Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
10/2/2012

The Darkness II

The Darkness II Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Games
Sviluppatore
Digital Extremes
Genere
Sparatutto
Distributore Italiano
Cidiverte
Data di uscita
10/2/2012
Data di uscita americana
7/2/2012
Lingua
Italiano
Giocatori
1-4

Link

Recensione

Chi ha paura dell’uomo nero?

Digital Extremes sigla un nuovo patto con la Tenebra.

di Francesco Sica, pubblicato il

Correva l’anno 2007 quando The Darkness, stiloso fumetto della Top Cow, veniva trasformato in oscuro e violento videogioco dalle capaci mani del team Starbreeze, reduce dal folgorante successo di The Chronicles of Riddick: Escape from Butcher Bay per Xbox. A distanza di quasi cinque anni, Jackie Estacado, giovane killer della famiglia Franchetti, torna alla ribalta in The Darkness II. Stavolta, però, il team di sviluppo è cambiato e con esso è mutata anche l’impostazione grafica del titolo. Giocabilità ed impatto emozionale saranno rimasti inalterati? Di sicuro The Darkness II appare sin dall'inizio più violento ed esplicito, offrendo la possibilità di dare sfogo ai più reconditi istinti animaleschi del giocatore in maniera ancor più plateale che in passato: devastando, squartando e scaricando addosso ai nemici massicce dosi di piombo. Il nuovo team di sviluppo, Digital Extremes, ha voluto accrescere ulteriormente la sensazione di oscura onnipotenza che già permeava The Darkness, affinando le dinamiche di combattimento legate all’uso combinato di attacchi fisici e armi da fuoco. Con molta probabilità, è proprio in virtù di questa sua rinnovata dose di brutalità che The Darkness II, pad alla mano, si eleva una spanna sopra la sua precedente incarnazione. Ma è realmente sufficiente aumentare il tasso di gore per ottenere un prodotto valido nel suo complesso? Domanda retorica, che implica l’analisi delle altre caratteristiche The Darkness II.

A beneficio di chi non ha giocato il capitolo precedente, un veloce riepilogo con immagini in stile fumetto ne riassume la trama - The Darkness II
A beneficio di chi non ha giocato il capitolo precedente, un veloce riepilogo con immagini in stile fumetto ne riassume la trama

La trama, affidata anche stavolta allo scrittore inglese Paul Jenkins (che tra un ciclo di Hellblazer e vari lavori per la Marvel ha sceneggiato anche alcuni albi del Darkness a fumetti), non riesce inspiegabilmente a coinvolgere immediatamente il giocatore fino in fondo. Di certo The Darkness II si è liberato dagli orpelli delle soporifere quest secondarie, che appesantivano inutilmente la struttura narrativa del precedente capitolo, limando in questo modo i tempi morti fra una missione e l’altra... al costo però di un po' di sostanza (ma di quello parliamo dopo). Il ritmo, dunque, non manca, ma il vero problema sembra risiede nella marcata autoreferenzialità della trama che, nel tentativo di lasciar intuire il parallelo fra gli eventi passati e presenti, cede fin troppo spesso al ridondante utilizzo di situazioni già viste in The Darkness. Arma a doppio taglio, dunque, l’inevitabile presenza del fantasma di Jenny Romano, la defunta compagna del protagonista, che da un lato ne strazia il cuore ad ogni sua apparizione e dall’altro non può che risultare un espediente narrativo che odora di stantio… Eppure, è praticamente impossibile non provare un profondo sentimento di compassione nei confronti di Jackie, costretto in passato, dalla stessa Tenebra che alberga nel suo corpo, ad assistere alla morte della sua amata. La vendetta che anima ogni azione di Estacado, il suo triste e malinconico desiderio di sangue, è una sottile ed infallibile esca per qualsiasi giocatore che abbia un minimo di sensibilità in corpo, e innesca inevitabilmente un meccanismo empatico che rende The Darkness II uno sparatutto in soggettiva decisamente insolito e affascinante, così come lo era stato il suo predecessore.

Le esecuzioni stilose generano Essenza, e l'Essenza sblocca a sua volta nuovi talenti per uccidere con stile: il grande circolo virtuoso dei nemici fatti a pezzi - The Darkness II
Le esecuzioni stilose generano Essenza, e l'Essenza sblocca a sua volta nuovi talenti per uccidere con stile: il grande circolo virtuoso dei nemici fatti a pezzi

