Genere
Sportivo
Lingua
Inglese
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
13/11/2001

Tennis 2K2

Tennis 2K2 Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sega
Genere
Sportivo
Data di uscita
13/11/2001
Lingua
Inglese
Giocatori
4

Lati Positivi

  • Sistema di gioco approfondito e più soddisfacente
  • Divertentissimo e molto immediato
  • Nuovo World Tour di grande spessore
  • Tennis "al femminile" riproposto con fedeltà
  • Realizzazione tecnica eccellente
  • Multiplayer sempre divertentissimo

Lati Negativi

  • Ritmo e tempi del World Tour da rivedere
  • Mancanza di qualche torneo di una certa lunghezza
  • Impossibile giocare più di un set
  • Mancanza del gioco online

Hardware

Per giocare a Tennis 2K2 serve un Dreamcast in grado di leggere i giochi di nazionalità USA (l'uscita della versione PAL del gioco avverrà comunque entro Natale). Il gioco richiede poco spazio sulla VMU e supporta ovviamente il VGA Box.

Multiplayer

E' possibile giocare a Tennis 2K2 anche in quattro, organizzando doppi e tornei assortiti. Non è previsto, purtroppo, il gioco online.

Link

Recensione

Tennis 2K2

Benché privato della modalità di gioco online che avrebbe potuto lanciarlo nell'olimpo dei videogiochi, il seguito di Virtua Tennis è finalmente giunto tra le nostre mani. Migliorato, perfezionato, espanso, ripensato... sarà il gioco di tennis per eccellenza?

di Mattia Ravanelli, pubblicato il

La sensazione che fornisce Tennis 2K2 è quella tipica di un gioco che è stato perfezionato, presentando oggi un livello simulativo più approfondito (per quanto il tutto rimanga ancorato maggiormente al mondo arcade), con schemi di gioco e possibili movenze approfondite e in grado di fornire maggiore spessore al gioco Hitmaker.

IN TOUR DA UNA VITA

Così come lo era nel primo Virtua Tennis, anche in Tennis 2K2 centro nevralgico del titolo Sega è il World Tour. Dimenticate le esibizioni, lasciate perdere il classico torneo arcade da due lire e dedicate anima e corpo alla scalata della classifica mondiale nel World Tour.
A un anno di distanza la struttura del World Tour è mutata sensibilmente, progredendo e offrendo un livello di profondità e completezza solamente accennato nel titolo dello scorso anno. Tanto per cominciare questa volta va creata da zero una coppia di tennisti (un uomo e una donna) che devono essere allenati per ragigungere livelli da campioni del mondo. La creazione dei personaggi verte su specifiche puramente fisiche (tratti somatici, peso, altezza) e cosmetiche (vestiario). Tutte le caratteristiche tecniche di gioco vengono difatti fatte progredire grazie agli allenamenti, esistenti nel World Tour sotto forma dei mini giochi presenti fin dallo scorso anno. Se, quindi, inizialmente si ha una coppia di inutili e banali tennisti, incapaci di spiccare in qualsivoglia aspetto tecnico, con il passare del tempo e a seconda degli allenamenti in cui si sono prodigati, si possono ottenere atleti votati alla corsa, piuttosto che alla potenza, o ancora molto abili nel rovescio o dedicati a delle battute letali... O, se si ha davvero molto, molto tempo a disposizione, capaci di riunire praticamente tutte le specifiche sopra descritte.
Tra i nuovi mini-giochi/allenamenti presenti si segnalano quelli dedicati alla potenza del colpo (una sorta di sparatutto contro due carri armati... er!), al lavoro di gambe (raccogliere oggetti evitandone altri, con ostacoli mobili e...), alla precisione dei colpi (una versione tennistica dell'Otello da tavolo!) e ancora altre prove dedicate alla potenza e precisione nel servizio. Sono stati riproposti i celebri mini game dei birilli e quelli con il cerchio concentrico (che misura la precisione nelle voleé), tratti dal primo Virtua Tennis.
I tornei sono questa volta presenti solo in particolari momenti dell'anno, si perché Tennis 2K2 presenta un calendario che prevede lo svolgimento di particolari competizioni (suddivise per livello di difficoltà) solo in alcune settimane dell'anno. Ogni volta che il nostro tennista prende parte a un allenamento o a un torneo, si passa alla settimana successiva. E' però sconsigliabile prendere parte a tre eventi (siano allenamenti o tornei) in tre settimane consecutive, dato che il giocatore arriverebbe evidentemente stanco al secondo o terzo appuntamento. Come fare quindi? Semplice, basta tornare alla propria casetta (la casella Home) e far riposare i propri atleti, passando alla settimana successiva e colmando nuovamente la barra della stamina!
Sono naturalmente presenti i negozi in cui comprare ora un numero imponente di oggettini et similia: cappellini, magliette, scarpe, bande e soprattutto... racchette da tennis. Non sperate neanche lontanamente di poter sfidare un Moya al quarto livello con quel legnaccio con cui iniziate la vostra carriera, si deve infatti passare quanto prima a una racchetta di miglior livello. Da notare come, giustamente, le racchette si differenzino per potenza, angolazione e precisione del colpo. Chi vuole puntare solo sulla potenza deve quindi acquistare uno strumento differente da chi vuole andare a giocare unicamente sugli angoli chiusi e le smorzate di effetto. Non mancano, comunque, gli stage da acquistare, che vengono poi utilizzati anche nell'arcade mode. In Tennis 2K2 i campi presenti sono 28, includendo versioni delle stesse ambientazioni presentate a differenti ore del giorno. Per quanto le differenze tra i tanti stage siano poco visibili durante il gioco vero e proprio e ovviamente assolutamente ininfluenti sullo svolgimento degli incontri (non contando la tipologia di superficie ovviamente), poter scegliere tra tante differenti situazioni aggiunge maggior varietà al gioco. Concludiamo ricordando che non si possono comprare nuovi giocatori nel World Tour sperando di poterli utilizzare nell'Arcade Mode, dato che, come detto, non esistono nuovi tennisti oltre a quelli originariamente presentati. Nei negozi è però possibile porre sotto contratto un partner a propria scelta per poter competere nei tornei che prevedono partite in doppio. Da notare infine come tutto l'acquistabile costi ora decisamente di meno che in Virtua Tennis, per il semplice motivo che gli allenamenti, anche se oltrepassati con successo, non forniscono neanche mezza lira... tutto è legato al successo o meno nei tornei.
Per quanto tutto ciò che abbiamo descritto possa far pensare a una situazione semplicemente "ideale" per il World Tour, non possiamo fare a meno di segnalare un paio di aspetti che non convincono appieno. In primis c'è da accusare una certa lentezza dei mini giochi all'aggiornarsi ai nuovi livelli, in poche parole occorre rigiocarli davvero molte, molte volte per far si che passino ai livelli avanzati che consentono al tennista di migliorare ulteriormente e velocemente le proprie caratteristiche. Visto e considerato che ai tornei si accede solo passando di livello (vincendo i tornei di livello inferiore), la lentezza nell'aggiornamento dei sotto giochi condanna tutto il World Tour a una certa lentezza di fondo che, per quanto sia tutto sommato ben più che sopportabile, non sembra perfettamente calibrata per il gioco. Infine si nota piuttosto marcatamente la mancanza di veri tornei di una certa lunghezza e complessità sia nel World Tour che nel gioco "liscio". Non sarebbe costato molto inserire qualche torneo con sorteggi, presentazioni più accurate e in generale una maggior sensazione di partecipare a qualcosa di "grosso e importante".

