Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

SMAU - Intel

Speciale

SMAU - CPU sotto i riflettori - Intel

Durante il recente SMAU 2001 abbiamo potuto discutere strategie presenti, passate e future con dirigenti e tecnici dei due maggiori produttori di microprocessori per PC, AMD e Intel. Sono emersi moltissimi spunti interessanti di cui vi proponiamo un breve resoconto. Concludiamo la rassegna con quanto è emerso dagli uomini Intel.

di Antonino Tumeo, pubblicato il

RAMBUS, VIA E XBOX

Per quanto riguarda il discorso sulla memoria RAM e il supporto RAMBUS, i dirigenti hanno ammesso che in effetti la scelta di questo tipo di memoria per il Pentium III non è stata proprio azzeccata e ha comportato qualche problema di troppo e ci hanno ricordato che già con i prossimi step del chipset i845 oltre al supporto SDRAM sarà possibile utilizzare anche la DDR RAM con il Pentium 4. Gli stessi dirigenti, però, hanno altresì confermato che non è in discussione il sicuro ruolo da protagonista che questo formato avrà con l'avvento di processori a frequenze sempre più alte, quando la banda diventerà sempre più un collo di bottiglia significativo, e del resto già adesso il Pentium 4 grazie al suo bus da 400 MHz trae da RAMBUS un vantaggio abbastanza significativo.
Un piccolo appunto è stato fatto sulla questione PX266, il chipset con supporto DDR RAM di VIA, al centro di una intricata questione di licenze. In sostanza, Intel accusa VIA di non aver pagato le royaltie per il bus del Pentium 4, mentre d'altra parte la società taiwanese sostiene di averne ottenuto i diritti con l'acquisizione di S3 (che li deteneva) e non ha assolutamente intenzione di pagare. Intel afferma che la vertenza cadrebbe se, come ALi e SIS, VIA pagasse le royaltie, ma se le posizioni non cambieranno in questo senso, solo il tribunale potrà decidere chi ha ragione.
L'interessante chiacchierata non poteva che concludersi con qualche battuta su Xbox, la nuova console Microsoft. Intel si è dichiarata estremamente soddisfatta della possibilità di partecipare a questo progetto, per il quale ha realizzato, lavorando a stretto contatto con la stessa Microsoft, una CPU "custom" a 733 MHz ottimizzata appositamente per i giochi. Ufficialmente non c'è una denominazione a parte il dato sulla frequenza: per quanto dunque l'architettura possa essere vicina a quella del processore utilizzato per i PC, la CPU della console, per via delle particolari ottimizzazioni subite, NON può essere (né si vuole che sia) chiamata Pentium III. Interessante, infine, il fatto che Intel, con l'ingresso di Microsoft nel mercato console, prevede una sostanziale accelerazione nei tempi di rinnovamento dei sistemi da gioco: non più, quindi, i cinque anni che hanno separato PlayStation e PlayStation 2 (definite vere "ere geologiche" per la tecnologia informatica), ma intervalli sicuramente più brevi.

CONCLUDENDO

Quella che abbiamo avuto in SMAU con la dirigenza Intel è senza dubbio stata una chiacchierata significativa. Il gigante dei microprocessori, che nella veste dei suoi massimi esponenti in Italia non ha esitato ad ammettere di aver commesso qualche errore di troppo negli ultimi anni (e bisogna rendere merito di questo), si ripropone al mercato in una poco usuale veste "aggressiva", pronta ad un rilancio in grande stile. L'offerta non mai stata così chiara e precisa: i processori Celeron per la fascia economica/entry level, il Pentium 4, su cui viene posta la massima attenzione, per la grossa fetta di power user, e la linea Xeon per l'utenza high end. Particolare attenzione pare poi essere riservata al pubblico dei giocatori, a detta degli stessi dirigenti "l'utenza che per prima cerca le soluzioni più potenti". Noi, naturalmente, siamo attenti e pronti a vagliare la validità delle soluzioni che ci saranno proposte.
Per il mercato delle CPU è una situazione, insomma, quanto mai interessante, con un'AMD che, dall'altro lato, pur avendo guadagnato molto terreno, non è certo rimasta con le mani in mano e sta preparando le sue nuove strategie, delle quali abbiamo già parlato nel resoconto della similare intervista che abbiamo avuto, sempre durante lo SMAU, con i suoi dirigenti.