Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

I Simpson: Springfield

I Simpson: Springfield Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts

Lati Positivi

  • Ironia della serie riprodotta fedelmente
  • Graficamente indistinguibile da cartoon
  • Voci originali

Lati Negativi

  • Caricamenti lunghi
  • Attività multiplayer collegate obbligatoriamente a Origin
  • Lunghi momenti di inattività
Recensione

Tutti a Springfield

Quattro passi tra i Simpsons e il loro concittadini su piattaforme iOS.

di Claudio Magistrelli, pubblicato il

I giochi freemium sono potenzialmente molto pericolosi. All'apparenza paiono gratuiti, ma ben presto producono la smania di avere nuovi oggetti, e la tentazione di acquistarli usando soldi reali è sempre dietro l'angolo. Per le menti più semplici non deve essere facile resistere, figuriamoci per gli idioti. Ecco, provate ad immaginare cosa potrebbe succedere se Homer Simpsons entrasse in uno di questi mondi virtuali. Anzi, non c'è bisogno di immaginarlo, come andrebbe ce lo racconta Springfield, da poco (nuovamente) disponibile su iOS.

D'OH!
Il finale della storia è facilmente immaginabile: Homer, distratto dal gioco su cui ha appena speso 1000$ in elfi, non si accorge della fusione del nocciolo della centrale, causando così l'ennesimo incidente nucleare sul suolo di Springfield. Questa volta però il danno è notevole: la cittadina è stata completamente rasa al suolo. Il solo sopravvissuto è Homer, la cui fortuna è stata quella di trovarsi esattamente al centro dell'esplosione, e ora spetta a lui occuparsi della ricostruzione.

Inizialmente avrete a 	disposizione solo un cumulo di macerie e la "sagacia" di Homer - I Simpson: Springfield
Inizialmente avrete a disposizione solo un cumulo di macerie e la "sagacia" di Homer

Il gioco, di per se, assomiglia ai tanti social game che ormai popolano sulle più disparate piattaforme, sulla scia di Farmville per capirci. Lo schema base è quello di un gestionale in cui i compiti da svolgere sono associati agli abitanti di Springfield che ripopoleranno la città dopo aver ricostruito le loro abitazioni. Inizialmente Homer sarà assistito dalla sola Lisa, ma nel corso delle prime ore di gioco compariranno anche Apu col suo Jet Market, il vicino vicinuccio Ned Flanders e l'allocco Cletus. Ogni compito portato a termine con successo vi ricompensa con dollari virtuali, punti esperienza e, in alcuni casi, delle ciambelle radioattive. Questi dolcetti, rimasti molto vicino ad Homer durante l'esplosione, sono molto preziosi grazie alla proprietà di velocizzare l'esecuzione dei compiti più complessi. Le quest più remunerative in termini di dollari e di XP infatti possono occupare personaggi ed edifici per diverse ore (Homer può rilassarsi per 6 ore consecutive nella sauna dei vicini, mentre Lisa può impiegare un'intera giornata per fare i compiti dell'intera settimana) e nel caso siate impazienti di vedere i frutti delle vostre fatiche potreste dunque utilizzare qualche ciambella per accorciare i tempi. Il gioco, naturalmente, è molto parco nella distribuzione di queste preziose ciambelle e quindi nelle prime fasi di gioco vi ritroverete spesso ad attendere senza nulla da fare, mentre tutti i personaggi sono in altre faccende affaccendati. L'alternativa è l'acquisto con soldi veri di confezioni più o meno grandi di ciambelle: si va da 1,59 euro per una dozzina fino ai 79,99 per la scorta vitalizia da 2400 ciambelle. Ad ogni modo, anche senza spendere soldi per accorciare i tempi non correte il rischio di dimenticarvi dei vostri gialli cittadini: se avete abilitato le notifiche la voce di Homer vi avviserà ogni volta che un compito è stato portato a termine, anche ad applicazione chiusa, e naturalmente nei momenti più inopportuni!

