Genere
Picchiaduro
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
3/2/2012

Soul Calibur V

Soul Calibur V Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Bandai Namco
Sviluppatore
Bandai Namco
Genere
Picchiaduro
Data di uscita
3/2/2012

Hardware

Abbiamo provato una versione dimostrativa che girava su Xbox 360. Il gioco è previsto anche per PS3.

Multiplayer

Si tratta di un gioco di combattimento ad incontri per due giocatori. Il team si sta concentrando molto sulle modalità online per garantire la migliore esperienza possibile, in vista dei tornei ufficiali.

Modus Operandi

Alla Gamescom 2011 abbiamo potuto provare con mano il sistema di combattimento affrontando i colleghi della stampa estera in tre battaglie di tre round ciascuna, provando sia con il controller di X360 sia con l'appoisito arcade stick.
Hands On

Un nuovo inizio

Più multi che single.

di Francesco Alinovi, pubblicato il

Il sistema di combattimento poggia poi molto di più sugli spostamenti nelle tre dimensioni. Soul Calibur non è mai stato un picchiaduro su un unico asse (come Tekken, per intenderci), ma molto più libero. In questa nuova incarnazione, la quick move - che si esegue premendo rapidamente lo stick in alto o in basso due volte - assume un rilievo strategico fondamentale, permettendo repentini movimenti sia per scansare l’attacco avversario, sia per avvicinarvisi con un guizzo.

Un bel primo piano di Tira: i modelli dei personaggi sono ricchi di effetti d'ombra e altri piccoli tocchi di classe, che donano maggiore tridimensionalità  - Soul Calibur V
Un bel primo piano di Tira: i modelli dei personaggi sono ricchi di effetti d'ombra e altri piccoli tocchi di classe, che donano maggiore tridimensionalità

Ma la novità di maggiore impatto sul sistema di combattimento è l’introduzione di quella che viene chiamata “Critical Edge”, ovvero il colpo speciale. Presente anche in Soul Calibur IV, di fatto l’impiego di questa mossa si rivelava una sorta di ultima risorsa, in grado di ribaltare in extremis le sorti del combattimento. Nel quinto episodio, invece, la Critical Edge diventa una mossa alla stregua delle Special dei giochi Capcom. Durante l’incontro si carica una barra a tacche, che può riempirsi completamente un paio di volte per round. Eseguendo due quarti di circolo e premendo il grilletto destro è possibile ricorrere a una supermossa (che si manifesta con lo schermo che diventa tutto nero) che spezza la barriera avversaria, riducendo buona parte dell’energia. Ed ecco che qui entra in gioco la quick move, perché, a patto che si riesca a compierla per tempo, evitare l’impatto è la migliore opzione disponibile.

A me gli occhi!

Rapiti dalle nuove meccaniche di gioco, abbiamo trascurato i dettagli tecnici, ma la build che abbiamo visto in funzione scorreva a 60 fps costanti. I modelli dei personaggi ci sono sembrati ancora più belli e ricchi di “effetti speciali” rispetto ai precedenti (shader, normal mapping…), anche se, come in Tekken, il team di sviluppo ha preferito puntare sugli elementi caricaturali piuttosto che sul realismo. E a proposito di personaggi, anche se i responsabili presenti in sala hanno preferito non sbottonarsi, abbiamo contato 30 spazi nella schermata di selezione e solo una decina erano attivi, tra questi Siegfrid, Ivy, Voldo, Mitsurugi, Hilde, Maxi, Tira e, tra i nuovi arrivati, Natsu, l’allieva di Taki, i due figli di Sophitia - Pyrrha e Patroklos - e per finire Z.W.E.I., un misterioso spadaccino che combatte in compagnia di un fantasmagorico doppleganger. Per quanto riguarda i fondali, invece, quelli mostrati non spiccavano per elevata personalità, ma si trattava di un'infinitesima parte rispetto a tutti quelli che saranno disponibili nel gioco finale.

Ogni colpo è evidenziato da incredibili effetti luminosi che contribuiscono a rendere l'impatto delle armi ancora più devastante  - Soul Calibur V
Ogni colpo è evidenziato da incredibili effetti luminosi che contribuiscono a rendere l'impatto delle armi ancora più devastante

Lascia invece con un po’ di timore il mistero che circonda le modalità in single player, sulle quali non siamo riusciti a indagare come avremmo voluto, ottenendo solo risposte elusive. Per stessa ammissione del team di sviluppo, Soul Calibur si è sempre distinto per le modalità di gioco solitarie piuttosto corpose, sia in termini di creazione sia di crescita del proprio personaggio. Tuttavia, queste modalità richiedono molto tempo per lo sviluppo e, per contro, generano poco riscontro da parte del pubblico. Considerato poi che l’obiettivo del quinto capitolo è quello di monopolizzare i tornei pubblici, non è difficile fare due più due e prepararsi al peggio. In assenza di informazioni, però, preferiamo avere fiducia in Project Soul e attendere che il gioco arrivi quanto prima nelle nostre case, pronti a fare spazio ad un nuovo campione della lotta virtuale.


Commenti

  1. TriGiamp

     
    #1
    Bello,bello,bello. Anche se la mosse speciale di SCIV era qualcosa di unico. Si riusciva ad usare raramente, ma quando la barra dell' avversario cominciava a lampeggiare di rosso, potevi sentirne la paura.
  2. Andhaka

     
    #2
    Francamente non so come un fan/utilizzatore di Taki possa essere contento che un personaggio storico e carismatico sia stato rigurgitato nella forma di una ragazzina buionda stereotipata con l'aura rosa shocking... l'unica speranza è che Taki sia in qualche modo un personaggio bonus o di trovare qualche altro PG da usare come Main.

    Cheers
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!