Genere
MMORPG
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
3/7/2012

The Secret World

The Secret World Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Funcom
Genere
MMORPG
Data di uscita
3/7/2012

Hardware

The Secret World è ormai in sviluppo presso gli uffici FunCom dal 2002, anche se solo negli ultimi anni i lavori hanno cominciato a viaggiare in modo più spedito. Il gioco sarà pubblicato nel corso del 2010 su PC e Xbox 360.

Multiplayer

Gameplay basato sulla libera evoluzione delle skill, grande risalto alla narrazione e tre fazioni in lotta fra le quali scegliere. Maggiori dettagli sono attesi durante la prossima Game Developer Conference di San Francisco.

Link

Eyes On

Il mondo segreto di Tørnquist

Stanno per arrivare giorni oscuri su PC e Xbox 360.

di Andrea Focacci, pubblicato il

Il successo planetario di World of Warcraft ci ha insegnato che i MMORPG possono essere una gallina dalle uova d'oro che produce introiti potenzialmente infiniti, basta saper scegliere il giusto connubio fra ambientazione, meccaniche di gioco e qualità delle infrastrutture che stanno alla base della gestione di utenti, server e continui aggiornamenti. Tuttavia non è facile come sembra azzeccare la miscela più adatta: chi vince, come Blizzard, si ritrova sommersa dai quattrini; chi perde finisce molto presto nel dimenticatoio e, a volte, tra i debiti.

FANTASY, MITOLOGIA, OCCULTO

Eve Online, ma anche lo stesso Anarchy Online per rimanere in casa FunCom, dimostrano che non di soli orchi e maghi vive il giocatore: il segreto è dotare il proprio gioco online di un carisma forte, dato da idee e ambientazioni di grande suggestione.
La carta più promettente in mano a The Secret World è data dalla presenza del suo stesso creatore, quel Ragnar Tørnquist che ha visto per lungo tempo il suo titolo di più grande spessore - The Longest Journey - rischiare di rimanere orfano di un seguito a causa delle modeste vendite a cui il genere dell'avventura grafica era ormai da tempo condannato: Dreamfall, il sospirato seguito, non entrerà forse nella storia del videogioco, ma rimane comunque un titolo dotato di ambientazioni mozzafiato, all'insegna della commistione fra generi.
Quella stessa contaminazione di idee che sta alla base di The Secret World, uno fra i primi MMO ad essere ambientato in una sorta di mondo reale parallelo, dove gli elementi fantasy, legati alla magia e all'occulto, rivestiranno un ruolo basilare all'interno della storia. È lo stesso Tørnquist ad aver dichiarato che parte di questa scelta è nata dal suo amore per i comic della Vertigo in stile "urban fantasy" ma anche a serie televisive come Buffy, Angel o gli stessi X-Files. Ma The Secret World promette di essere molto di più di un giochetto fantasy, andando anche a toccare elementi mitologici facenti parte della cultura nordica, così come del culto buddista o dell'immaginario Maya: un MMO che, a differenza degli altri esponenti del genere, in cui l'universo da esplorare è il fulcro centrale attorno al quale ruota l'intero gioco, vivrà di una componente narrativa forte e intenzionata a trattare alcuni argomenti cari alla cultura misteriosa moderna, come il revisionismo sugli Illuminati o i Cavalieri Templari.

IL MONDO SOTTERRANEO

Di certo il comune denominatore di questo ricettacolo di culture sarà ancora una volta Agartha, ossia quel regno leggendario che sarebbe situato all'interno della Terra, al di sotto della crosta del pianeta, in comune a parecchie mitologie mondiali, partendo dalla cultura nepalese e tibetana per arrivare all'Africa e al Sud America, senza scordarci dell'Europa: un luogo in cui creature antichissime - che siano divinità, alieni o demoni poco importa - dimorano nell'ombra e in continua lotta per governare il mondo in superficie.
Un tema molto caro anche agli scritti di H.P. Lovecraft, per non farci mancare nulla. Agartha, all'interno del gioco, sarà il luogo deputato alle lotte fra giocatori, in competizione per controllare le risorse adibite alla produzione di "Anima", la linfa vitale del pianeta.
Ovviamente non tutto il gioco si svolgerà al di sotto della crosta terrestre, visto che anche sulla superficie saranno presente diverse zone cariche di fascino e dall'alto contenuto esplorativo: Seoul, Londra, New York solo per citare quelle già annunciate ufficialmente… ma si vocifera anche di luoghi segreti di non facile accesso, situati da qualche parte in Egitto e New England.

BASTA COL MITO DELL'EROE

Il ragionamento di Tørnquist è comunque facile da leggere: inutile scontrarsi con un colosso come World of Warcraft, titoli come Eve Online hanno dimostrato che è possibile catturare l'attenzione crescente del pubblico se si offrono contenuti interessanti e in grande quantità. La struttura di The Secret World, basata in modo speciale sulla narrativa e su una storia in grado di arrivare ad una conclusione, salvo poi essere arricchita in seguito con DLC e susseguenti espansioni, dimostra di come sia stato detronizzato il concetto di "eroe" all'interno del MMO: il giocatore non è più il deus ex machina incontrastato, ma solo una parte dell'ingranaggio insieme a tanti altri giocatori. Non sfida più il mondo in solitudine, ma ne partecipa al cambiamento con tanti altri eroi come lui.
Il MMO di Tørnquist avrà una spiccata componente PvP e sarà basato sulla presenza di tre fazioni fondamentali, ovvero i Templari, gli Illuminati e i Draghi: tuttavia The Secret World non sarà un gioco basato sulle classi, bensì sulla costruzione delle skill e sulla libera evoluzione delle stesse, dove ogni giocatore potrà trasformarsi nel personaggio virtuale che più gli piace e più gli si addice. Nonostante questo, la scelta della fazione sarà definitiva e condizionerà il colore della stessa esperienza di gioco e dell'interazione con gli altri giocatori: i templari abbracciano il culto della guerra santa contro le forze del male, gli Illuminati pensano maggiormente a stabilire una prosperità economica e tessere relazioni politiche mentre i Dragons abbracciano la teoria del Chaos per generare armonia e benessere.

TANTI INGREDIENTI PER QUALE SAPORE?

Insomma le idee in ballo sono davvero moltissime e tutte egualmente affascinanti.
Il compito di Tørnquist non è dei più facili ma, nel caso riesca nell'impresa di assemblare un prodotto in grado di offrire tali quantità e qualità nei contenuti, The Secret World potrebbe davvero essere in grado di ritagliarsi una grossa fetta di pubblico: anche perché, diciamocelo, il mondo non può finire con World of Warcraft. C'è voglia di aria fresca...


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    Questo sarà l'ennesimo a NON uscire su X360. :)
  2. Tifa Lockheart

     
    #2
    Giusto, i MMO appartengono al mondo PC, non ci si gioca seduti sul divano con il pad in mano ;P
  3. Stefano Castelli

     
    #3
    Tifa Lockheart ha scritto:
    Giusto, i MMO appartengono al mondo PC, non ci si gioca seduti sul divano con il pad in mano ;P
     Tempo al tempo... :D
  4. Zatoichi

     
    #4
    credo fosse un commento ironico sulla scusa usata da Microsoft per giustificare la cancellazione di Alan Wake per PC :D
  5. Darkangel ITA

     
    #5
    C'e' di mezzo il creatori di the longest journey?!?! ( in assoluto il mio gioco preferito, unico che mi ha commosso nel finale ).
    Sicuramente lo terro' d'occhio, ma immagino sara' solo in inglese e quindi io saro' tagliato fuori...
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!