Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
24/6/2011

Shadows of the Damned

Shadows of the Damned Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Grasshopper Manufacture
Genere
Azione
Data di uscita
24/6/2011
Data di uscita americana
21/6/2011

Hardware

Shadows of the Damned è previsto solo su Xbox 360 e PlayStation 3 (versione provata nell'articolo). Su PS3, non è richiesta alcuna installazione di avvio.

Multiplayer

Non sono previste opzioni multigiocatore in Shadows of the Damned.

Modus Operandi

L'anteprima è riferita ai primi due atti del gioco, provati su una versione (quasi completa) fornita dalla casa madre, in formato per console debug.

Link

Hands On

Grindhouse e Planet Terror

L'insegnante demoniaca va alle elementari.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Le meccaniche di gioco sono quelle classiche degli shooter in terza persona legati alla scuola action: si avanza nello scenario sparando all'impazzata, evitando gli attacchi dei nemici e risolvendo alcuni semplici enigmi. Nel mentre, spunta qualche bonus da raccogliere per potenziare le nostre armi o come scorta per ricaricare l'energia, per fortuna non autorigenerante come quella presente in quasi tutti gli shooter dopo Halo. In Shadows of the Damned diminuisce e non rispunta da sola, quindi una volta esaurite le provviste (super alcolici, nientemeno) si rimane alla mercé del nemico.

cosa vuoi raccogliere oggi?

L'oggettistica è naturalmente assurda come tutto il resto del gioco, non a caso per aprire le porte è necessario dar da mangiare la frutta giusta alle stesse porte, cercandole all'interno di forzieri nascosti nello scenario. La rappresentazione degli stessi bonus richiama i vecchi giochi da sala con oggetti enormi che risplendono in mezzo alla mappa ed effetti sonori molto rumorosi per quando li si raccoglie. Una serie di elementi retrò che si ritrovano anche nella struttura dei combattimenti e nel modo in cui i nemici si lanciano semplicemente contro di noi senza particolare attenzione alla loro sopravvivenza. Dal demone più comune al boss di fine livello, gli avversari adottano la classica strategia del "tutti contro uno" e non richiedono un particolare studio strategico, ma solo la memorizzazione dei loro attacchi. Il che appiattisce, in prospettiva, l'interesse sul lungo termine quando cioè le varie battute di spirito e tutti i dialoghi sopra le righe non faranno più effetto sul giocatore. La sostanza che sta sotto alla presentazione, insomma, non sembra particolarmente ricca anche perché i primi livelli giocati erano un'unica corsa lineare in avanti, e l'interazione (o utilizzo) degli ambienti quasi inesistente.

Anche i boss più grossi e cattivi hanno punti deboli...molto grossi - Shadows of the Damned
Anche i boss più grossi e cattivi hanno punti deboli...molto grossi

così veloce che puoi perdere l'equilibrio

Come tutte le versioni di prova date alla stampa, anche questo codice è affiancato dal solito malloppo di note e rassicurazioni circa la versione finale, per aspetti come la fluidità, i tempi di caricamento, varie ed eventuali. In realtà il frame-rate, per quanto visto nei primi due atti del gioco, è sempre molto affidabile e non mostra alcuna incertezza nemmeno nelle fasi più movimentate (e sono tante). I caricamenti, invece, sono ancora da ottimizzare con pause molto frequenti anche nel passaggio da zone diverse dello stesso livello. Per quanto riguarda il lato realizzativo, la grafica ha un look molto particolare che a livello di pura stilizzazione di personaggi e scenari potrà non piacere a tutti. Il dettaglio è comunque elevato, anche se il fattore "trash" risulta spesso troppo importante. Se ricordate Dante's Inferno, siamo sugli stessi livelli di materiale violento, di cattivo gusto o semplicemente messo lì per dare fastidio ai benpensanti. E non si parla solo del linguaggio volgare o dei corpi mutilati ad ogni angolo, ma di dialoghi che calcano di continuo su doppisensi a sfondo sessuale, nemmeno fossimo in un film di Lino Banfi dei primi anni '80. Altre volte, l'umorismo è più fine come ad esempio nei manifesti elettorali che si incontrano in giro per lo scenario, raffiguranti Fleming (il super cattivo nemesi di Garcia). Lo slogan riportato recita infatti "vota Fleming, l'unico nome sulla scheda" con tanto di spiegazione su come indicare la propria preferenza. L'appuntamento è rimandato ai prossimi articoli su Shadows of the Damned, per sapere se anche voi dovrete dare la vostra preferenza al trio formato da Mikami, Suda e Yamaoka.


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    A me sembra un gioco abbastanza mediocre con un design del protagonista davvero brutto. Boh...
  2. Lylot72

     
    #2


    Diaciamo che si sono sprecati più sul versante artistico spingendo sul trash volgarotto.
    Per il resto è un classico arcade, riproposto in chiave moderna:
    si spara, enigma basilare, si spara, Boss.
  3. jpeg

     
    #3
    Ottimo, preview che mi riporta l'hype in carreggiata... Bene. :Q__ _
  4. Cliff

     
    #4
    non sembra male come gioco...ma ho paura si pompi troppo per poi essere davvero mediocre come dite...spero di no...le ambientazioni strane e piene di demoni nei giochi mi affascinano sempre,bisognerà vedere se in queste saranno ripetitive...come anche il gameplay...la storia è quella che farà storcere di più il naso a mio giudizio...se davvero sarà un gioco trash allora sarà banale e non molto importante...il personaggio anche a mio parere è davvero brutto...il classico stereotipo dell'ispanico tamarro...vabbè speriamo in bene...per ora si tiene d'occhio...
  5. Lylot72

     
    #5
    Cliff...il personaggio anche a mio parere è davvero brutto...il classico stereotipo dell'ispanico tamarro...vabbè speriamo in bene...per ora si tiene d'occhio...
    E' tutto voluto. Basta vedere come si prendono in giro i 2 programmatori nel video.
    Il gioco punta propio ad essere
    sopra le righe, caciarone un arcade puro spettacolarizzato in chiave moderna, semplice diretto, per un pubblico che non vuole, più di tanto, "pensare" :D .
  6. bibbi 76

     
    #6
    jpegOttimo, preview che mi riporta l'hype in carreggiata... Bene. :Q__ _

    A me l' hype è andato a belle donne invece, tutta colpa di quei dannati First seven minutes of gameplay di ieri. XD
  7. Cliff

     
    #7
    eh lo so che è tutto voluto ma almeno il personaggio doveva essere un po' più decente...boh cmq mi attira per le ambientazioni quindi lo tengo d'occhio,adesso mi sparo i video del gameplay così giudico meglio....;)
  8. Meno D Zero

     
    #8
    io me la rischio e lo prendo a scatola chiusa, diciamo che ho fiuto per ste minchiate.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!