Genere
Picchiaduro
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 49,99
Data di uscita
27/6/2008

Super Smash Bros. Brawl

Super Smash Bros. Brawl Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Genere
Picchiaduro
PEGI
12+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
27/6/2008
Data di uscita americana
9/3/2008
Data di uscita giapponese
31/1/2008
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
€ 49,99

Lati Positivi

  • Longevità esemplare
  • Ottimo cast di personaggi
  • Single-player nutrito
  • Non stanca mai

Lati Negativi

  • Modalità online un po' primitiva

Hardware

Super Smash Bros. Brawl richiede un Wii PAL e una confezione originale del gioco, nonché almeno un Wiimote per cominciare. È possibile mischiare i sistemi di controllo dei giocatori in multiplayer e sono supportati anche l'accoppiata Wiimote-Nunchuk, il Classic Controller e il pad GameCube. Non manca, infine, il supporto agli schermi a 50 e 60 Hz, la modalità 480p e il formato widescreen.

Multiplayer

Questo picchiaduro trova nel multiplayer la sua massima espressione e principale ragion d'essere: è possibile giocare fino a un massimo di quattro, sia offline che online attraverso la Nintendo Wi-Fi Connection. In quest'ultimo caso è richiesto lo scambio di appositi codici per giocare tra amici ma è possibile anche scontrarsi contro anonimi giocatori stanziati in qualunque parte del mondo. Sono presenti tre modalità per le partite tra amici (Brawl, Brawl Multiplo a due e Gara di Home-Run) e due modalità per gli scontri "liberi", ovvero Brawl semplice o a squadre. È possibile infine mischiare giocatori online, offline e personaggi controllati dalla CPU.

Link

Recensione

Il trofeo più ambito

Nessun compromesso, nessun paragone: incoroniamo il nuovo re!

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Proviamo ad andare al sodo del "caso" Super Smash Bros. Brawl sgombrando innanzitutto il campo dalle questioni tecniche: parliamo infatti di un picchiaduro e quindi di un gioco che deve poter contare su controlli precisi e affidabili (che consentano cioè di ripetere la stessa mossa senza doversi affidare al caso) nonché su un impianto tecnico decoroso e privo di difetti nella rilevazione delle collisioni. Entrambi questi obiettivi sono stati raggiunti in scioltezza, ma riguardo ai controlli è forse bene approfondire la questione.
Ci troviamo infatti di fronte a un gioco per Wii che non sfrutta in alcun modo i sensori di movimento del Wiimote e questa, a rigor di logica, potrebbe essere vista come una mancanza. Per comprendere la scelta del team di sviluppo bisogna, in effetti, capire prima le esigenze di un picchiaduro che basa gran parte del suo successo su una meccanica bilanciata nei minimi dettagli e già padroneggiata da milioni di giocatori nel mondo. Per quanto assistere a uno scontro possa dare l'impressione di una azzuffata confusionaria e molto "casuale", il gioco in sé non è lontano dal rigore di una disciplina vera e propria. Introdurre l'elemento gestuale nel sistema di controllo sarebbe stato forse divertente per i nuovi "adepti", ma giocoforza relegato a mera opzione supplementare, per non stravolgere quanto di buono realizzato fino a questo momento.

GAMECUBE 2.0

Una critica che per molti sarà assolutamente ininfluente (compreso chi scrive), ma che va comunque messa in conto tra quelle che è possibile muovere al gioco, è la mancanza di miglioramenti al dettaglio grafico rispetto al capitolo per GameCube. In effetti, a parte uno stile un po' diverso nel tratteggiare i personaggi, ci troviamo sostanzialmente di fronte a un gioco di vecchia generazione per tutto quanto riguarda i classici metri di giudizio: mole poligonale, effetti, risoluzione delle texture.
Dove Super Smash Bros. Brawl eccelle, proseguendo ancora sul solco del predecessore, è nella splendida caratterizzazione dei personaggi e delle arene per i combattimenti, nonostante l'ovvia premessa che si tratta comunque di materiale "riciclato" dalla storia di Nintendo e non creato per l'occasione. Giocando alla modalità L'Emissario del Subspazio bisogna constatare invece la presenza di alcune missioni non proprio ispirate e una curva di difficoltà che fa le bizze, magari si impenna all'improvviso per poi crollare subito dopo, scadendo a volte nel banale, con l'aggravante che la tipologia principale di nemici che ci troveremo ad affrontare è anche stilisticamente insipida, per quanto intervallata da altre creature più gustose e meglio caratterizzate.

MAZZATE SU MAZZATE

Il succo del gameplay, ovvero tutto ciò che concerne le mosse dei trentacinque personaggi e il design delle arene, è l'evoluzione in positivo di quanto visto in Super Smash Bros. Melee, con piccoli accorgimenti come l'introduzione delle pareti demolibili, degli assistenti e dello Smash Finale, che aggiungono possibilità di vittoria a disposizione di tutti, senza favorire troppo, com'è nello spirito della serie, chi ha più tempo a disposizione per studiare maniacalmente le mosse di ogni personaggio.
Rimane assodato che, come da tradizione, alcuni lottatori siano tendenzialmente da preferire per chi punta al puro e semplice annichilimento degli avversari in multiplayer (vedi alla voce Captain Falcon) ma è tale la fantasia profusa a piene mani nel set di mosse di ogni personaggio che sarebbe un delitto non provarli tutti, anche quelli più sbilanciati in senso negativo. Menzione speciale, in chiusura, per Solid Snake, omaggiato da Sakurai e soci con una tale quantità di artiglieria pesante da far impallidire la stessa Samus, e per la versione Zero Suit di quest'ultima: finalmente possiamo utilizzare un personaggio femminile con gli "attributi" a fianco delle solite Peach e Zelda.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Super Smash Bros. Brawl è l'apoteosi del concetto di "nintendosità" applicato ai picchiaduro o, se preferite, uno dei migliori picchiaduro, party game e beat 'em up che possiate acquistare per il vostro Wii. L'offerta è vastissima, sia per i giocatori solitari sia per gli amanti del multiplayer, con l'unico rammarico di una componente online non molto evoluta e un po' macchinosa per la creazione delle liste di amici (preparatevi a scrivere interminabili serie di numeri). Se diamo per scontato che i possessori di Wii siano avidamente in cerca di qualcosa con molta carne al fuoco e poca "fuffa", non c'è gioco più desiderabile in questo momento di Super Smash Bros. Brawl: correte in negozio e fatelo vostro.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!