Genere
Picchiaduro
Lingua
ND
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
9/3/2012

Street Fighter X Tekken

Street Fighter X Tekken Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Capcom
Sviluppatore
Capcom
Genere
Picchiaduro
PEGI
12+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
9/3/2012
Intervista

Silenzio, parla il maestro

Intervista a Yoshinori Ono, aka Mr. Street Fighter!

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

Alla Gamescom abbiamo avuto il piacere di incontrare in esclusiva Yoshinori Ono, producer di Street Fighter IV e Super Street Fighter IV. Semplice, alla mano e tanto, tanto simpatico (immaginate che ci abbia dato le risposte di cui sotto ridendo praticamente in continuazione. Quando specificato è perché rideva ancora di più…), l’uomo a cui si deve la recente rinascita di un brand così glorioso ci ha invitato a dare un’occhiata a un filmato esteso di Street Fighter X Tekken, crossover che sembra incarnare uno dei sogni proibiti (o dei peggiori incubi) degli appassionati di BEU anni ’90, che è stato uno degli argomenti di discussione affrontati nell’intervista che vi propiniamo qui sotto, assieme ad altre questioni, che speriamo siano di vostro interesse. Buona lettura!

Nextgame.it: A proposito dell’annunciata versione da sala giochi di Super Street Fighter IV, è vero che ci saranno sei nuovi personaggi?

Yoshinori Ono: Avevo sentito quelle voci un sacco di tempo fa, forse addirittura già la scorsa estate, ma no, nessuna di loro proviene da Capcom. La nostra priorità è rilasciare la versione arcade di Super Street Fighter IV il prima possibile, e la nostra tabella di marcia non ha nulla a che vedere con questi fantomatici sei nuovi personaggi. In una versione test del gioco ci sono tuttavia due slot liberi, ma… questo non vuol dire niente, non almeno fino al Tokyo Game Show (ride, NdR).

Nextgame.it: Come è avvenuta la collaborazione tra Capcom e Namco? Chi è stato a fare il primo passo?

Yoshinori Ono: Beh, bisogna tornare molto indietro nel tempo: essendo entrambe due case specializzate nei giochi di combattimento, ci conoscevamo già molto bene l’un l’altro. Si era già cominciato a intavolare una discussione per un'eventuale collaborazione tra noi già qualche anno fa, ma ha potuto prendere forma concreta solo dopo il lancio di Street Fighter IV, grazie a cui i beat’em up a incontri sono tornati sulla cresta dell’onda. È stato solo allora che una cosa come Street Fighter X Tekken è stata ritenuta fattibile sia da Capcom che da Namco.

Nextgame.it: Street Fighter X Tekken è un progetto “da una botta sola e via” o pensate che sarà il primo di una lunga e, si spera, fruttuosa collaborazione?

Yoshinori Ono: Street Fighter e Tekken sono due pesi massimi dei picchiaduro a incontri, ciascuno con uno stile molto particolare. Il gioco è un progetto molto grande, con cui si vuole onorare entrambi in un momento in cui il genere sta conoscendo una nuova giovinezza, per farli arrivare a conoscenza di quanta più gente possibile. Come già sapete, dopo di lui sarà il turno di Tekken X Street Fighter, con cui sferreremo un secondo potentissimo colpo. In seguito non c’è niente di programmato, per cui verosimilmente sia Capcom che Namco torneranno sulla loro strada, dedicandosi ai rispettivi progetti interni. Quando ero solo un ragazzo, appena entrato in Capcom, ho lavorato su Darkstalkers, che è una serie a cui sono parecchio legato, e che mi piacerebbe riprendere in mano, per cui… non posso dedicare tutto il mio futuro a collaborazioni tra Capcom e Bandai (scoppia a ridere, NdR).

Nextgame.it: A proposito di Darkstalkers, non è un po’ deluso dal fatto che dopo la rinascita di Street Fighter Capcom si stia lanciando in questi crossover, tenendolo ancora da parte?

Yoshinori Ono: Sì, ovviamente mi rattrista veder altri progetti, creati dal nulla, prendersi la precedenza su un’eventuale ritorno di una serie che amo tanto. Pensate che quando la collaborazione per Street Fighter X Tekken è stata sancita con una stretta di mano tra le figure ai vertici delle due compagnie, Inafune-san di Capcom e Nakatani-san di Namco Bandai, ero presente, ma diciamo che ho tenuto segreta la mia disapprovazione (ride, NdR).

Nextgame.it: Al di là di Street Fighter e Tekken, ci sono altre serie che le piacerebbe veder mischiate tra loro?

Yoshinori Ono: Assolutamente! Un sogno che si avvera per me sarebbe Onimusha Vs. Soul Calibur. Il primo è un action, d’accordo, ma usa tantissimo materiale realmente riconducibile alla lotta con la spada tradizionale giapponese, mentre Soul Calibur è un po’ più “sci-fi”, per cui mi piacerebbe tantissimo vedere confrontarsi nella stessa arena questi due stili agli antipodi, tradizionale e futuristico. Un altro crossover che mi piacerebbe davvero veder prendere vita è un Samurai Showdown contro Soul Calibur, ma visto che il primo è una serie di SNK dovrebbe trattarsi di un remake made in Capcom!

