Genere
Azione
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
16+
Prezzo
69.90 Euro
Data di uscita
19/9/2008

Star Wars: Il Potere della Forza

Star Wars: Il Potere della Forza Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
LucasArts
Sviluppatore
LucasArts
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Activision Italia
Data di uscita
19/9/2008
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
1
Prezzo
69.90 Euro
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Hoth è davvero ben realizzato
  • Gameplay ancora interessante
  • Grafica tuttora di buon livello

Lati Negativi

  • Difetti dell'originale invariati
  • Qualità altalenante negli extra

Hardware

Sono richiesti una console PlayStation 3, il gioco e un controller compatibile oltre a ben 4,7 gigabyte liberi su disco fisso per l'installazione.

Multiplayer

Non sono previste modalità multigiocatore in questo titolo.

Link

Recensione

Il lato oscuro sui ghiacci

Edizione speciale per il titolo di LucasArts.

di Alessandro Martini, pubblicato il

I difetti oggettivi riscontrati dalla critica un anno fa non hanno impedito a Star Wars Il Potere della Forza di imporsi al botteghino come uno dei "tie in" più popolari di sempre, segno che la saga di George Lucas è tuttora un vero e proprio magnete per il successo.
Prima del classico sequel, LucasArts ha scelto di offrire al suo pubblico la versione "director's cut" del gioco, riunendo i contenuti scaricabili pubblicati in rete e un nuovo livello ambientato sul pianeta Hoth. Ci troviamo di fronte, insomma, alla classica edizione speciale per collezionisti o meglio chi (per un motivo o per l'altro) ha mancato la prima uscita.

la forza dei contenuti scaricabili

Come detto poc'anzi, il gioco rimane dal punto di vista realizzativo e nei contenuti "di base" lo stesso di fine 2008, con il materiale aggiuntivo ben visibile nel menu principale o nella schermata di pausa (per quanto riguarda le skin dei personaggi).
A fianco della campagna "originale" che porta il nome del gioco, rivediamo i livelli del Tempio Jedi e di Tatooine usciti nei mesi scorsi come contenuti scaricabili a pagamento, più il famigerato nuovo scenario di Hoth. Quest'ultimo è ovviamente quello più curato dal punto di vista tecnico e come qualità generale dell'azione, avviandosi nel bel mezzo del classico scontro tra ribelli e impero che si svolge sulla superficie.
Il nostro obiettivo, sempre dalla parte dei "cattivi" naturalmente, è infiltrarci nella base della resistenza e annullarne i piani, affrontando nientemeno che Luke Skywalker in persona. Come tutto il gioco, anche questa missione segue uno svolgimento molto lineare, perché basato sullo "stupore" creato dai poteri del protagonista una volta applicati a fondale e nemici (in scene largamente scriptate, ovvero predefinite). Dovremo infatti sradicare pannelli, distruggere torrette o fare a pezzi intere parti di scenario per imporre il nostro volere al nemico, scappando di tanto in tanto se sopraffatti nel numero e nella potenza di fuoco. In linea generale, si tratta di un'aggiunta gradita ma pur sempre di un solo livello nemmeno troppo lungo come durata, che rimane oltretutto scollegato dal resto del gioco in materia di sceneggiatura, personaggi e svolgimento.

ritorno al passato "scaricabile"

Gli altri due DLC restano invece immutati dalla loro prima apparizione, con il solo Tatooine ad avere una vera e propria sottotrama, mentre il Tempio Jedi è una serie di combattimenti (tra l'altro di difficoltà proibitiva rispetto al resto del gioco) collegati tra loro per mettere alla prova la nostra abilità con i comandi.
Andando con ordine, su Tatooine dovremo far visita a Jabba the Hutt e quindi affrontare icone quali Boba Fett e Obi-Wan Kenobi, sebbene gli scontri vengano concentrati in pochi minuti senza un adeguato contorno narrativo nè intermezzi particolarmente studiati (a livello di regia e dialoghi). Inoltre, emergono in questo livello tutta una serie di bug legati al motore grafico e allo scripting, con pezzi di scenario caricati più tardi del dovuto, o personaggi che svolazzano in aria ancora prima che il giocatore abbia raggiunto l'ambientazione che li ospita.
Il discorso migliora sul lato tecnico per il Tempio Jedi, ambientazione molto evocativa dal punto di vista grafico, con gigantesche sculture ad attorniare le stanze in cui ci troveremo a combattere, che potranno cadere sotto i colpi della spada laser o della Forza.
Anche in questo caso, però, l'attenzione ai dettagli latita sopratutto nel gameplay, quasi stancante per il numero esagerato di nemici che dovremo affrontare all'inizio del livello. In seguito, per chi ha la costanza di continuare, la situazione migliora grazie a fasi più "ragionate" in cui vanno risolti semplici puzzle manipolando lo scenario con i nostri poteri.
Non manca, infine, una collezione di skin per il protagonista che può assumere le sembianze di vari personaggi più o meno noti della saga di Star Wars. La scelta dell'uniforme ha valore solo estetico, perché ovviamente non modifica in alcun modo il gameplay o lo svolgimento dei livelli.

