Genere
Gestionale
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
29/10/2010

The Sims 3

The Sims 3 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
The Sims Studio
Genere
Gestionale
PEGI
12+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
29/10/2010
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 69,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Enorme e praticamente infinito
  • Comandi via joypad (quasi) comodi
  • Ampia libertà di scelta, costruzione ed evoluzione

Lati Negativi

  • Caricamenti eterni
  • Qualche rallentamento di troppo
  • Ritmo fin troppo rilassato

Hardware

The Sims 3 è in uscita su PS3 (versione provata nell'articolo), Wii, Nintendo DS e Xbox 360. In casa Sony, è richiesta la classica installazione di avvio da ben cinque gigabyte.

Multiplayer

Non è presente alcune fase multigiocatore, ma possiamo condividere via Internet oggetti e personaggi creati (o fatti evolvere) nella nostra carriera virtuale.

Link

Recensione

Una vita tutta da ridere

Gli imprevedibili Sims cambiano casa.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Successo mondiale e dilagante da dieci anni in casa PC, The Sims non ha mai incontrato lo stesso seguito su console, per una serie di motivi legati in parte a questioni tecnologiche e in parte al forte tradizionalismo del pubblico targato Nintendo, Microsoft e Sony. Con The Sims 3, Electronic Arts scommette di nuovo sulla possibilità che questo grosso marchio possa sfondare anche lontano da tastiere e mouse: vediamo com'è andata...

desideri, abilità e obiettivi professionali

Più che un semplice videogioco, The Sims 3 è un esperimento di vita virtuale simulata in cui la nostra famigliola (più o meno) felice cresce e si evolve attraverso gli imprevisti della vita in un'ambientazione che simula le problematiche moderne. Dopo aver creato un nucleo famigliare (modellando ogni componente o lasciandolo fare al computer), ci vedremo porre degli obiettivi di massima da raggiungere nel corso della sua esistenza, legati all'affermazione personale o a compiti specifici. Imparare una professione ed emergere nello stesso campo, fare conquiste amorose, e così via.
Dall'inizio alla fine, non ci saranno costrizioni o limitazioni di alcun tipo: al giocatore viene data piena libertà di interpretare il mondo dei Sims esattamente come vuole (e qui sta la forza del successo raccolto in casa Windows). Sta a noi decidere se osservare semplicemente i nostri "esemplari umani" mentre interagiscono tra loro in casa o nei dintorni, o se farli evolvere uno alla volta a livello sociale, muovendoli in altri ambiti come il posto di lavoro, luoghi di ritrovo e simili.
Avrete già capito che la complessità media di The Sims 3 è superiore a gran parte delle produzioni per console, giochi di ruolo (anche occidentali) compresi. Sin dal primo menu, sono decine le statistiche e gli indicatori da tenere d'occhio ma, per fortuna, una serie di guide contestuali (in ottimo Italiano) rende più leggero l'impatto iniziale. Che resta comunque drammatico per chi non è abituato al mondo PC, vista la forte presenza di caricamenti nonostante un'installazione iniziale di oltre cinque gigabyte.

niente mouse, nessuna tastiera, e adesso?

Posto che i controlli originali restano il modo migliore per gestire titoli simili, il team creativo è riuscito a creare una discreta alternativa con questa versione di The Sims 3. Grazie al fatto che non ci sono limitazioni troppo pressanti (per completare sfide o obiettivi) e che quindi possiamo liberamente sbagliare, l'interfaccia via joypad si dimostra abbastanza riuscita. Con l'analogico sinistro muoviamo il puntatore per muovere i nostri personaggi o evidenziare gli elementi di interesse, mentre con i tasti dorsali si aprono le decine di sottomenu per abilità o caratteristiche dei nostri Sims. La levetta destra ruota e zooma la prospettiva, mentre la croce digitale si occupa di regolare lo scorrere del tempo. In tipico stile RTS (strategico in tempo reale) possiamo bloccare l'azione in qualsiasi momento e ragionare sulla prossima mossa, o altrimenti accelerare i passaggi più noiosi, sempre con una semplice pressione del pad digitale.
Sul fronte del gameplay, una buona parte è puramente contemplativa: impartito l'ordine o l'azione da eseguire, il divertimento emerge nel vedere le reazioni imprevedibili dei Sims combinando particolari caratteri e luoghi. Risultano molto spassosi, ad esempio, i flirt amorosi con le movenze esagerate dei personaggi e i fumetti a commentare i vari stati d'animo. Va ricordato però che esiste una minima componente simulativa, nel senso di rappresentazione della vita reale: si devono guadagnare soldi, pagare le bollette e aiutare i nostri "protetti" a realizzare i propri desideri, sopratutto in campo professionale. Se ogni giorno riusciamo nell'impresa, veniamo premiati con del Karma positivo e Punti Sfida da spendere nell'apposito negozio, per acquistare potenziamenti temporanei (alle abilità dei Sims) o simpatici stravolgimenti nella vita della piccola famiglia.