LE CHICCHE DEL NON MORTO

Per quanto Tennis 2K2 non possa ambire a rivaleggiare con i migliori titoli degli ultimi mesi dal punto di vista tecnico, è anche vero che presenta una veste grafica ben oltre la media e in generale possa contare su una cura per i dettagli davvero invidiabile. L'hardware del Dreamcast ha ormai tre anni sul groppone, stranamente riesce ancora a stare al passo coi tempi in un mercato che ha condannato a morte prematura una console davvero eccellente. Texture, pulizia dell'immagine, fluidità, animazioni, modelli poligonali dei giocatori... se Tennis 2K2 uscisse, così com'è, su PlayStation 2, GameCube o Xbox, difficilmente ci si potrebbe lamentare. Anzi. Si tratta dell'ennesima prova della bontà della console Sega. Se il Dreamcast è morto, altri agonizzano, verrebbe da pensare. Ma passiamo al sodo...
Dal punto di vista tecnologico non è cambiato molto da Virtua Tennis a questo Tennis 2K2: le animazioni sono sicuramente state arricchite e rese ulteriormente realistiche (fatta eccezione per quella "gaffé" del tuffo), i volti dei giocatori sono ora realizzati davvero bene e non richiamano alla mente nessun episodio di House of the Dead, tutto si muove velocemente, fluidamente e senza il benché minimo rallentamento. Insomma, promozione con ottimi voti per Hitmaker.
Ma attenzione, se avete un Dreamcast PAL e avete intenzione di acquistare Tennis 2K2, cercate di provarlo prima sulla vostra console. Su un paio di console Sega europee redazionali, infatti, la versione statunitense del gioco recensita non ha offerto i 60Hz, mostrando quindi una fluidità minore e qualche rallentamento che davvero non rende assolutamente giustizia al gioco vero e proprio. Sul vecchissimo e fido Dreamcast nipponico, invece, tutto è andato liscio come l'olio.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Non si poteva chiedere di più a Tennis 2K2, così come non gli si poteva chiedere di meno. Questa seconda edizione di Virtua Tennis presenta tutti gli aspetti tipici che dovrebbero (il condizionale è d'obbligo) accompagnare ogni nuova edizione di un gioco sportivo. Il sistema di gioco è stato approfondito, strizzando l'occhio alla simulazione e inserendo molte nuove possibilità e metodi di colpire la palla. Il World Tour offre uno spessore invidiabile e, nonostante qualche peccatuccio (vedi testo principale della recensione), riesce a garantire decine di ore di divertimento. L'inclusione del tennis "al femminile", poi, ha donato a Tennis 2K2 due modi differenti di vivere questo sport, sottolineando ancora una volta la grande cura profusa da Hitmaker nello sviluppo del gioco. Chi non ha comprato Virtua Tennis e sta cercando un titolo in grado di appassionare a lungo e di rinsaldare (o distruggere) amicizie, esca e compri senza nessun timore Tennis 2K2. Chi ha già acquistato l'edizione dello scorso anno, sappia che in fin dei conti i soldi richiesti per Tennis 2K2 sono più giustificati che in tanti altri casi.