Genere
Azione
Lingua
Inglese
PEGI
ND
Prezzo
69.99 Euro
Data di uscita
26/7/2002

Spider-Man

Spider-Man Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Neversoft
Genere
Azione
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
26/7/2002
Lingua
Inglese
Giocatori
1
Prezzo
69.99 Euro

Lati Positivi

  • Eccitanti combattimenti aerei
  • Tutti i poteri dell'Uomo Ragno
  • Grande varietà di gioco
  • Impatto visivo molto buono

Lati Negativi

  • Scarsa immediatezza
  • Animazioni delle combo sotto la media
  • Pochi punti di salvataggio

Hardware

Per giocare a Spider-Man avete bisogno di una confezione originale PAL del gioco, di un Xbox euopeo e di un joypad. Sono supportati lo Stick Arcade, la Memory Unit e i sistemi Dolby Digital (sebbene manchi il supporto per il subwoofer).

Multiplayer

Non sono previste modalità multiplayer.

Link

Recensione

Spider-Man

Non usate il vostro Xbox da così tanto tempo che è coperto di ragnatele? Non pulitelo! Potrebbero essere il segno che qualcosa di buono sta per arrivare. Direttamente dal film in proiezione nelle sale cinematografiche, ecco il primo videogame di Spider-Man che coglie veramente nel segno. I grattacieli vi aspettano: speriamo non soffriate di vertigini!

di Gianluca Tabbita, pubblicato il

Uno dei suoi poteri di ragno è il "web zip", un lancio di ragnatele elastiche ultrarapido: miriamo al punto da raggiungere e spariamo una tela, ed ecco che come in una funivia a reazione Spidey si catapulterà immediatamente sull'obiettivo; è utilissimo per piombare con rapidità assurda su un nugolo di avversari, colpire e ritirasi altrettanto rapidamente al sicuro sul soffitto. I combattimenti aerei vanno inseriti nell'ottica di questo sistema di controllo. Mentre ci spostiamo di tela in tela possiamo scegliere un obiettivo (praticamente fondamentale per tenere d'occhio l'avversario) e colpirlo con calci (tra cui il marchio di fabbrica di Spidey, il doppio calcio volante) pugni e i vari proiettili di ragnatele tra cui il rapido web laser (un getto di tela) e l'impact webbing (una specie di palla di tela). Per evitare gli attacchi dei nemici dovremo piroettare spesso nel vuoto liberandoci da ogni appiglio, cadere per diversi piani e oscillare zigzagando; se a ciò aggiungete la ricerca e distruzione degli obiettivi calciando a due piedi nel vuoto e sparando getti di tela ecco che la magnifica utopia di un'azione frenetica e adrenalinica improntata alle tavole del fumetto diventa realtà.
Ma non è tutto. Il nostro eroe può proseguire il combattimento appiedato su una balconata continuando a lanciare getti di ragnatele e usando le sue combo di pugni e calci in stile picchiaduro a scorrimento contro androidi volanti o boss come il "Green Goblin", ma è al chiuso di un edificio che questo Spider-Man la profondità della simulazione delle capacità di Peter Parker, dato che, con le medesime metodologie di controllo il gioco cambia faccia trasformandosi in un incrocio fra Metal Gear Solid e Final Fight.

RAGNO IN STEALTH

Le avventure al chiuso sono un incrocio di molti elementi: c'è un po' di esplorazione, un po' di azione in stile Tomb Raider e, soprattutto, molto "nasconditi e colpisci". In immensi capannoni l'Uomo Ragno può osservare intere gang di malavitosi da grandi altezze e preparare i suoi attacchi.
Lanciando la tela di ragno possiamo momentaneamente imprigionare i nostri avversari: piombandogli direttamente in testa Spidey gli sale sulle spalle riempendoli di pugni. Può inoltre usare i suoi poteri, imprigionando in una ragnatela un uomo da usare come un martello umano e lanciandolo contro gli altri, oppure servirsi del "web dome", pugni potenziati con tela di ragno per moltiplicare i danni. Quello che sembra incredibile, in una così vasta gamma di azioni, è che, in più, l'eroe rosso e azzurro dispone di una ventina di diverse combinazioni a tre passi di calci e pugni. Anche se non sono animate come quelle di Dead or Alive o Virtua Fighter, trasmettono una buona sensazione di potenza e aggiungono molta varietà.
In questa fase il pericolo principale da fronteggiare sono le armi da fuoco, che i vari banditi usano con gradi di abilità molto differenti: dal principiante che a mala pena riesce a mirare (male) per un paio di volte, al pericolo pubblico che arriva con due mitragliette e inizia a sparare all'impazzata. Contro i proiettili abbiamo la nostra agilità, possiamo infatti volare di tela in tela anche sul chiuso e sfuggire con velocità fulminea dalle zone calde col "web zip", e anche le varie suppellettili disseminate per i capannoni: pneumatici, bombole del gas, mobili, tutti oggetti che Spidey, grazie alla sua forza, può facilmente sollevare e scagliare contro i nemici.
Alcuni livelli al chiuso si svolgono in totale modalità "infiltrazione", per cui dovremo usare la capacità dell'Uomo Ragno di arrampicarsi sui muri e spostarsi rapidamente per muoverci senza essere visti. Sia all'aperto che al chiuso, fondamentali sono i bonus che solo esplorando possiamo trovare: le capacità dell'aracnide, infatti, sono limitate alla quantità di tela prodotta dal suo corpo, poteri come l'impact webbing ne consumano parecchia e il ripristino naturale delle scorte è assai lento, per questo occorre cercare le icone blu che ripristinano i superpoteri, quelle rosse che rintegrano i danni fisici e le icone d'oro, l'unico modo di apprendere molti tra i poteri fin qui elencati, nonché tutte le combo basate su calci e pugni.

