Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
16/4/2010

Tom Clancy's Splinter Cell: Conviction

Tom Clancy's Splinter Cell: Conviction Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ubisoft Entertainment
Sviluppatore
Ubisoft Montreal
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
16/4/2010
Data di uscita americana
13/4/2010
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
2
Prezzo
€ 69,99

Hardware

Tom Clancy's Splinter Cell Conviction è un'esclusiva per Xbox 360 in ambito console. È in sviluppo anche la versione PC del gioco. Entrambe sono in arrivo entro autunno 2007.

Multiplayer

Tom Clancy's Splinter Cell Conviction avra sicuramente delle modalità multigiocatore. È possibile che siano di carattere sia competitivo sia cooperativo, ma al momento non ci sono molti dettagli in merito.

Link

Eyes On

In fuga insieme a Sam Fisher

Quando gli amici diventano i tuo primi nemici, le cose cambiano...

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Uno dei giochi più attesi e promettenti di UbiDays 2007 non poteva che essere il quinto capitolo di Splinter Cell, serie che ha fatto breccia in questi anni nel cuore di milioni e milioni di videogiocatori, appassionandoli attraverso una via alternativa al genere stealth.
Giunti alle soglie al quinto capitolo - e nonostante le novità e variazioni sul tema già emersi in Double Agent - Ubisoft ha (ben) pensato che fosse giunto il tempo di dare una sterzata ancor più decisa alla sostanza che anima la serie, onde evitare pericoli sempre all'erta come eccessiva ripetitività e dunque noia, disaffezione e via discorrendo.
Certo, ogni volta che ci è stato annunciato e mostrato in anteprima un nuovo Splinter Cell, non mancavano le affermazioni secondo cui quello sarebbe stato IL capitolo definitivo, innovativo, foriero di una svolta inimmaginabile: se da un lato dubitiamo che Ubisoft butterà completamente a mare il gameplay tanto amato fatto d'infiltrarsi e nascondersi nelle ombre, d'altro canto quanto abbiamo visto in azione, giocato da uno dei programmatori di Splinter Cell Conviction, è assolutamente qualcosa di nuovo, mai visto, un vero cambio di mentalità per l'agire di Sam Fisher. E il tutto è dannatamente intrigante.

FAI QUEL CHE VUOI, MA FALLO VELOCEMENTE

Da James Bond a Jason Bourne: potrebbe essere così riassunto incisivamente il passaggio generazionale dai precedenti al quinto capitolo della serie. Così come è stato per gli sviluppatori nel realizzarlo, giocare a Tom Clancy's Splinter Cell Conviction richiederà quasi di dimenticare completamente il passato e di mettere in moto un nuovo modo di concepire le cose.
Sono pochi, pochissimi al momento, i punti di contatto con il passato e li ritroviamo in una prospettiva decisamente scombinata: Sam Fisher protagonista di Splinter Cell Conviction non è un agente di Third Echeleon che si infiltra silenziosamente per carpire informazioni e risolvere situazioni al limite dell'impossibile per conto di questa segretissima agenzia governativa americana. Sam Fisher in abiti civili e sguardo iper-vigile e sospettoso, ci appare oggi come un ex-agente segreto, braccato dai suoi stessi ex-superiori, ovviamente senza sapere il reale motivo che ha dato il via a questa situazione paradossale (comprenderlo è uno degli scopi del gioco).
Sam adesso è un fuggitivo e quando bisogna scappare, ogni prospettiva, ogni rapporto con il mondo, ogni tipico comportamento del passato deve necessariamente cambiare. E alla svelta!
Pensare in fretta, muoversi con decisione e velocemente, affrontare i nemici anche a viso aperto, utilizzare l'ambiente circostante come scudo e come arma, utilizzare la folla come riparo e come diversivo: questi sono solo alcuni degli elementi che caratterizzano il nuovo modo di pensare, muoversi e agire di Sam Fisher in Splinter Cell Conviction.

PRIMI PASSI IN SPLINTER CELL 5

È probabilmente il primo livello, che avrà anche funzioni di tutorial, quello che abbiamo visto in azione, giocato agli UbiDays 2007 di Parigi: è ambientato a Washington Park e le primissime scene sono all'interno di alcuni uffici. La missione è semplice, uscire dall'edifico, e trovare al più presto una via di fuga evitando le guardie che pattugliano sia gli interni sia gli esterni della zona.
Se la primissima azione – accucciarsi sotto una scrivania per poi prendere alle spalle la guardia entrata nella stanza e metterla al tappeto – potrebbe essere tratta da un qualsiasi Splinter Cell del passato, è quanto accade subito dopo che lascia interdetti: prossimi all'uscita nello spiazzo di un garage, due guardie intercettano Sam, cosa che in passato avrebbe già quasi decretato il "game over".