Nextgame.it: E che dice a proposito di un nuovo eventuale episodio di Capcom Vs. SNK?

Yoshinori Ono: È un crossover che mi piace, ma per me il vero significato della parola “passione” è “sorprendere le persone”. Un Capcom Vs. SNK 3 farebbe esclamare alla gente un “ooooooooh!”, ma non un “o… mio… dio!”, come ha fatto Street Fighter X Tekken. Questo è l’effetto che vorremmo ottenere con altri futuri crossover, qualcosa che la gente non si aspetta.

Nextgame.it: Ah, ok. Per cui il prossimo sarà Street Fighter Vs Mortal Kombat?

Yoshinori Ono: (scoppia a ridere, NdR) Beh, dovremmo stare veramente attenti a come realizzarlo, per fare in modo che Chun-Li funzioni alla perfezione! Comunque potete essere certi che il giorno in cui Capcom annuncerà l’incontro con la serie di un’altra casa non si tratterà di un semplice “wow” ma di qualcosa con un fattore-“o mio dio” veramente uber!

Nextgame.it: Street Fighter IV ha ottenuto un successo all'altezza delle aspettative?

Yoshinori Ono: Ci possiamo dire alquanto soddisfatti dei risultati ottenuti dal gioco: i media ne hanno parlato tantissimo, è stato molto amato in sala giochi, ha venduto bene nelle versioni casalinghe, ha fornito il trampolino per Super Street Fighter IV e la collaborazione con Namco, ma… il grosso della gente che ha raggiunto erano persone che già amano la serie da lungo tempo. Un successo massiccio sì, ma “di nicchia” se paragonato a quello che ebbe Street Fighter II, che ai tempi era giocato praticamente da tutti in giro per il mondo.

Nextgame.it: Siamo sicuri che Super Street Fighter IV non potesse uscire come un aggiornamento via DLC, per quanto forse più grosso della media?

Yoshinori Ono: Street Fighter IV era una sorta di invito a una festa. Un sacco di gente l’ha ricevuto, ma è un invito che non è riuscito a raggiungere tutti. Super Street Fighter IV è una nuova festa, con cui abbiamo provato a migliorare la nostra capacità di raggiungere quanta più gente possibile, ed era dunque essenziale che si rivolgesse sia a chi possedeva il predecessore che a nuovi arrivati. I primi hanno potuto unirsi a un party ancora più allegro e completo spedendo una cifra ridotta rispetto a una festa normale, i secondi hanno potuto essere della partita. Per i primi, se il gioco fosse uscito come prodotto stand-alone o DLC non cambiava praticamente nulla, mentre scegliendo la strada dell’espansione avremmo tagliato fuori tutti gli invitati della seconda categoria.

Nextgame.it: Ha mai combattuto contro Daigo (uno dei più dotati giocatori professionisti del circuito di Street Fighter, NdR)?

Yoshinori Ono: Una volta abbiamo giocato una cosiddetta “amichevole”. È un ragazzo così serio, così devoto a studiare e migliorarsi, non ha senso del divertimento: ho cercato di trasmetterglielo, gli dicevo “giocare contro il producer di Street Fighter IV è una bella occasione! Ok, non mi devi far vincere, ma almeno cerchiamo di spassarcela assieme, di far vedere le cose più spettacolari che il gioco ha da offrire…” e lui “ah”, e ha continuato a massacrarmi senza fare una piega, mettendomi KO nel giro di pochi secondi…


Commenti

  1. DarkGod

     
    #1
    Spettacolo l'ultima domanda sul giocatore professionista :asd:
  2. |King Crimson|

     
    #2
    Oddio la risposta su Daigo. :rotfl:
  3. matumba

     
    #3
    Divertiamoci. AH.
  4. sona

     
    #4
    SS vs SC sarebbe bello sì, se fosse nello stile snk. Peccato che snk ad oggi non ha i mezzi per farlo, oltre al fatto che non credo nessuno se la fili più.
    Il prossimo che voglio è Capcom vs SEGA :DD
  5. Stefano Castelli

     
    #5
    teoKrazia ha scritto:
    Silenzio, parla il maestro: Intervista a Yoshinori Ono, aka Mr. Street Fighter!
     Se ci fossi stato io l'intervista sarebbe stata la seguente.

    "Ok, lo fate un nuovo Darkstalkers?"
    "No"
    "Ciupa!"
    (rumore di passi che si allontanano)
  6. gabbiaz

     
    #6
    Stefano Castelli ha scritto:
    Se ci fossi stato io l'intervista sarebbe stata la seguente.
    "Ok, lo fate un nuovo Darkstalkers?"
    "No"
    "Ciupa!"
    (rumore di passi che si allontanano)
        :rotfl::rotfl:
    Daigo è un giocatore professionista giapponese...è più serio delle guardie di sua maestà....
  7. Jiraiya

     
    #7
    sona ha scritto:
    SS vs SC sarebbe bello sì [...]
     io solo a leggere quel rigo ho pensato, in ordine casuale: "morirei felice se...", "risparmierei tutti i soldi che ho per...", "meglio di diablo III" e altre cose belle.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!