Genere
Sparatutto
Lingua
ND
PEGI
18+
Prezzo
€ 64,99
Data di uscita
25/6/2010

Singularity

Singularity Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Raven Software
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Activision Blizzard Italia
Data di uscita
25/6/2010
Data di uscita americana
29/6/2010
Prezzo
€ 64,99

Hardware

Il gioco è in sviluppo presso gli uffici di Raven Software per PC, PlayStation 3 e Xbox 360. Il motore grafico utilizzato è l'Unreal Engine 3.0, opportunamente modificato e riadattato. Durante la prova diretta e l'incontro con gli sviluppatori, abbiamo sempre avuto a disposizione la versione per l'ammiraglia Microsoft, che mostrava ancora qualche necessità di rifinitura a livello visivo.

Multiplayer

Non è ancora stata rivelata alcuna informazione sulla modalità a più giocatori che, in ogni caso, dovrebbe essere presente nella versione definitiva.

Link

Hands On

[GC 09] La Singolarità di Activision

Manipoliamo il tempo a caccia di una verità nascosta.

di Jacopo Mauri, pubblicato il

Il concetto di singolarità è molto complesso, nonché variabile a seconda della disciplina cui viene applicato. Quello che più pare avvicinarsi alla sostanza del gioco in lavorazione presso gli uffici di Raven Software è in riferimento all'analisi matematica, per cui la singolarità è un "punto di discontinuità": un qualcosa, insomma, che ricorda molto da vicino le sensazioni che abbiamo provato durante il nostro primo "hands-on" in occasione della Gamescom 2009.

Esploratori del tempo

In realtà il termine Singularity si riferisce, nella storia narrata dal gioco, a una tremenda esplosione avvenuta nel 1950 in un'isola misteriosa, durante alcune esperimenti biologico-militari portati avanti dalla Russia. In piena guerra fredda, insomma, qualcosa è andato storto, e nel 2010 (anno in cui per altro il gioco arriverà sugli scaffali) il pilota Nate Ranco viene mandato in missione per scoprirne di più.
Neanche a dirlo, la cosa si rivela ben più difficile del previsto, tanto che, dopo essere precipitato, il nostro eroe e alter-ego si trova decisamente nei pasticci: tutta la zona sembra infatti temporalmente instabile, come se ci fosse una pericolosa "discontinuità" tra diverse dimensioni, in un complesso e spiazzante intreccio di fatti e fenomeni.
È l'intero gioco a far leva su questa intrigante soluzione di gameplay, laddove fin da subito al giocatore sarà consentito di usare il TMD, ovvero Time Manipulation Device: un dispositivo in grado di controllare il tempo spostandolo in avanti o indietro. All'atto pratico, è sufficiente ricorrere ai grilletti del joypad per attivare questa funzione, decidendo di volta in volta se si vuole procedere o regredire nel tempo, ottenendo i conseguenti effetti su oggetti e... mostri.
Sì perché, fondamentalmente, il TMD può essere utilizzato come una vera e propria arma, per trasformare in larve i propri nemici o vederli diventare un mucchietto di polvere. In entrambi i casi, una fine poco gloriosa, ma sicuramente molto efficace e spettacolare.

Realtà parallele

Quel che maggiormente ha stupito vedendo all'opera Singularity è il grande lavoro fatto nell'intrecciare le differenti realtà temporali. A causa dell'esplosione risalente al 1950, infatti, la realtà del tempo e quella attuale del 2010 si mischiano continuamente, creando un effetto di smarrimento e suspance davvero notevoli.
Camminando per bui corridoi o spazi aperti, non di rado (anzi!) capita di sussultare nel vedere corpi, mostri e avvenimenti passare davanti ai nostri occhi, solo per rendersi conto, dopo una frazione di secondo, che era tutto un "flashback". E appena compreso questo, neanche il tempo di tirare il fiato ed ecco che due mostri dall'aspetto raccapricciante ci si lanciano addosso, strillando come ossessi!
Gli ambienti di gioco non cercano del resto di mettere a proprio agio il giocatore, configurandosi come la classica regione devastata da esplosioni, con edifici ancora in fiamme. Assistere alle varie allucinazioni risulta quindi molto emozionante, specialmente perché molte di queste hanno un carattere estremamente crudo: in un caso, abbiamo visto una piccola creatura aliena saltellare davanti a due civili, per poi entrare nel corpo del primo che, immediatamente, si è scagliato con inumana aggressività sull'altro.
La domanda sorge spontanea: che tipo di esperimenti si stavano portando avanti in questa isola maledetta?

