Genere
ND
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
89.900 lire
Data di uscita
29/3/2001

Serious Sam: The First Encounter

Serious Sam: The First Encounter Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Croteam
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
29/3/2001
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
89.900 lire

Hardware

Testato su un Pentium III 550 MHz, con 128 MB di RAM e Geforce 2 GTS il gioco schizzava alla risoluzione di 800*600 con profondità di colore a 32 Bit. Le specifiche minime parlano comunque di un Pentium II qualsiasi, 64 MB di RAM e una scheda acceleratrice OpenGL.

Multiplayer

Le modalità multigiocatore presenti un questo compatibility test sono tre: il classico DeathMatch, una sorta di DeathMatch a punti (dove ogni contendente si appropria dei punti-vita degli avversari a ogni frag effettuato) e la bellissima modalità cooperativa, una strada troppo spesso tralasciata in questi anni votati al multiplayer.

Link

Anteprima

Serious Sam: The First Encounter

Croteam: segnamoci questo nome perché ne sentiremo ancora parlare. Dopo anni e anni di sparatutto 3D, proprio quando una nuova linfa vitale sembrava rivitalizzare il genere, ecco un team di sviluppo che torna prepotentemente alle origini.

di Simone Soletta, pubblicato il

Serious Sam non tralascia, infatti, di fornire a ogni personaggio un background completo, che ne definisce anche le tattiche di attacco. Una sorta di "finestra informativa", infatti, sarà sempre e costantemente a disposizione del giocatore e gli permetterà di analizzare ogni singola creatura presente nel gioco, così come l'analisi approfondita di determinate situazioni potrà aiutare nella risoluzione degli enigmi del gioco.
Accedere a questo database è importantissimo perché ci permetterà di inquadrare, a mano a mano che si avanza nel gioco, le creature nemiche e capire perché si comportano in un certo modo o privilegiano una particolare tattica di attacco, magari sfruttabile a nostro vantaggio.

FARE DEL MALE: GINGILLI PER TUTTI I GUSTI

Le armi a disposizione del giocatore sono realizzate, anche queste, in maniera eccellente. Si parte con una scarsissima pistola, che ben presto potremo raddoppiare per un impostazione in puro stile John Woo. Sicuramente, però, armi più potenti saranno necessarie per poter fronteggiare l'incredibile numero di nemici che ci troveremo davanti. Ecco quindi giungere in nostro aiuto shotgun, mitragliatori, lanciarazzi... Le armi saranno inoltre dotate di due modalità di fuoco distinte, atte ad aggiungere ulteriori varianti d'attacco. La grande varietà dei nemici che incontreremo contribuisce fin da questa versione preliminare a convincerci che il bilanciamento delle armi sarà curatissimo: se in Quake III Arena è normale considerare predominante l'uso del lanciarazzi o del railgun, qui ci accorgeremo ben presto che contro alcuni nemici sarà più indicato scegliere armi diverse. Non potremo certo affrontare una sorta di Mech alto come una piramide con una semplice doppietta. Anche qui, quindi, sarà richiesta una certa attenzione nell'approccio e, soprattutto, bisognerà preservare le munizioni nel miglior modo possibile.

FRAGGA L'AMICO DEL CUORE

Con l'uscita della seconda versione del compatibility test di Serious Sam, è stato finalmente possibile provare uno degli aspetti più interessanti del gioco: la sezione multigiocatore.
Al di là di opzioni piuttosto canoniche, come il mai troppo giocato Deathmatch e una strana variante dello stesso basata però sull'introduzione dei punteggi "di vita e di morte", la caratteristica che ci aveva maggiormente incuriosito era rappresentata dalla modalità cooperativa.
E' così che, non appena possibile, ci siamo fiondati all'interno dell'enorme livello disponibile in compagnia di un fido "compagno d'armi". Serious Sam in modalità cooperativa è sicuramente intrigante, specialmente se, come nel nostro caso, i due contendenti potevano anche beneficiare del Microsoft GameVoice per ragionare sul da farsi in maniera più efficiente. La gestione delle armature e delle munizioni sul territorio diventa di fondamentale importanza durante una partita cooperativa e anche le tattiche di attacco possono essere assai più raffinate. Il problema è che l'incredibile numero di nemici che ci si troverà ad affrontare contribuirà ben presto a far svanire nel nulla ogni sorta di pianificazione, con i giocatori che fuggiranno in preda al panico inseguiti da bombaroli kamikaze ed enormi bufali impazziti. In ogni caso è stato bellissimo avvicinarsi a zone tetre della mappa, ben consci del fatto che la quiete non poteva essere che momentanea, scambiando commenti preoccupati con il nostro compagno di sventura.
E' stata anche inserita una modalità split screen, che permetterà a un massimo di quattro giocatori di sfidarsi su uno stesso PC. Se vi state chiedendo, inoltre, cosa abbiate comprato a fare una scheda video in grado di supportare due monitor, beh sappiate che Serious Sam è in grado di gestirli, separando le schermate multigiocatore su più monitor invece che dividere lo schermo.

PROMESSE DA MANTENERE...

Il gioco definitivo dovrebbe vedere la luce entro marzo 2001, quindi non resta molto da aspettare.
Sicuramente il lavoro alla base di questo titolo è eccellente, resta da vedere la longevità del prodotto finito, sia in ambito singolo (o cooperativo), sia nelle modalità multigiocatore più classiche. Quello che comunque possiamo già dire è che l'avvento di Serious Sam potrebbe portare una ventata di aria nuova per chi non si fosse avvicinato ai giochi per PC abbastanza presto per conoscere i capostipiti del genere; per tutti gli altri, invece, il gioco di Croteam non potrà che rappresentare un fenomenale ritorno alle origini.