizzato in maniera tale da ridurre i costi (riducendo il numero di transistor) dall'eccellente R200, il cuore delle Radeon 8500. E chiaramente, per quanto sia stato ottimizzato (soprattutto con AntiAliasing e Anisotropic Filtering attivato), è difficile che un chip con una sola TMU per pipeline, riesca a rendere di più, soprattutto con giochi ancora "freschi" come quelli che sfruttano il motore di Quake 3 e supportano in pieno il multitexturing, di un chip grafico con due TMU per pipeline, a parità di numero di pipeline. Ma, diciamocelo, continuare a vendere una scheda con numerazione "inferiore", vuoi per finire dei svuotare i magazzini di un prodotto di successo, vuoi perché è tutto sommato, date le prestazioni sempre molto buone, ancora un'idea valida mantenerlo in listino, rispetto ad un'altra che fornisce però prestazioni inferiori, non sarebbe stato molto chiaro per gli utenti più inesperti. L'unica mossa "sensata" è stata dunque quella di continuare a produrre schede basate R200 ma, sostanzialmente, ridenominarle da Radeon 8500 a Radeon 9100. Inutile però continuare a mantenere tutta la linea di chip che presentava versioni 8500 e 8500LE a diverse frequenze. Molto meglio, invece, fornire un unico chip, a 250 MHz, e permettere ai vari integratori di scegliere memorie con frequenze che loro aggradassero... E così hanno deciso di fare Sapphire e PowerColor, con i due prodotti che andiamo ora ad analizzare.

SAPPHIRE ATLANTIS RADEON 9100

La scheda Radeon 9100 di Sapphire presenta giustappunto il chip con nome in codice R200 alla frequenza di 250 MHz. La memoria, in quantità di 128 MB, prodotta da ESMT, presenta però una frequenza di clock di soli 200 MHz (ovviamente DDR, per cui in grado di garantire trasferimenti sul fronte di salita e sul fronte di discesa del segnale di clock). La scheda presenta naturalmente tutte le caratteristiche che erano proprie delle Radeon 8500, montando sostanzialmente lo stesso chip. Abbiamo dunque nell'ordine 4 pipeline con due texture unit per ciascuna in grado di eseguire pixel shader in standard 1.4, 2 unità geometriche in grado di gestire vertex shader 1.1 in standard DirectX 8.1. Presente Truform, il supporto per le superfici di ordine superiore tramite n-patches nella sua prima versione, così come il sistema di ottimizzazione della banda di memoria (Z-Compression, Hierarchical Z e Fast Z Clear) HyperZ in versione II, e la prima versione di SmoothVision, il sistema di AntiAliasing (su R200 solo con supporto per gli algoritmi di SuperSampling) e Anisotropic Filtering adattivo di ATi. Le uscite disponibili sulla scheda sono quelle classiche, e cioè: VGA, TV Out e DVI, controllate rispettivamente dai due DAC a 400 MHz e dal TMDS transmitter a 165 MHz integrati. Nella scatola presenti, oltre al manuale, il CD dei driver contenenti anche un'utilità per overclockare chip grafico e memoria denominata RedLine, un cavo per adattare l'uscita TV S-VHS a RCA, e una piccola prolunga RCA-RCA.

POWERCOLOR RADEON 9100

Anche la scheda Power Color presenta il chip R200 alla frequenza di 250 MHz. Diversa è invece la marca e la velocità dei 128 MB di memoria: si tratta di moduli DDR Hynix a 250 MHz. Invariate le restanti caratteristiche della scheda, poiché naturalmente sono dovute alle specifiche del chip grafico: 4 pipeline con 2 TMU e supporto per pixel shader 1.4, 2 unità geometriche compatibili con vertex shader 1.1, Truform con le sue n-patches, HyperZ II per l'ottimizzazione della banda di memoria, SmoothVision con il suo AntiAliasing in SuperSampling e l'Anisotropic Filtering adattivo. Anche la scheda PowerColor presenta le tre canoniche uscite, VGA, TV-OUT e DVI, gestite dai due DAC a 400 MHz e dal TDMS transmitter integrati. Nella scatola presenti manuale e e CD con i driver della scheda, cavo di conversione per l'uscita video da S-VHS a RCA composito, adattatore da uscita DVI a VGA, e prolunga video.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Entrambe le schede basate su Radeon 9100 riescono a rilanciare con successo il vecchio, storico Radeon 8500 sotto nuove spoglie nella fascia bassa del mercato. Con 128 MB di memoria, sia la Radeon 9100 di PowerColor che la Atlantis Radeon 9100 di Sapphire si propongono indubbiamente come interessanti soluzioni per chiunque abbia un budget limitato o voglia aggiornare il proprio sistema di non ultima generazione con un prodotto economico ma performante. Entrambe in grado di far girare tutti i giochi di ultima generazione, seppure potendo permettere al massimo l'attivazione dei livelli più bassi dei miglioramenti qualitativi, garantiscono anche una buona longevità dell'investimento grazie alla completa compatibilità DirectX 8.1. Una nota di merito va alla scheda PowerColor per i 50 MHz in più nella frequenza della memoria, che le fanno battere in tutte le situazioni la scheda Sapphire. Frequenze di memoria più basse (ma comunque aumentabili con l'utilità fornita "di serie" RedLine) che in qualche situazione producono con la scheda Sapphire prestazioni sul livello della sorella minore Radeon 9000 PRO. D'altra parte, una nota di merito va anche alla scheda Sapphire che nelle prove ha dimostrato di creare qualche problema di compatibilità in meno. Insomma, in attesa di Radeon 9200 e GeForce FX 5200, queste schede, assieme anche alle Radeon 9000, rappresentano senza dubbio alcuno le migliori soluzioni al momento per la fascia bassa del mercato.