Genere
Gestionale
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
3+
Prezzo
49,99 Euro
Data di uscita
2/11/2007

Scudetto 2008 Championship Manager

Scudetto 2008 Championship Manager Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Eidos Interactive
Sviluppatore
Beautiful Game Studios
Genere
Gestionale
PEGI
3+
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
2/11/2007
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
4
Prezzo
49,99 Euro

Hardware

Scudetto 2008 Championship Manager è stato testato su un Pentium 4 a 3 GHz dotato di 1 GB di RAM scheda video ATI X1900XT. Chiaramente non è la scheda grafica a fare la differenza in questo genere di giochi, quanto la disponibilità di memoria RAM di sistema. Il gioco non ha mai dato problemi di rallentamento, ma sono comunque consigliati 2 GB di RAM per poter gestire meglio più campionati contemporaneamente.

Multiplayer

Scudetto 2008 Championship Manager offre una modalità multiplayer per quattro giocatori in locale. Non è prevista alcuna modalità online.

Link

Recensione

Una vita da allenatore

Dal lunedì alla partita della domenica!

di Francesco Sauda, pubblicato il

La vita dell’allenatore può riservare continue sorprese e un bravo tecnico deve sempre tenere presente che un giorno si è eroi e il giorno dopo si può essere esonerati. Andiamo a vivere insieme una settimana da allenatore in Scudetto 2008 per comprendere meglio pregi e difetti di un lavoro che moltissimi invidiano.

ODIO I LUNEDÌ

Il lunedì mattina solitamente si imposta l’allenamento mirato per i giocatori, che permette di dare maggior carico di lavoro a quelli che non hanno giocato la domenica e magari partire in modo un po’ più blando per i titolari affaticati. Il sistema di allenamento è davvero semplice da gestire con comodi menu a tendina, che in pochi click permettono di impostare qualsiasi parametro.
Il martedì controlliamo lo stato di forma e d’animo dei giocatori.
È fondamentale creare il giusto ritmo partita per i titolari. Chi non viene molto utilizzato infatti non riesce ad entrare nella corretta forma stancandosi più facilmente durante i match e non rendendo comunque al 100% delle sue possibilità. Un buon allenatore valuta sempre anche le condizioni psicologiche dei proprio atleti e chiaramente un giocatore contento renderà di più e meglio di uno scontento. Scudetto 2008 gestisce bene anche tutti questi aspetti anche se poi sul campo è sempre e comunque meglio far giocare i propri giocatori più forti, indipendentemente da tutto. In parole povere un bomber di razza deluso è comunque migliore di un giocatore mediocre molto felice in squadra!

A CONTATTO CON IL MONDO

Le news sullo stato di forma, sul calciomercato, sugli infortuni e via dicendo ci accompagnano per tutta la settimana permettendoci di avere una visione costantemente aggiornata di quanto succede nel mondo. Su ogni news il soggetto principale è dotato di un link, in modo da poter facilmente raggiungere le schede relative agli argomenti trattati. Se per esempio si parla dell’acquisto di Ronaldinho da parte del Brescia, della news è facilissimo raggiungere la scheda giocatore e la scheda squadra per saperne di più. Niente di trascendentale, ma comunque ben congegnato.

IL GIORNO DEI GIORNI

Arriviamo finalmente alla domenica dove, dopo la naturale scelta del modulo tattico (ce ne sono moltissimi pre-impostati) e della formazione è il momento di scendere in campo. Scudetto 2008 permette di osservare il match da ben dieci angolazioni differenti oltre che poter regolare la velocità con cui scorre il tempo in game.
Ogni azione saliente viene mostrata a video grazie ad una grafica spartana, ma comunque efficace. I giocatori vengono valutati in tempo reale con voti e frecce verdi verso l’alto o rosse verso il basso che indicano la tendenza durante la partita e questo permette di correre ai ripari molto rapidamente in caso di prestazioni disastrose (sempre dietro l’angolo!).
Se tutto questo contorno risulta davvero chiaro e ben fatto, il vero punto debole di Scudetto 2008 è il comportamento sul campo dei giocatori che spesso compiono azioni assurde o errori macroscopici in grado di rovinare anche le migliori tattiche. L’errore nel calcio ci sta, ma nel gioco la quantità è davvero troppo elevata. Chiudendo un occhio su questo problema la fase della partita scorre piacevolmente e vincere le sfide più ostiche è davvero fonte di soddisfazione. A fine partita l’utile ProZone ci permette di analizzare in ogni dettaglio la partita appena disputata.
La domenica sera finalmente un po’ di meritato riposo, si spegne il computer e ci si affossa nel divano davanti a Controcampo.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Clicca qui per inserire il commento