Genere
Piattaforme
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 49,99
Data di uscita
16/11/2007

Super Mario Galaxy

Super Mario Galaxy Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Genere
Piattaforme
PEGI
3+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
16/11/2007
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
2
Prezzo
€ 49,99

Hardware

Per giocare a Super Mario Galaxy sono richieste una confezione originale PAL del gioco e una console Nintendo Wii europea. Il gioco richiede l'utilizzo del Nunchuck e i suoi salvataggi occupano 1 blocco nella memoria interna. Per la modalità cooperativa a due giocatori è richiesto un secondo Wiimote. Il gioco offre sei slot di salvataggio.

Multiplayer

Super Mario Galaxy supporta una singolare modalità cooperativa a due giocatori. Utilizzando un Wiimote aggiuntivo, un altro giocatore potrà seguire Mario nella sue gesta come "spalla". Nei panni di un secondo cursore a forma di stella, potrà raccogliere e sparare astroschegge, stordire i nemici e collaborare alle azioni di Mario, abilitando uno speciale super salto eseguibile coordinandosi con il giocatore principale.

Link

Recensione

Arriva Mario!

L'attesa per Super Mario Galaxy è finalmente terminata!

di Alberto Torgano, pubblicato il

Qualche anno fa avevamo lasciato il più famoso eroe della storia dei videogiochi alle prese con una solare vacanza ai tropici, ma oggi lo ritroviamo addirittura nello spazio cosmico! Abbandonato l'amato/odiato spruzzatore e con l'intero paese dei funghi a dargli man forte, Mario torna a far parlare di sé con la sua prima avventura per Nintendo Wii.

UNA GALASSIA TUTTA PER NOI

Dopo tanti anni di attesa e con una montagna di aspettative, Mario si ripresenta su Nintendo Wii decisamente in forma, pronto per affrontare un'avventura di dimensioni letteralmente galattiche. Il primo impatto con Super Mario Galaxy, dopo un'introduzione più lunga del solito che inevitabilmente ci conduce all'area centrale di gioco, è un po' "disorientante", nel vero senso del termine.
Un po' come accadde molti anni fa con Super Mario 64, Shigeru Miyamoto propone un nuovo punto di vista per le gesta del suo eroe preferito, lasciando il giocatore con un vero senso di vertigine, generato dalle visuali di gioco, assolutamente fuori dell'ordinario.
Questa volta, la "rivoluzione" di Super Mario Galaxy si propone allo spettatore fin da subito e con una certa intensità: ci riferiamo nello specifico alla forza di gravità, che costringe per la prima volta a valutare ogni azione e reazione da un punto di vista completamente nuovo, un aspetto che gli appassionati della serie non mancheranno di gustare a fondo.
I passi nel mondo di Super Mario Galaxy sono prima claudicanti, poi timidi, ma nel giro di pochi minuti si fanno sicuri e, dopo qualche ora, assolutamente inimmaginabili in qualsiasi altro gioco di piattaforme! La presentazione del mondo di gioco è infatti del tutto impregnata di questo nuovo elemento, che fa sfoggio di sé sia durante le passeggiate "a testa in giù" sulla superficie di minuscoli asteroidi, sia durante i salti da un pianeta all'altro, sia in curiose e geniali interpretazioni.

UN UNIVERSO VIVO

Super Mario Galaxy si presenta come un gioco piuttosto "vivo" se paragonato ai canoni tipici di questa serie. Basta infatti qualche ora in compagnia di Mario per imbattersi in tanti personaggi non giocanti, dagli stellari Sfavillotti, ai Toad, fino a Luigi, di nuovo in azione come aiutante (semi)autosufficiente di Mario, un ruolo che gli calza proprio a pennello!
Il mondo di Super Mario Galaxy è inoltre particolarmente vitale nel vero senso del termine, ovvero ricco di elementi interattivi, oggetti in movimento e interessanti soluzioni architettoniche, che nella forza di gravità trovano una nuova dimensione. Anche la giravolta (inedita "mossa" di Mario, che nel corso di di Super Mario Galaxy sarà il primario mezzo di interazione con l'ambiente circostante) sposa bene la nuova meccanica di gioco, permettendo di eseguire numerose azioni con un semplice movimento del polso. Il nuovo comando è infatti mappato su uno "scossone" del Wiimote e si inserisce in modo molto naturale nel sistema di controllo, che trae vantaggio dal singolare controller di Nintendo Wii per aumentare ancor di più l'immedesimazione nel gioco.
Dal punto di vista dei comandi, Nintendo ha fatto davvero un gran lavoro, limitando l'uso intensivo del Wiimote ad alcuni minigiochi e concentrandosi sull'utilizzo del cursore, sfruttato come una sorta di mano virtuale del giocatore stesso. Brillante in tal senso l'idea di abilitare una modalità a due giocatori cooperativa, che rende Super Mario Galaxy molto godibile anche dai giocatori della "Touch! Generation", che sottoforma di "cursori" (come spieghiamo nel box Multiplayer) potranno accompagnare amici più esperti nel nuovo accattivante universo di Mario.