la creatività di contorno all'esistenza

Oltre alla modalità "Vita" che è poi il gioco descritto finora, sono disponibili altre occupazioni per chi non trova abbastanza cose da fare. Lasciando temporaneamente la gestione dei nostri simpatici familiari, possiamo modellare casa e terreno in cui abitano grazie agli appositi editor. Come nel gioco principale, l'interfaccia è stata riadattata al controller con risultati discreti, dando per scontato il classico ritardo (e una minore precisione) del joypad rispetto a tastiera e mouse. Dopo alcuni tentativi, comunque, si riescono a modellare e spostare gli oggetti con discreti risultati, dando allo scenario un aspetto veramente personale. Benché lo spazio di manovra (in termini di zona modificabile) sia limitato, le scelte restano numerose: costruire una piscina in giardino, elevare un prato per farlo diventare una collina, aggiungere dei mobili alla casa... L'unico limite sta nella fantasia e ovviamente nel denaro disponibile e guadagnato dagli stessi Sims con le loro professioni: ogni oggetto ha infatti un costo ben preciso che va ad impattare le nostre risorse. Per trovare possibilità di carriera è sufficiente ricordarsi quali desideri abbia ciascun personaggio e quindi fargli visitare l'apposito scenario in città: un ospedale per chi vuol far pratica da infermiere, oppure un corso di pittura per chi ha doti artistiche. Ogni mattina li vedremo partire per andare al lavoro e tornare a fine giornata, non sempre di buon umore. In mezzo, nella classica routine quotidiana, dovremo essere abili ad osservare le loro piccole necessità personali: mangiare e dormire prima di tutto, ma anche scherzare e interagire con gli altri personaggi in modi diversi.

mai prendersi sul serio, tra Sims

Come ben sanno gli utenti PC che seguono questa serie, l'humour è una delle caratteristiche chiave nel comportamento dei personaggi e nelle situazioni ricreate a schermo. Dal momento in cui si creano i nostri Sims, fino a quando iniziano a cercare lavoro, tutte le situazioni hanno un sottofondo ironico che sfocia talvolta nella pura comicità. Citiamo ad esempio la "censura a pixel" che copre un Sim quando si fa il bagno o usa il water, o le molte animazioni di contorno durante i dialoghi: gesti di approvazione o sfida, baci e abbracci esagerati, e altro ancora.
Sul lato tecnico, le animazioni risultano ben fatte e divertenti, come la varietà di scenari, personaggi ed oggetti disponibili (in quantità elevatissima). Di contro, la fluidità è appena sufficiente ed emergono costanti rallentamenti nelle scene più complesse, come l'interno di certe abitazioni con molti Sims in azione. Resta aperta, infine, la questione legata ai caricamenti, troppo numerosi nel passaggio tra uno scenario e l'altro. Si spera che vengano ridotti con eventuali patch, perché non è possibile aspettare oltre un minuto per muoversi sulla mappa della città: interruzioni simili annullano gran parte del coinvolgimento nella nostra "vita virtuale" e rovinano i buoni risultati raggiunti invece nel gameplay e nell'interfaccia di controllo. Di discreta qualità è invece il sonoro, con l'immancabile doppiaggio nella lingua personale dei Sims e musiche costituite sopratutto da jingle allegri, con una serie di effetti a evidenziare il raggiungimento di particolari obiettivi o traguardi.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
The Sims 3 arriva su console e deve scontrarsi immediatamente con le classiche limitazioni degli adattamenti da PC: caricamenti ovunque, lentezza del controller e scarsa leggibilità dei testi (su TV inferiori ai 30 pollici). Detto questo, sono apprezzabili gli sforzi compiuti dal team di sviluppo per rendere il gioco funzionante anche in un ambito completamente diverso, ed infatti il gameplay non ne esce peggiorato se non marginalmente. La libertà concessa al giocatore è sterminata e i comportamenti dei Sims sempre spassosi e sorprendenti, mentre le sfide personali da portare a termine molto numerose. Serve solo la giusta pazienza nell'uso di controlli molto diversi dal solito e nel sopportare qualche evidente limitazione in campo tecnico-realizzativo. Di sicuro, su PlayStation 3 e in generale su console HD, rappresenta un tipo di esperienza unico nel suo genere.

Commenti

  1. Great75

     
    #1
    Ma anche questo gioco esce venerdi? Vorrei farci un pensierino ma c'è fable...:(
  2. Vanessa&Marco

     
    #2
    A me ispira molto. Chi di voi c'è l'ha? Pareri?
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!