Genere
Strategico in tempo reale
Lingua
Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 54,90
Data di uscita
5/9/2008

Spore

Spore Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Maxis
Genere
Strategico in tempo reale
PEGI
12+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
5/9/2008
Lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 54,90

Hardware

Da un punto di vista tecnico Spore mette in mostra un motore ultra-flessibile, in grado di ricreare panorami mozzafiato - benché in stile cartoon - su computer ben dotati, ma scalabile quanto basta per offrire un'esperienza di gioco decente anche su portatili e computer da ufficio. Come requisiti di sistema si parte da un Pentium 4 a 2 GHz (o Intel Core Duo per i Mac) con 512 MB di RAM in ambiente Windows XP, che salgono a 768 MB per Windows Vista e a 1024 MB per Mac OS X 10.5.3; la scheda grafica deve avere almeno 128 MB di memoria dedicata e supporto ai pixel shader 2.0; è richiesta una connessione a Internet per la prima attivazione anti-pirateria. Provato su un computer con processore Intel Core 2 Duo a 2,56 GHz, 2 GB di RAM e scheda video GeForce 8800 GTS da 640 MB, alla risoluzione di 1440x900 pixel, il gioco ha mostrato qualche incertezza soltanto nei passaggi dalla visuale "terrestre" a quella del sistema solare.

Multiplayer

Spore è giocabile indifferentemente online o offline ma l'esperienza cambia sensibilmente: nel primo caso assistiamo infatti a una continua popolazione del nostro universo con creature e imperi creati da altri giocatori mentre quando si è scollegati dalla rete il numero e la varietà di forme di vita, strutture architettoniche e mezzi di locomozione è limitato a quelli inclusi dagli sviluppatori o creati dal giocatore attraverso gli appositi editor.

Link

Recensione

A mia immagine e somiglianza

La storia dell'uomo vista attraverso lo specchio deformante di Maxis.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Come in tutti i giochi che vogliano fregiarsi dell'appellativo "sandbox", Spore pone quanta più enfasi possibile sulle scelte operate dal giocatore, cercando ovviamente di nascondere i limiti insiti nel suo essere anche un prodotto di largo consumo. L'opzione fondante, compiuta all'inizio del ciclo evolutivo, è quella riguardante l'alimentazione: giocare da vegetariani o da carnivori è affare ben diverso, specie per chi non può resistere all'attitudine guerrafondaia.
Anche se la scelta di nutrirsi delle specie concorrenti può sembrare troppo facilitante, in un'ottica di bilanciamento complessivo, va notato che le creature vegetariane sono leggermente avvantaggiate dall'enorme disponibilità di frutti di cui nutrirsi, cosa che torna parecchio utile nella fase tribale, in cui è possibile anche essere onnivori. In ogni caso, giocare da vegetariani bellicosi è possibile a patto di complicarsi un po' la vita mentre è impossibile essere pacifici e carnivori allo stesso tempo.

IL PREZZO DELL'EVOLUZIONE

Se avete provato un minimo senso di colpa ad aver estinto alcune specie quando eravate "animali", preparatevi a scene ancor più tragiche nell'era delle guerre tribali. Qualcuno si chiederà il motivo di cotanto trasporto emotivo e rispondiamo in forma di domanda: in qualche altro strategico viene richiesto di uccidere i "cuccioli" degli avversari per portare a compimento la propria missione?
Per quanto buffo possa sembrare, è in momenti come questi (per nulla enfatizzati e quasi "buttati lì" senza pensarci) che si respira la grandezza di un progetto come Spore, nel graduale trasformarsi della lotta per la sopravvivenza in volontà di dominio (anche a costo di sterminare i propri simili di una fazione opposta per motivi religiosi, tanto per fare un esempio tra i più terribili) e poi di espansione oltre i confini di un continente, che poi diventa pianeta e infine sistema solare.

METAFORE IN AZIONE

Le fantasiose o mostruose creature a cui diamo vita nel gioco non sono altro che il geniale escamotage attraverso il quale Will Wright ci costringe a guardare alla storia dell'essere umano che, per quanto ne sappiamo, è ancora l'unica creatura che è riuscita a sfuggire alle rigide leggi di natura per farsene di proprie. Ed ecco che nella fase tribale possiamo liberamente decidere se conquistare il mondo con la musica - è questa l'arte scelta per rappresentare la comunicazione pacifica tra i popoli - o con la guerra.
Purtroppo, in particolare per chi è cresciuto a pane e strategia, lo spessore del gameplay rimane sempre minimo e, a dirla tutta, le due strade che il gioco propone (la pace e la guerra, cui si aggiunge il commercio dalla fase civilizzata in avanti) non pongono sfide particolarmente impervie, anche impostando il livello di difficoltà difficile - come dire che a livello normale è impossibile perdere a meno di essere pesantemente a digiuno di strategia.

GIOCHI E GIOCATTOLI

Mentre decidiamo se la strada che ci porta verso la conquista del mondo è lastricata di ami da pesca, asce da guerra o maracas e didgeridoo, possiamo personalizzare i nostri abiti tribali scegliendo orpelli e maschere che aumentino le statistiche della nostra tribù in particolari ambiti, ma nulla che possa risultare decisivo.
Con lo spalancarsi dell'era tecnologica, della civilizzazione o, se vogliamo, della strategia "avanzata", la componente creativa di Spore torna con prepotenza alla ribalta e subisce allo stesso tempo una mutazione profonda dal momento che non riguarda più le creature ma i mezzi di locomozione delle stesse, siano essi terrestri, aerei o marini. In quest'ambito vale ancora una volta il principio di base di tutto il gioco, ovvero che è possibile avere delle ricadute sul gameplay operando determinate scelte negli editor (riguardo alla velocità dei mezzi, per esempio) ma non sembra comunque indispensabile prestare troppa attenzione a questa eventualità.
Ai giocatori in crisi creativa Maxis fornisce già una buona quantità di modelli prefabbricati e la sterminata Sporepedia online trasuda creazioni da tutti i pori; saltare questa componente a piè pari, dopo aver magari utilizzato senza molto trasporto l'editor di creature, equivale comunque a rifiutare l'essenza stessa di Spore come "giocattolo" sull'evoluzione più che come guanto di sfida alle "skill" del giocatore e quindi, in definitiva, a ritrovarsi con qualcosa di molto poco stimolante tra le mani.


Commenti

  1. |Sole|

     
    #1
    Proseguiamo a questo indirizzo:

    http://community.videogame.it/forum/t/248455/
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!