 	 	I personaggi della 	serie sono raccolti in gruppi, e l'obiettivo ovviamente è 	sbloccarli tutti  - I Simpson: Springfield
I personaggi della serie sono raccolti in gruppi, e l'obiettivo ovviamente è sbloccarli tutti

IL TEMPO È DENARO
Nulla di nuovo dunque? Siamo di fronte a un social game come ce ne sono tanti? Sì e no. È indubbio che le meccaniche siano quelle tipiche di questo genere, che tanto fanno storcere il naso ai giocatori più smaliziati, ma il il richiamo dei Simpsons è forte e la filosofia di Springfield impregna davvero ogni angolo della cittadina che andremo a ricostruire. Tutte le quest sono scritte come se ci trovassimo in un episodio della serie, prendono il via da dialoghi surreali (tutti tradotti in italiano) e sono studiate ad hoc per ogni personaggio: Ned dovrà occuparsi del catechismo di emergenza, Apu avrà i turni di 8 ore al Jet Market e l'esercito di pupi da accudire, mentre Lisa si occuperà del mantenimento dell'equilibrio ecologico di Springfield. Anche i parametri da tenere sott'occhio sono esposti con la medesima ironia. Il Conformometro misura il grado di conformismo secondo una media di 8 parametri, tra Indolenza (“Compra case in cui la gente può litigare e dormire”), Consumismo (“Compra negozi per far sganciare grana agli allocchi”) e Rettidudine (“Tieni criminali e graffiti lontani dalle strade”): alcuni brutti ceffi come Telespalla Bob si aggireranno ogni tanto per le strade della cittadina e dovrete essere rapidi a catturarli con un colpo di tap per evitare guai.

 	 	Ci vorrà un po', ma 	osservare Springfiled fare ritorno al suo splendore è una 	soddisfazione  - I Simpson: Springfield
Ci vorrà un po', ma osservare Springfiled fare ritorno al suo splendore è una soddisfazione

Uno dei topos classici del genere è la visita al giardino/città/ristorante virtuale gestito dagli amici. Ma di Springfiled ce n'è solo una, come se ne possono visitare altre? A risolvere l'inghippo spazio-temporale ci pensa il professor Wink, rivelando che l'esplosione ha generato realtà diverse e parallele che sono liberamente esplorabili una volta ogni 24 ore. Durante la visita alle Springfield degli amici potrete razziare un massimo di tre edifici per sottrarre ai “cari” amici soldi ed XP. Ma chi sono questi amici? Questa è una nota dolente: gli amici possono essere aggiunti solo attraverso il servizio Origin di EA, altrimenti è disponibile solo un'altra Springfield virtuale, gestita però dalla CPU. Se non volete iscrivervi a Origin o non avete amici che utilizzano quella piattaforma siete insomma destinati a giocare da soli, a meno che non vogliate frequentare le città di emeriti sconosciuti.
I dolori purtroppo non finiscono qui. Uno dei problemi più evidenti riguarda i tempi di caricamento, decisamente più lunghi della media. Un altro aspetto infine che procurerà parecchi malumori riguarda invece la perdita di tutti i risultati ottenuti in precedenza da chi avesse scaricato l'applicazione mesi fa, prima che fosse ritirata dallo Store per il processo di revisione che ha portato a questa nuova edizione.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
I Simpsons: Springfield pesca a piene mani nella mitologia della serie tv riproponendone personaggi, luoghi e tematiche. Forse è per questo che riesce a risultare sorprendentemente interessante anche per quanti non abbiamo mai digerito prima le dinamiche di social game e affini. Certo, l'esperienza di gioco spesso si riduce a brevi sessioni di una manciata di minuti in cui organizzare le attività dei diversi personaggi, ma la curiosità di scoprire quale sarà il prossimo celebre cittadino a fare la sua comparsa o in quale nuovo guaio si caccerà Homer è una molla sufficiente ad avviare l'applicazione almeno una volta al giorno.

Commenti

  1. MANNAI_97

     
    #1
    Interessante:megusta:


    Ma lo vedremo mai su Android?
  2. ~Kyjus~

     
    #2
    Sembra carino il gioco
  3. Tass3001

     
    #3
    Sembra promettere bene :)
  4. Alessandro Velotto

    #4
    Hey! Aggiungimi SUll gioco per Iphone Sipson: Springfield nome: alessandrino567 ;-D
  5. Alex E Michelle Intelisano

    #5
    Scusare ma come si gioca
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!