Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
10/2/2012

The Darkness II

The Darkness II Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Games
Sviluppatore
Digital Extremes
Genere
Sparatutto
Distributore Italiano
Cidiverte
Data di uscita
10/2/2012
Data di uscita americana
7/2/2012
Lingua
Italiano
Giocatori
1-4

Hardware

The Darkness II è previsto sui formati PC, PlayStation 3 e Xbox 360. Il gioco ci è stato sottoposto nella versione per la console Microsoft e su alcune stazioni debug PC.

Multiplayer

Non sono ancora state svelate modalità multiplayer.

Modus Operandi

Per realizzare questo articolo ci siamo recati in Canada, negli studi Digital Extreme, dove abbiamo provato su Xbox 360 la demo già trattata in precedenti articoli, osservato in funzione la demo che sarà presentata all'E3 2011 e dato uno sguardo agli editor e ai tool di sviluppo del team, chiacchierando con svariati membri.

Link

Hands On

Furbizia artificiale

La Fratellanza sa come si combatte la Tenebra.

di Andrea Maderna, pubblicato il

L'ultimo, intrigantissimo, aspetto di gameplay messo in luce dalla presentazione sta nel comportamento dei nemici, che sembra davvero più reattivo rispetto a tanti altri giochi e soprattutto pensato per fornire una buona adattabilità alle situazioni. L'esempio più ovvio è rappresentato dagli accoliti di supporto: un modo per liberarsi dal pericolo che rappresentano è senza dubbio costituito dal distruggere il loro riflettore con un colpo di pistola ben piazzato. In altri giochi, questo significherebbe ritrovarsi poi con un nemico che se ne rimane lì come un fesso, col riflettore rotto in mano, in attesa di essere ucciso. In The Darkness II, invece, li vediamo gettare per terra il riflettore fuori uso, estrarre un'arma da fuoco e mettersi a sparare al povero Jackie. Un ulteriore elemento, insomma, che garantisce imprevedibilità e versatilità nelle situazioni di combattimento, fermo restando che andrà messo veramente alla prova quando potremo affrontare direttamente i nemici pad alla mano.

Lo diciamo per l'ennesima volta: lo stile grafico, in movimento, rende benissimo e si rivela estremamente adatto al gioco. Abbiate fede - The Darkness II
Lo diciamo per l'ennesima volta: lo stile grafico, in movimento, rende benissimo e si rivela estremamente adatto al gioco. Abbiate fede

ottime premesse

Più in generale, l'impressione è che l'approccio alla battaglia sia stato pensato per garantire una certa libertà e un'impostazione tattica di un certo spessore. Fra armi da fuoco, attacchi demoniaci e – seppur limitata – interattività con gli ambienti, Jackie ha sicuramente molte opzioni, che vengono poi ulteriormente incrementate dalla varietà di situazioni proposta dai nemici. Meglio far subito fuori l'avversario di supporto con il suo pericoloso riflettore, o occuparsi del pericolo più immediato mentre si cerca di evitarne la luce? Affrontiamo di petto il bruto che ci attacca da vicino o proviamo a fuggire cercando di farlo fuori dalla distanza? Nulla di trascendentale, certo, ma di sicuro si tratta di un approccio che sembra poter garantire delle meccaniche di combattimento più articolate e interessanti rispetto a quelle del primo The Darkness, che sotto questo punto di vista mostrava forse i suoi maggiori limiti. E il bello è che ancora tanta carne deve essere messa al fuoco, a cominciare dalle modalità e forme tramite cui i poteri di Jackie si evolveranno nel corso del gioco, per passare ad esempio anche alla presenza del Darkling, creatura indipendente e dotata di personalità propria, che parteciperà autonomamente agli scontri ma con cui potremo in parte interagire. Insomma, se già eravamo piuttosto persuasi sulla capacità, da parte del team Digital Extremes, di rivelarsi all'altezza dell'emozionante e raffinata carica narrativa del primo The Darkness, cominciamo a pensare che anche sul fronte del gameplay se ne dovrebbero vedere delle belle. Incrociamo le dita.