Un TMD tuttofare

Tornando al fulcro del gameplay, ovvero il TMD, notiamo fin da subito come questo si ponga tanto come arma quanto come strumento con cui risolvere enigmi e interagire con il livello di gioco. Come arma, non solo serve per sbarazzarsi dei nemici tramite manipolazione del tempo, ma è anche utile per prendere e spostare oggetti tenendoli in stallo temporale. Così, se un nemico dotato di lanciamissili fa partire un colpo verso di noi, possiamo fermare il proiettile, girarlo con tutta calma (non passando il tempo, non esploderà), e quindi rilasciarlo verso il nemico stesso, sbarazzandocene una volta per tutte.
Inoltre, il TMD può essere usato per intervenire sull'ambiente circostante: alcuni degli oggetti sparsi per i livelli (e, per la precisione, solo quelli coinvolti dall’esplosione del 1950) possono essere manipolati a proprio vantaggio. Un ponte distrutto può essere ripristinato, così come un muro che ostacola il passaggio può essere abbattuto. Senza considerare l’ormai arcinoto barile di benzina devastato dal tempo che, riportato "in vita", può essere fatto esplodere per liberare una strada o eliminare un nemico.
In chiusura, una piccola considerazione circa l'aspetto tecnico: la realizzazione generale è senza dubbio interessante, con toni cupi e freddi che governano l'atmosfera di instabilità generale. I modelli tridimensionali dei mostri assolvono discretamente al proprio dovere, pur senza eccellere in quanti a ricercatezza del design, né in quanto a qualità delle texture. Più che altro, pare che tutto il lato grafico debba ancora essere rifinito a dovere, in modo da coadiuvare al meglio l'esperienza di un gameplay che sembra davvero in grado di regalare molte emozioni, e di riservare sorprese di una certa caratura.


Commenti

  1. D4NI3L3

     
    #1
    Devo dire che all'inizio non consideravo questo gioco, ma specialmente dopo l'ultimo video che ho visto devo dire che mi pare molto interessante.
  2. RikuX7

     
    #2
    Adesso mi vado subito a guardare un video per iniziare a farmi un impressione generale.L'ideale anche se forse ancora presto è guardare qualche gameplay,ma aldilà di tutto mi sembra un gran bel gioco.:approved:
  3. Mdk7

     
    #3
    RikuX7 ha scritto:
    Adesso mi vado subito a guardare un video per iniziare a farmi un impressione generale.L'ideale anche se forse ancora presto è guardare qualche gameplay,ma aldilà di tutto mi sembra un gran bel gioco.:approved:
      è moolto carino.  ;)
  4. genniopazz

     
    #4
    ho appena visto i video...:O
    Quando esce ?
  5. Mdk7

     
    #5
    genniopazz ha scritto:
    ho appena visto i video...:O
    Quando esce ?
      doveva uscire a novembre, posticipato al 2010 per evitare la concorrenza con Modern Warfare 2. :6
  6. Solidino

     
    #6
    genniopazz ha scritto:
    ho appena visto i video...:O
    Quando esce ?


    singolarmente parlando nel 2010.
  7. bibbi 76

     
    #7
    Questo pare bono... ;)
  8. Mdk7

     
    #8
    bibbi 76 ha scritto:
    Questo pare bono... ;)
     Fra l'altro è degli stessi dell'ottimo Wolverine, stesso producer (ragazzo simpaticissimo) e stesso team...
  9. Meno D Zero

     
    #9
    ennesimo e potenzialmente ottimo sparattutto.
    mio subito appena esce.
  10. the TMO

     
    #10
    Raven per me è garanzia. Il tempo aggiuntivo e lo spostamento del team di Wolverine e Wolfenstein non possono che rifinirlo ancora di più.

    Speriamo.
Continua sul forum (13)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!