Genere
Gestionale
Lingua
Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 40,99
Data di uscita
20/11/2009

The Sims 3 Travel Adventures

The Sims 3 Travel Adventures Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Maxis
Genere
Gestionale
PEGI
12+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
20/11/2009
Lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 40,99

Lati Positivi

  • Nuove ambientazioni ricche di fascino esotico
  • Nuove abilità da apprendere
  • Elementi avventurosi e rompicapi rendono l'azione più interessante

Lati Negativi

  • Per viaggiare occorrono soldi, anche ai Sim...
  • Il prezzo dell'espansione è un po' elevato

Hardware

Nello stesso DVD sono presenti sia l'edizione PC che l'edizione MAC. Il minimo per girare su PC è un Pentium 4 a 2 GHz con 1 GB di RAM e una scheda video da 128 MB, ma è chiaro che con questa configurazione il gioco ne risente in termini di fluidità dell'interazione, rivelandosi più soporifero di quanto non sia in realtà.

Multiplayer

Il gioco è fondamentalmente un'esperienza in singolo, ma là fuori, ad attendervi, c'è un'immensa comunità di appassionati.

Link

Recensione

The Sims 3 Travel Adventures

Anche i Sims vanno in vacanza! Ma non dalla solita routine...

di Francesco Alinovi, pubblicato il

Diciamocelo onestamente, The Sims è il tipico esempio di videogioco che piace a chi non ama particolarmente i videogiochi. Il suo ritmo quasi blando, la possibilità di giocare svagati e la scarsa competitività sono caratteristiche che lo differenziano dai titoli più “ordinari”. Lasciar morire d’inedia il proprio Sim può essere un obiettivo per il giocatore tanto quanto il fargli compiere una carriera fulminante. Ovviamente ci sono anche giocatori e fan appassionati che invece prendono molto seriamente la simulazione e condividono creazioni ed esperienze di “simlife”. C’è, quindi, chi non si accontenta più delle città a disposizione e vuole esplorare nuovi spazi, conoscere nuove culture, allargare i propri orizzonti. Per tutti questi giocatori è finalmente uscita l’espansione Travel Adventures che porta i Sim in giro per il mondo.

3 is the magic number

In questo pacchetto (che richiede la copia originale di The Sims 3, ma che costa pur sempre i suoi 40 euro) sono presenti tre ambientazioni “esotiche” (per i parametri del pubblico d’oltreoceano) che richiamano tre aree geografiche (e turistiche) facili da riconoscere. C’è ShangSim-La, immersa nella Cina rurale, dedicata a chi ama la meditazione e vuole apprendere le arti marziali, con finale di fuochi d’artificio; mentre Al Simhara è un villaggio egiziano dedicato agli amanti dell’archeologia, poco interessati ai comfort, che potranno sbizzarrirsi alla ricerca di tombe e tesori in mezzo al deserto, fra le grandi piramidi e il tempio della regina Hatshepsut; infine, romantici, artistoidi e intellettuali potranno scegliere un soggiorno culturale a Champs Les Sims, incantevole paesino che riassume in pochi tratti l’essenza turistica della Francia (c'è pure una Tour Eiffel sullo sfondo).
Le nuove località permettono di cimentarsi in attività inedite e questo, di sicuro, è uno dei maggiori pregi dell’espansione. Come già accennato, in Cina si potranno apprendere le arti marziali tramite un disciplinato allenamento che va dallo spezzare assicelle al combattimento con altri allievi, meditando o partecipando ad appositi tornei.
Come corollario, lo sviluppo della meditazione consentirà un migliore rendimento una volta rientrati a casa e, quando si raggiungeranno i limiti di questa abilità, sarà possibile addirittura teletrasportarsi. Esclusiva della Francia è invece l’abilità che riguarda la produzione di nettare, ideale per i Sim inclini al giardinaggio e alla cucina, che potranno usare il preparatore di nettare per ottenere sempre nuove combinazioni a base di frutta da accompagnare al cibo o per avviare una piccola cantina. La fotografia, invece, può essere praticata in tutte e tre le località, previo acquisto di una macchina fotografica all’emporio locale. Quello egiziano, però, è fornito di ben tre modelli, dall’automatica compatta alla reflex e sempre in Egitto si possono acquistare manuali di tecniche avanzate. Il vantaggio di possedere una macchina fotografica significa che in qualsiasi momento si potrà immortalare qualunque soggetto compaia in scena, come le mummie che vagano tra le tombe. Il costo di stampa è già compreso nello scatto ma, per fortuna, le foto possono essere rivendute trasformando l’hobby in una professione.

Sim Tomb Raider?

Che gusto ci sarebbe ad affrontare un viaggio senza una buona dose di avventura?
Detto fatto. In ogni località si potranno incontrare personaggi che ci affideranno una missione, aiutandoli nella vita di tutti i giorni, ma anche spingendoci in avventure più impegnative che richiederanno diversi viaggi. In ogni caso, non si potrà avere più di un’avventura attiva per località; avventura che potremo sempre tenere monitorata in un apposito diario. Durante l’esplorazione degli scenari esotici sarà inoltre possibile raccogliere numerose reliquie da collezionare ed esporre per aumentare i propri parametri umorali.
Dal punto di vista interattivo, l’esplorazione è resa più dinamica dalla presenza di tombe, solitamente nascoste vicino ai grandi monumenti ma con accessi anche in luoghi abbandonati o negli scantinati degli abitanti del posto con i quali si sarà familiarizzato.
La raccolta di reliquie non è l’unico motivo per cui il “tomb raiding” si fa così interessante, ma gran parte dell’entusiasmo viene dalla presenza di trappole che avvicinano l’esperienza dei Sim ai giochi più “ordinari” di cui sopra. Ci sono trappole che scattano all’improvviso e statue da spostare come in una versione 3D di Sokoban, chiavi da raccogliere e mummie da cui scappare a gambe levate, pena la micidiale maledizione. In più, una volta tornati a casa, potremo creare la nostra tomba piena di insidie proprio sotto il pavimento della cucina!
Tutto questo, ovviamente, ha un prezzo. Ogni viaggio, infatti ha un costo, che aumenta a seconda dei giorni di vacanza e del numero di partecipanti. Inoltre, per viaggiare è richiesto un visto, la cui durata aumenta con la frequenza e con il completamento di avventure all’estero, fino a ottenere la possibilità di comprare una casa nella propria località preferita. Chi è solito gestire famiglie numerose e sempre in fermento tenga presente che Sim in stato interessante e neonati non possono viaggiare e i bambini devono essere accompagnati da un adulto. Limitazioni coerenti con il contesto e con le dinamiche di gioco che però fanno capire come, in realtà, al di là di tutte le novità apportate, questo The Sims Travel Adventures sia un prodotto destinato a chi già ama la serie; difficilmente la componente ludica “ordinaria” riuscirà a portare nuovi sostenitori alla causa.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Sono tante le novità dell'espansione The Sims 3 Travel Adventures, e consentono al terzo capitolo della serie The Sims di aprirsi verso nuovi orizzonti di gioco. Tuttavia, dato il prezzo, e la necessità di essere comunque in possesso del gioco originale e del necessario entusiasmo nei confronti di questo tipo di interazione, se ne raccomanda l’acquisto solo a chi non riesce ad abbandonare i propri Sim a un destino fatto di inedia e indifferenza…

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!