Genere
Avventura
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
Autunno/Inverno 2015

The Legend of Zelda: Tri Force Heroes

The Legend of Zelda: Tri Force Heroes Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo EAD
Genere
Avventura
Data di uscita
Autunno/Inverno 2015

Lati Positivi

  • Divertentissimo in gruppo.
  • Puzzle-solving intrigante.
  • Tecnicamente delizioso.
  • Ottime musiche.

Lati Negativi

  • Singleplayer deludente.
  • Manca la chat vocale...
  • ...e i comandi tramite icone non funzionano altrettanto bene.

Hardware

The Legend of Zelda: Tri Force Heroes è un'esclusiva Nintendo 3DS compatibile con tutti i modelli della console.

Multiplayer

The Legend of Zelda: Tri Force Heroes supporta lo coop via LAN o via internet.

Modus Operandi

Abbiamo ricevuto una copia del gioco da Nintendo, dopo di che ci siamo lanciati all'avventura sia coinvolgendo due amici - grazie alla modalità download - sia affidandoci ad internet per la ricerca di compagni di avventura.
Recensione

Tri is megl che uan?

Link si fa in tre nel nuovo The Legend of Zelda: Tri-Force Heroes

di Claudio Magistrelli, pubblicato il

The Legend of Zelda: Tri Force Heroes, oltre ad essere il capitolo più recente dell'epopea zeldiana su console Nintendo, è anche un ottimo viatico per comprendere il controverso rapporto che intercorre tra Nintendo e il gioco online. Già perché al centro di Tri Force Heroes c'è una modalità multigiocatore che sfrutta meccaniche cooperative che eguagliano in alcuni casi quanto di buon la saga di Zelda ha saputo offrire negli eccellenti capitoli offline, ma al contempo offre un sistema di comunicazione tramite icone che risulta davvero poco immediato e si ostina a proporre una modalità singleplayer che fatica anche solo ad avvicinarsi al divertimento dell'online.

IL DILEMMA DEL MULTIPLAYER

Come avrete intuito dal cappello introduttivo, Tri Force Heroes è un gioco in cui convivono parecchie contraddizioni, figlie della volontà di Nintendo di aprirsi verso nuovi orizzonti mediata tuttavia dal consueto timore che contraddistingue la casa di Kyoto quando si tratta di mettere in contatto gli utenti online. Il problema di fondo è che il gioco si basa completamente sulla collaborazione, un po' come avveniva nel lontano Four Swords che prevedeva la comunicazione di un GameCube con tre GameBoy, ma senza la componente competitiva tra i partecipanti. Costruito intorno al sempre piacevole motore grafico di A Link Between Worlds, Tri-Force Heroes sfrutta la profondità degli ambienti già apprezzata nel precedete capitolo della saga per mettere in scena una serie di stanze-puzzle da risolvere, in sequenza non necessariamente lineare, attraverso la collaborazione dei tre personaggi, ora salendo l'uno sulle spalle dell'altro a comporre un totem, ora attivando meccanismi in aree lontane tra loro.

Come in A Link Between Worlds, l'altezza gioca un ruolo fondamentale negli scontri e nei puzzle. - The Legend of Zelda: Tri Force Heroes
Come in A Link Between Worlds, l'altezza gioca un ruolo fondamentale negli scontri e nei puzzle.

Quando scatta la giusta alchimia tra i tre giocatori il tutto funziona alla grande. Far scattare questa alchimia non è sempre semplice, però, a meno che non si giochi tutti insieme nella stessa stanza, indubbiamente la modalità di fruizione che meglio funziona e con ogni probabilità non a caso. Si tratta infatti del modo più “sicuro” per far collaborare tra loro i giocatori, privandoli delle incognite legate alla casualità delle collaborazioni online, incentivato per altro dalla generosa modalità download che consente di scaricare una copia temporanea del gioco ai due compagni del giocatore in possesso della cartuccia o della copia digitale di Tri-Heroes Force. Ritrovarsi uno affianco all'altro però, oltre ad essere abbastanza complicato per la fascia più attempata dell'utenza, non fa altro che sottolineare quanto la comunicazione verbale renda ancora più divertente l'unione d'intenti, fatalmente condizionata quando ci si ritrova invece limitati dall'assenza di chat vocale ad un più freddo scambio di ordini tramite icone, un sistema di interazione che svolge comunque il suo lavoro, ma in maniera un po' freddina e impersonale.
Le probabilità di passare il resto dell'inverno incollati ai due schermi del 3DS – o 2DS – nel tentativo di sbloccare tutti i 32 costumi presenti nel gioco, ciascuno connesso a un'abilità speciale, è insomma direttamente proporzionale alla quantità di amici che vorranno condividere questa nobile missione con voi e alla loro vicinanza. Privando Tri Force Heroes della comunicazione diretta con gli altri partecipanti alla sessione si perde infatti un pezzetto della bellezza del gioco, più o meno grande a seconda della voglia di collaborare dei compagni di gioco incontrati sui server online. Se non avete amici con cui passare i pomeriggi e l'idea di affidarvi alla casualità nella ricerca di avventurieri non vi scoraggia, non perdetevi d'animo perché potreste togliervi comunque delle belle soddisfazioni. Forse non scatterà lo stesso senso di fratellanza, forse la goliardia non la farà da padrona, forse vi mancheranno le pacche sulle spalle dopo un puzzle risolto brillantemente, ma di sicuro vi ritroverete a macinare ore su ore senza nemmeno rendervene conto.
Ciascuno dei 32 costumi collezionabili conferisce a Link un'abilità particolare che gli consente di attaccare con maggiore efficacia o di resistere alle minacce ambientali. - The Legend of Zelda: Tri Force Heroes
Ciascuno dei 32 costumi collezionabili conferisce a Link un'abilità particolare che gli consente di attaccare con maggiore efficacia o di resistere alle minacce ambientali.

Se invece pensate di affidarvi alla modalità singleplayer è meglio che rivolgiate le vostre speranze altrove. Non che il controllo dei tre personaggi a video non funzioni per nulla, ma il passaggio dall'uno all'altro attraverso un tocco di pennino si è rivelato parecchio macchinoso, complicando oltre la soglia del divertimento quel puzzle-solving tanto brillante se affrontato in compagnia.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
The Legend of Zelda: Tri-Force Heroes è stato chiaramente concepito per essere giocato da tre giocatori fisicamente vicini tra loro. Se approcciato in questo modo il gioco riesce a far dimenticare quasi tutti i suoi limiti, che finiscono tuttavia per emergere parzialmente nel gioco online con sconosciuti e impietosamente nella modalità singleplayer. L'acquisto insomma dovrebbe essere valutato in base alla possibilità di condividere le ore di gioco future in compagnia di avventurieri fidati. Nel caso quest'ultima non sia un'ipotesi percorribile, sappiate che affidarsi ad altri giocatori online è un terno al lotto e le probabilità di incontrare qualche buontempone intenzionato semplicemente a rovinarvi la partita non sono poi così remote. A ben pensarci, la visione del mondo online di Nintendo non è poi così sbagliata.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!