La nostra copertura esclusiva su The Darkness II non si chiude qui: restate sintonizzati nei prossimi giorni per un'intervista al project director Shelton Carter e un approfondimento sulle tecniche di sviluppo e il lavoro che Digital Extremes sta svolgendo dietro le quinte.


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    giopepSguardo esclusivo alla nuova demo di The Darkness II.

    Diciamo che più lo vedo e più mi sembra uno dei giochi assolutamente da aspettare del 2011.
  2. utente_deiscritto_30839

     
    #2
    considero the darkness uno dei giochi più belli e coinvolgenti di questa generazione... ho aspettative enormi!!!
  3. Nogra

     
    #3
    com'è l'impatto con la nuova grafica? a me il primo era piaciuto molto sotto questo aspetto, questi cambi di rotta sono sempre difficili da digerire, almeno per me...
  4. Drizzt

     
    #4
    Bellissimo *_* Ho adorato l'avventura di Estecado. Speriamo non deluda.
  5. Stefano Castelli

     
    #5
    Nogracom'è l'impatto con la nuova grafica? a me il primo era piaciuto molto sotto questo aspetto, questi cambi di rotta sono sempre difficili da digerire, almeno per me...

    Provato a leggere l'articolo? ;)
  6. Bluemoon

     
    #6
    Stefano CastelliDiciamo che più lo vedo e più mi sembra uno dei giochi assolutamente da aspettare del 2011.

    io però spero non lo rendano troppo "solito" sparatutto, nel senso di non rovinare con un'ipotetico tasso di sfida l'esperienza. cioè, the darkness deve dare la sensazione di essere la tenebra. per questo le critiche alla sensazione di onnipotenza del primo non le ho mai troppo capite.
  7. Stefano Castelli

     
    #7
    Bluemoonio però spero non lo rendano troppo "solito" sparatutto, nel senso di non rovinare con un'ipotetico tasso di sfida l'esperienza. cioè, the darkness deve dare la sensazione di essere la tenebra. per questo le critiche alla sensazione di onnipotenza del primo non le ho mai troppo capite.

    Allora facciamo un gioco su Superman in cui combatti solo contro spacciatori di droga. ;)
  8. Bluemoon

     
    #8
    solo no, ma ci sta anche lo scontro impari se serve a veicolare una certa sensazione che è funzionale al personaggio interpretato.
  9. Meno D Zero

     
    #9
    domanda: infileranno a forza anche in questo sequel un inutile quanto non richesta modalità multy?
  10. giopep

     
    #10
    Un po' di risposte:

    - capisco la diffidenza sulla nuova grafica, ero diffidente anche io, ma ribadisco (per l'ennesima volta :D) che l'impatto a gioco in movimento è ottimo e calza a pennello con l'atmosfera. Fra l'altro dietro allo stile grafico c'è un lavoro pazzesco, ne parliamo la prossima settimana con un articolo che sto preparando; :)

    - anche a me piacque molto quel senso di onnipotenza del primo episodio, quel sentirti come se fossi in un survival horror al contrario, in cui eri tu il mostro. Così come avevo amato molto quel livello finale da totale onnipotenza e la quasi assenza di un vero e proprio boss finale, con quella conclusione poi così tranquilla, rilassata... però avrebbe senso riproporre la stessa identica cosa? Oddio, magari sì, ma insomma, ci sta anche di cercare un evoluzione ed è pure vero che dal punto di vista strettamente ludico qualche limite nel primo episodio c'era. Comunque, l'impressione che ho avuto per quel che ho visto e giocato è che in realtà quelle sensazioni ci siano ancora, perché comunque i nemici, per quanto più attrezzati, se impari a gestirli li fai lo stesso a fette. Inoltre a livello narrativo mi sembra tutto molto ben contestualizzato. Certo non è semplice bilanciare il tutto perché funzioni e non rovini il fascino della Tenebra. Tocca incrociare le dita;

    - sul multiplayer non rispondono manco sotto tortura, ma di solito questo significa che ci sarà: in genere, quando qualcuno decide di non mettere il multiplayer se ne fa un vanto. :)
Continua sul forum (14)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!