LA PRIMA IMPRESSIONE E' QUELLA SBAGLIATA

A livello grafico Spider-Man è globalmente molto buono, anche considerando le grandi potenzialità di Xbox: l'importante è non fermarsi alla prima impressione. Gli interni in sé non sono sconvolgenti, ma se li accoppiamo ai maestosi ed amplissimi esterni, alla grande estensione dei livelli e all'ottima funzionalità della grafica in generale, che renderizza edifici, un buon numero di nemici in contemporanea, proiettili luminosi e un Uomo Ragno molto ben dettagliato non si può che concludere che il reparto grafico svolge esattamente il suo compito, quello di calarci nel mondo di Peter Parker, magari senza le distrazioni di particolari clamorosamente brillanti, ma con l'estensione, la fluidità e la varietà che un vero videogioco, e non una demo grafica, deve avere.
Le animazioni dell'Uomo Ragno che oscilla, si arrampica e vola di tela in tela sono perfettamente riuscite, al punto quasi di percepire un po' della fatica che il nostro supereroe deve fare per mantenere quel pazzesco ritmo aereo, lo stesso non si può dire per le animazioni delle combo. Dovevano chiamare il Team Ninja per quelle, ma d'altraparte nella vita non si può avere tutto. La colonna sonora orchestrale segue la falsariga che si può ricollegare alla scuola del compositore americano Leonard Bernstein, che ha messo in musica la vita delle metropoli americane, mentre le battute, nel gioco e negli intermezzi in full motion video, sono interpretate direttamente dagli attori del film, per cui i vari Tobey Maguire, Willem Dafoe e gli altri.
Buono l'effetto surround, anche se delle sei casse dell'AC3, Spider-Man ne sfrutta solo cinque, escludendo il sub-woofer. I primi due livelli si ambientano per lo più al chiuso, e seguono la narrazione del preludio alla nascita dell'Uomo Ragno, ma da quando Peter Parker indossa la maschera ufficiale iniziano i fuochi d'artificio e il gioco cambia marcia. Buona la longevità, anche per merito dei numerosi bonus fra trailer, cheat e segreti assortiti per tenere impegnati i più volenterosi. E' un ottimo spin-off che non dimenticherete.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Spider-Man nasconde, sotto le mentite spoglie della scarsa immediatezza, uno dei migliori spin-off che il mondo dei videogame abbia mai visto. Nella grandezza e spettacolarità del gameplay c'è la ragione per considerare questo titolo, dopo un'attenta analisi, come uno dei giochi "next generation" disponibili per Xbox, nel senso di una libertà e qualità della giocabilità che compie un passo in avanti rispetto agli standard di qualche mese fa e che non si pone problemi in merito alla vastità dei livelli, al numero di personaggi ivi presenti e ai complicati movimenti relativi d'inquadratura che servono per i combattimenti aerei. Questo gioco è realizzato senza compromessi: non c'è un "potessi usare questa caratteristica dell'Uomo Ragno" che rimane inesaudito: l'ottima maneggevolezza dell'aracnide e la perfetta realizzazione dei suoi superpoteri fanno funzionare tutto, al punto che perfino il rapporto di forze tra le capacità del nostro eroe e i banditi dotati d'armi da fuoco appare realistico. La varietà è il punto di forza di Spider-Man, che si ambienta sia al chiuso sia all'aperto e alterna diversi generi di missioni tra battaglie aeree, esplorazioni, salvataggi e missioni stealth. Il prezzo da pagare per un sistema di controllo così vasto e flessibile è il non facile approccio al gioco (anche per i rari punti di salvataggio) e la tentazione di sottostimarlo quando non ha ancora mostrato le sue potenzialità. I fan dell'Uomo Ragno hanno finalmente trovato IL videogioco, tutti gli altri che cercano spessore e varietà devono provarlo sicuramente.