un anno per tornare a casa

Purtroppo, come andiamo ripetendo dall'inizio, niente è stato fatto per risolvere i problemi della versione originale o migliorarne la parte tecnica, sopratutto in aree come il frame-rate (a volte appena accettabile).
In altre parole, ciò che dava fastidio l'anno scorso dà ancora più fastidio oggi, sopratutto se guardiamo il sistema di puntamento, i caricamenti e le inquadrature, quasi inutilizzabili negli spazi ristretti. Per fortuna la difficoltà di base resta sempre molto "casual" e quindi i danni extra subiti per colpe non nostre sono quasi impercettibili, ma non crediamo che sistemare aspetti così marginali avrebbe richiesto troppo tempo. Allo stesso modo, riemergono i bug già annotati nella prima uscita, presenti anche nei livelli aggiuntivi: capita di vedere nemici incastrati nello scenario (che ci rendono peraltro la vita più facile) o personaggi che non "si attivano" come direbbe lo script, bloccando di fatto un'intera sezione.
Ovviamente si tratta di fenomeni sporadici che non minano più di tanto la giocabilità, sopratutto perché come puro impatto visivo il gioco resta sui livelli medio-alti, toccando anche vette inattese: Hoth è, non per niente, una delle missioni meglio riuscite. Come sempre per i giochi di Star Wars, grazie ai vari film da cui recupera molto materiale, l'audio è di ottima qualità sopratutto nelle musiche, mentre il doppiaggio (comunque in Italiano anche per i nuovi contenuti) resta nella norma.
La longevità e, in generale, il grado di divertimento che potete ricavarne dipende dal vostro tasso di "malattia" per l'ex Guerre Stellari. Naturalmente chi già possiede la prima uscita non troverà abbastanza materiale inedito per un nuovo acquisto, mentre chi ha perso l'originale ed era incuriosito da questo titolo può rimediare scegliendo la nuova edizione. Con la solita speranza che un futuro seguito (le vendite lo danno quasi per certo) corregga i difetti ancora rimasti a frenare l'ascesa verso valutazioni più positive.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Per un'edizione che si fregia del titolo di "ultimate" era lecito aspettarsi qualcosa di più, sopratutto come qualità degli extra e correzioni ai difetti emersi nella prima uscita. Invece, ritroviamo lo stesso gioco dell'anno scorso con un solo livello aggiuntivo, non proprio quello che si definisce un acquisto immancabile. D'altra parte, Star Wars Il Potere della Forza: Ultimate Sith Edition ha ancora i pregi del titolo originale, ad esempio nel modo in cui unisce fisica e poteri del protagonista o nell'attenzione alla parte narrativa durante la campagna single-player. In definitiva, un titolo consigliato ai fan della saga che avevano perso la prima uscita, mentre chi possiede l'originale farebbe meglio ad attendere il seguito. O altrimenti, sperare nel ritorno del livello ambientato su Hoth come contenuto scaricabile.

Commenti

  1. Andhaka

     
    #1
    Che palle però... potevano farlo tutto in DLC e poi vendere la versione intera... invece ora non giocherò un pezzo perchè ho ancora il primo disco...
    .
    Cheers
  2. neko

     
    #2
    Lo sto giocando solo ora :DD .
    Ho fatto bene a prendere l'Ultimate Sith Edition.
    Le 3 mappe extra son fatte decisamente meglio di quelle standard (soprattutto Hoth) e presentano dei trofei interessanti e divertenti da ottenere.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!