ESSERE UN MOSTRO HA I SUOI VANTAGGI
Se è vero, dunque, che la componente narrativa mostra il fianco a qualche critica, lo stesso non si può dire della giocabilità, legata a filo doppio a un peculiare sistema di combattimento che affianca all’utilizzo delle armi da fuoco anche i poteri infernali della Tenebra, rappresentati da due mostruose creature tentacolari, emanazioni dell’entità che alberga in Jackie. L’uso contemporaneo di due bocche da fuoco, unito alle quasi infinite possibilità offerte dalle creature semi-senzienti che fuoriescono dal corpo di Jackie, impartisce all’azione su schermo un ritmo intenso, trasformando ogni combattimento in una folle e spettacolare carneficina. Smembramenti e mutilazioni sono uno show così estremo che potrebbe risultare perfino eccessivo per chi non è abituato alla violenza virtuale…
Potrete, per esempio, scardinare la portiera di una delle macchine abbandonate nei livelli di gioco e sfruttarla come scudo, mentre sparate contemporaneamente con una pistola e un Uzi, inanellando una serie di headshot. Subito dopo, scagliando via la medesima portiera, sarete in grado di tranciare in due un nemico per poi mangiarne il cuore ed accumulare indispensabile Essenza oscura. Il tentacolo di sinistra, caratterizzato in modo da apparire più tozzo rispetto al suo gemello destrorso, sarà quello adibito ad afferrare oggetti e nemici, con la possibilità di scagliare persino sbarre metalliche per impalare i più sfortunati. Una delle novità più cruente concerne le esecuzioni, vere e proprie Fatality che consentono di recuperare energia, munizioni, oppure ricaricare i poteri speciali di Jackie.


Commenti

  1. stepkanevra

     
    #1
    Quindi a livello narrativo si è perso tutto lo charme del primo capitolo?
    In questo senso devo intendere la "deviazione"?
  2. Lylot72

     
    #2
    peccato per la deriva il primo mi era piaciuto parecchio.
  3. Solidino

     
    #3
    hanno pure sostituito il doppiatore originale...eccerto il gioco è diverso. XD

    "l’esperienza potrà oscillare infatti fra le 6 e le 8 ore. Per fortuna The Darkness II può contare anche su un multiplayer cooperativo (online e offline), pensato per due o quattro giocatori"

    per fortuna eh!!! Non sia mai che eliminavano il multicoso e ci davano un gioco da 20 ore. Ma per fortuna no!!! Il gioco è breve, poi c'è il multicoso che vi aspetta ragazzi!!! Yeah!!! A sparare con gli amichetti dopo la scuola su...ah e dopo i compiti mi raccomando!!!
  4. ito

     
    #4
    20 ore per un fps mi sembrano un tantino esagerate. :)
  5. Solidino

     
    #5
    invece 6 ore sono il top.
    Prendi RE4, e immagina di giocarlo in fp view....
  6. Altered Beast

     
    #6
    Se la citazione dell'ultimo paragrafo è per Sandman dei Metallica, allora c'è un piccolo errore...è "enter night", non "end of".

    Voglio questo gioco, ma ora non posso. Appena scende prendo pure lui.
  7. Altered Beast

     
    #7
    Solidino, la durata è giusta. E' un'avventura in prima persona, una decina di ore totali sono più che sufficenti. Imho per esempio Bioshock durava troppo, infatti l'ho mollato lì.
  8. Solidino

     
    #8
    vabbeh, sarò strano io che ci vedo la possibilità di creare un fps di 15 ore di gioco, vario...da qui l'esempio di RE4 first person.

    ma vabbeh 6 ore son pure troppe, bioshock era troppo lungo, quindi mi arrendo e pace.
  9. Altered Beast

     
    #9
    Solidinovabbeh, sarò strano io che ci vedo la possibilità di creare un fps di 15 ore di gioco, vario...da qui l'esempio di RE4 first person.

    ma vabbeh 6 ore son pure troppe, bioshock era troppo lungo, quindi mi arrendo e pace.
    Che poi si parla sempre di tot ore filate, quindi c'è sempre da aggiungerci quelle 2-3 ore in più, a meno che non lo si giochi a super easy. Vale per qualsiasi gioco. Dead space 2 ci ho messo una settimana e mezzo a finirlo a normal giocando 7 giorni su dieci circa tre ore alla volta, fa una ventina di ore totali, che non è la durata effettiva del gioco, che si attesterà all'incirca sulla decina di ore (il file di salvataggio parla chiaro). Per Vanquish il discorso è lo stesso, ci avrò messo almeno una dozzina di ore, quando il titolo giocato tutto di filato ne durerà sì e no 5.
    Altra cosa, a me i Modern warfare durano altro che 4 ore, visto che me li gioco sempre a veterano fin da subito. Credo di averci messo per entrambi i primi due titoli una 15ina di ore.
  10. stepkanevra

     
    #10
    Comparto narrativo scadente? Scaffale allora. Anche The Darkness è diventato un fps, magari bello per carità, ma come tanti. Può rimanere dove sta. Ripongo le mie ultime speranze in Bioshock Infinite e nell'estro di Ken Levine..
Continua sul forum (291)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!