Genere
Avventura
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
2016

The Last Guardian

The Last Guardian Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment Japan
Sviluppatore
Sony Japan Studio
Genere
Avventura
Data di uscita
2016

Hardware

The Last Guardian è un'esclusiva PlayStation 3. L'uscita è prevista nel 2012 in Giappone e a seguire sugli altri mercati.

Multiplayer

Non dovrebbero essere presenti modalità multiplayer.

Modus Operandi

Questa anteprima è basata sulle informazioni diffuse fino a questo momento dagli sviluppatori.
Eyes On

Qua la zampa!

Il miglior amico del grifone.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

La creatura che è apparsa subito, in modo prorompente, come la vera protagonista di The Last Guardian, è un indefinibile miscuglio genetico: alla base, stando a quanto dichiarato da Ueda, dovrebbe essere un gatto (gigante) sul quale sono stati impiantati pezzi di DNA di altri animali: di un'aquila, certamente, e forse anche altro. Il risultato, nelle intenzioni del game designer, dovrebbe allo stesso tempo confondere e tranquillizzare il giocatore, trasmettendogli sensazioni familiari "ricomposte" in modo nuovo. E saranno sensazioni forti, se è vero che tutto il team è impegnato da cinque anni a costruire la complessa psicologia di questa curiosa bestiolina, annodata in un groviglio che ci toccherà sbrogliare dovendo fare i conti con l'insormontabile barriera linguistica e potendo contare su pochi strumenti a nostra disposizione. Uno di questi sarà una sostanza, raccolta all'interno di grosse anfore, della quale il "grifone" è molto ghiotto, e che cercherà sempre di raggiungere in ogni modo con il "becco".

Gli ambienti esplorabili del gioco sono quelli di un castello popolato da guardie dall'aspetto vagamente demoniaco, contro le quali il nostro innominato protagonista può ben poco, se non fuggire. Ecco quindi che il gameplay inizia a delinearsi in tutto il suo minimalismo: l'obiettivo è superare ogni sezione del castello facendo uso delle abilità della creatura e cercando di non farsi acchiappare da una guardia - eventualità che corrisponde al Game Over. Per riuscire nel suo intento, il giocatore dovrà anche sfruttare al massimo le abilità acrobatiche del suo fanciullesco alter-ego, agile e veloce quanto basta per saltare, arrampicarsi e dondolare come un novello Principe di Persia in un castello con molte meno trappole.

la cripto-avventura

Com'è nello stile di Ueda, anche The Last Guardian sembra imbastito a partire da un universo narrativo che conosce solo lui e del quale non ha intenzione di metterci al corrente. La sensazione di "familiarità" è solo apparente, per quanto ne sappiamo, e non è chiaro se sarà inserito un collegamento con i precedenti titoli, così come è avvenuto con Shadow of the Colossus che, nel corso dello sviluppo, è diventato un prequel più o meno ufficiale di Ico. Stando alle dichiarazioni del game designer, comunque, è inutile già adesso aspettarci chissà quali rivelazioni epocali: abbiamo ormai capito che il "mantra" di Ueda è quello della sottrazione di tutti i dettagli per fare in modo che siano gli stessi giocatori a riempire il vuoto con la loro immaginazione.

The Last Guardian è apparso in gran forma al TGS 2010: peccato che bisognerà attendere fino al 2012 per giocarlo - in giapponese - The Last Guardian
The Last Guardian è apparso in gran forma al TGS 2010: peccato che bisognerà attendere fino al 2012 per giocarlo - in giapponese
Un aspetto non secondario, ma nemmeno predominante, è poi quello tecnologico. Ancora una volta, il team di Ueda ha dovuto lavorare sodo sulle animazioni, senza potersi affidare al motion capture, per fare in modo che la creatura protagonista potesse esprimere in modo compiuto le sue complesse routine comportamentali; e senza parlare, ovviamente. Il lungo lavoro sull'IA e sulle animazioni ha consentito a Ueda di fare un altro passo avanti nel suo personale cammino verso la creazione di un essere artificiale che risulti tanto credibile e verosimile, nel modo in cui si comporta, quanto decisamente improbabile nell'aspetto. Questo non vuol dire che The Last Guardian sarà un gioco brutto a vedersi, o arretrato, così come non lo era Shadow of the Colossus, che a modo suo spingeva l'hardware di PlayStation 2 ben oltre i limiti del progetto; semplicemente, non punta a stupirci sul fronte del dettaglio grafico ma a coinvolgerci, se possibile, ancor più di quanto abbiamo fatto i precedenti lavori di Ueda. Sperando che, questa volta, venda almeno un pochino di più.


Commenti

  1. Myau

     
    #1
    In effetti i magazzini dei negozi sono stracolmi delle copie invendute di ICO e Shadow of the Colossus, per non parlare dell'usato che fra un po' ti pagano per portartelo via.
  2. Solidino

     
    #2
    MyauIn effetti i magazzini dei negozi sono stracolmi delle copie invendute di ICO e Shadow of the Colossus, per non parlare dell'usato che fra un po' ti pagano per portartelo via.


    Vabbeh ma è risaputo, il videogiocatore medio è ignorante. E i giochi ignoranti abbondano.





    domanda e offerta si danno la mano.
  3. Gaara80

     
    #3
    Ma quindi da noi prima del 2012 inoltrato non arriva giusto?
  4. utente_deiscritto_5167

     
    #4
    Ma alla fine (grazie e anche alla riedizione di ICO) non avevano comunque "vendicchiato?"
  5. Zendo

     
    #5
    mahhhhhhh :(
  6. Lupos aletheia

     
    #6
    E io che cerco Shadow of the Colossus e non sono riuscito a trovarlo! Magari mi pagassero per portarlo via!
  7. jurgen81

     
    #7
    MyauIn effetti i magazzini dei negozi sono stracolmi delle copie invendute di ICO e Shadow of the Colossus, per non parlare dell'usato che fra un po' ti pagano per portartelo via.





    Ho le mie copie di Ico e Shadow e a volte, per valutarne una vendita, ho seguito delle aste su ebay.


    Le ultime che ho visto andavano sui 25 euro.





    Poi sono rinsavito e mi sono tenuto i giochi con le loro custodie cartonate, le cartoline che profumano di nuovo e il libretto immacolato.
  8. Solidino

     
    #8
    jurgen18
    Poi sono rinsavito e mi sono tenuto i giochi con le loro custodie cartonate, le cartoline che profumano di nuovo e il libretto immacolato.


    e lo hai fatto perché ci tieni o perché sono valutate poco? XD
  9. utente_deiscritto_35795

     
    #9
    SolidinoVabbeh ma è risaputo, il videogiocatore medio è ignorante. E i giochi ignoranti abbondano.





    domanda e offerta si danno la mano.

    Il topic si potrebbe anche chiudere qui :))
  10. V-JOLT_

     
    #10
    Ueda deve cacciare fuori il muso all'E3 con qualcosa di potente, che giustifichi il ritardo.e voglio vedere anche journey, basta cazzeggiare!
Continua sul forum (25)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!