Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
20/4/2011

SOCOM: Forze Speciali - Multiplayer

SOCOM: Forze Speciali - Multiplayer Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment America
Sviluppatore
Zipper Interactive
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Data di uscita
20/4/2011
Data di uscita americana
19/4/2011
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
32

Lati Positivi

  • Bomb Squad divertente
  • Co-op ben realizzato
  • Ampia scelta di modalità
  • Buon catalogo di armi, accessori e personaggi

Lati Negativi

  • Troppi elementi riciclati dal gioco in singolo
  • Mira, telecamera e collisioni da migliorare
  • Netcode non sempre affidabile

Hardware

SOCOM: Forze Speciali è disponibile solo su PlayStation 3. Come da tradizione, è pienamente supportata una cuffia con microfono, consigliata nelle partite online tra "professionisti".

Multiplayer

Fino a 32 giocatori possono prendere parte ai match di tipo "versus" sulla rete. La parte cooperativa è invece limitata a 5 utenti per missione.

Modus Operandi

Il test si basa sulla prova online effettuata con il gioco completo attraverso tutte le modalità competitive e varie missioni giocate in co-op.
Recensione

Il co-op al salvataggio

Collaborare è ancora il rimedio migliore.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Quanto descritto nella prima pagina spinge molti partecipanti a evitare lo scontro ravvicinato, puntando sul fucile da cecchino e sui tiri dalla distanza, con sommo fastidio di chi si vede abbattuto costantemente da nemici troppo lontani per essere visti. Gli stessi livelli contengono troppi passaggi stretti e zone ripiene di "imbuti" che ci portano a cadere costantemente sotto i colpi altrui. Per limitare tutti queste situazioni, basta fare pratica e armarsi di pazienza, o passare al co-op.

Le mappe gigantesche favoriscono i tiri da lontano, ma il "camperismo" è fin troppo diffuso - SOCOM: Forze Speciali - Multiplayer
Le mappe gigantesche favoriscono i tiri da lontano, ma il "camperismo" è fin troppo diffuso

una squadra che si coordina da sola

Infatti non dobbiamo dimenticare il gioco in cooperativa, che funziona discretamente bene tra utenti esperti e offre un livello di sfida mediamente alto. Come nella campagna, ma controllati da giocatori in carne e ossa, cinque soldati devono completare una serie di incarichi che rimescolano le mappe della parte single-player, con nuovi obiettivi e una quantità variabile di nemici. In buona sostanza, il co-op sulla rete non è altri che l'estensione delle missioni personalizzabili presenti nella parte single-player. Una volta scelte mappe e tipo di missione (eliminazione del nemico o raccolta indizi), possiamo decidere il livello di difficoltà e la quantità di nemici presenti, oltre a rendere il match pubblico o privato (in quest'ultimo caso potrà vederlo solo chi è presente nella nostra lista amici). Inoltre, possiamo organizzare un "medley" di livelli cooperativi collegando una serie di mappe personalizzate, così che diventino una mini-campagna da giocare con altri utenti online. Sicuramente sarebbe stata preferibile una vera e propria storia separata con intermezzi e finali propri, ma questa soluzione permette di rigiocare mappe già viste sotto una luce completamente diversa. Il computer è infatti molto agguerrito e dà del filo da torcere anche a livello normale: se non stiamo attenti a guarire i compagni in fretta, e non cadere sotto i colpi nemici, ci tocca rifare dall'inizio l'intero livello. Un altro punto a favore del co-op è che armi e accessori sbloccati nel gioco in singolo restano disponibili, mentre nelle modalità "versus" è necessario riprendere la raccolta di punti XP dal principio.

Gli accessori per le armi vanno ri-sbloccati nel multiplayer competitivo, ma si conservano nel co-op - SOCOM: Forze Speciali - Multiplayer
Gli accessori per le armi vanno ri-sbloccati nel multiplayer competitivo, ma si conservano nel co-op

l'incognita del collegamento

Sul lato tecnico, la parte multiplayer non mostra grosse incertezze ma il netcode è tutt'altro che affidabile: si passa da partite in cui non c'è il minimo problema di lag, a match in cui vediamo "scivolare" gli altri giocatori sulla distanza. Se nella parte competitiva simili fenomeni si verificano di rado (grazie ai server dedicati) nel co-op è più frequente avere disconnessioni o non riuscire ad avviare una partita con relativo e necessario reset della console (in quanto si basa sulla connessione di rete dei partecipanti). Grafica e sonoro arrivano, come già detto, dalla campagna e per questo sono in linea con quanto descritto nella recensione del gioco in singolo. I personaggi, ripresi come design dal precedente MAG, sono molto dettagliati e le mappe piuttosto aperte, mediamente più grandi degli altri sparatutto presenti su console. La planimetria dei livelli è però legata allo scenario single-player ed è quindi ripiena di percorsi stretti e passaggi obbligati che "intasano" le partite di tipo competitivo con più di dieci persone in campo. D'altra parte ci sono moltissime coperture e un'ottima alternanza di spazi aperti ed edifici, che rende i match "cooperativi" sempre diversi l'uno dall'altro, sopratutto tra utenti molto affiatati e dotati di microfono. In ambito versus, Il matchmaking è abbastanza rapido e il passaggio tra i vari scenari non impiega troppo tempo, a parte qualche pausa forzata all'avvio del match (per la scelta di armi e accessori). Per fortuna Zipper resta uno dei team più attenti alle richieste dell'utenza e ha già iniziato il rifornimento di patch e nuove configurazioni per i server di gioco. Con il tempo tornerà ai fasti dei primi SOCOM? Lo sapremo solo giocando...

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Strano per SOCOM, ma la parte online competitiva non raggiunge i migliori esponenti del genere. Per fortuna c'è il gioco in cooperativa che regge benissimo come tasso di sfida e funzionamento.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!