Genere
Action RPG
Lingua
Testi in italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 48,90
Data di uscita
19/5/2011

The Witcher 2: Assassins of Kings

The Witcher 2: Assassins of Kings Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Atari
Sviluppatore
CD Projekt Red
Genere
Action RPG
PEGI
18+
Distributore Italiano
Bandai Namco Games
Data di uscita
19/5/2011
Lingua
Testi in italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 48,90

Hardware

La prova di questa versione dimostrativa è stata effettuata su un PC equipaggiato con processore Intel Core i7 965, 6 GB di RAM, Hard Disk SSD da 128 GB e una GeForce GTX 480 (driver beta versione 270.51). Purtroppo abbiamo potuto scegliere solo tra quattro impostazioni grafiche predefinite (Bassa, Media, Alta, Ultra) e alla risoluzione di 1920x1200 siamo passati dai circa 50 fps della prima ai 30-35 fps dell’ultima. Trattandosi comunque di un codice preview ancora piuttosto acerbo sul versante grafico, non escludiamo un miglioramento delle prestazioni nella versione finale del gioco.

Multiplayer

Non sono presenti modalità di gioco in multiplayer.

Modus Operandi

Abbiamo provato questo codice preview per circa nove ore a difficoltà normale. La copia in nostro possesso comprende solo il prologo e il primo capitolo del gioco ed è sottotitolata solo in inglese, ma la versione finale disponibile nei negozi dal 19 maggio conterrà i sottotitoli in italiano (il parlato rimarrà invece in inglese).

Link

Hands On

Tutte le armi del Witcher

Combattimenti, quest, Quick Time Event e scelte morali.

di Francesco Destri, pubblicato il

Il mondo di The Witcher 2: Assassins of Kings ha dimostrato una grande varietà di ambienti e situazioni già nel primo capitolo offerto da questa versione preview. Escludendo infatti i quattro prologhi, fin troppo guidati e di breve durata (d’altronde fungono da tutorial), l’inizio vero e proprio del gioco ci mette fin da subito di fronte a tantissime scelte, riconfermando quindi l’approccio libero e non lineare del predecessore.

geralt è buono o cattivo?

A colpire positivamente sono soprattutto le quest, che finalmente non si limitano unicamente alla raccolta di oggetti o all’uccisione di un certo numero di creature, ma propongono spunti sempre originali e continue scelte morali che rappresentano forse l’elemento più stimolante del gioco. Uccidere o salvare, tradire o proteggere, pensare al bene di un nostro compagno o al nostro profitto: questi bivi narrativi non solo aumentano l’immedesimazione nel protagonista e il piacere di sentirsi parte attiva della vicenda, ma influenzano anche il proseguo dell’avventura e se nelle ore fin qui giocate abbiamo dovuto prendere almeno sei o sette decisioni importanti, non deve sorprendere la presenza di ben sedici possibili finali come annunciato dal team polacco (forse un record assoluto per un titolo di questo tipo).

Stupisce anche la quantità di oggetti, armi ed erbe che è possibile trovare e raccogliere. Abbiamo riempito l’inventario (limitato da un peso massimo) in pochissimo tempo, rovistando nelle abitazioni e cercando tra i cadaveri; tra ricette e ingredienti per pozioni, materie prime per la modifica di armi e armature (gli amanti del crafting avranno di che gioire), oggetti di qualsiasi tipo e potenziamenti per le abilità si è sempre spinti a cercare e ad esplorare in ogni anfratto, con in più l’aiuto di un incantesimo sempre disponibile che “illumina” la zona circostante segnalando tutti gli elementi con cui interagire (micidiali trappole comprese). Le location non ci hanno quasi mai dato l’impressione di ripetersi all’infinito come gli ormai tristemente famosi dungeon di Dragon Age II e questo aspetto, se confermato anche nel resto dell'avventura, sarà un ulteriore arma a vantaggio del gioco.

quick time event in versione fantasy

Tornano poi le mini-attività già presenti in The Witcher. Anche qui infatti possiamo guadagnare facendo a botte con un semplice sistema di Quick Time Event basato sui quattro tasti direzionali, giocando a dadi o facendo braccio di ferro tramite accorti movimenti del mouse. Nulla di speciale e a ben vedere certe sezioni scriptate di QTE (come la fuga da un drago) lasciano il tempo che trovano, ma si tratta comunque di diversivi piacevoli che assieme agli amplessi con le prostitute (attenti al portafoglio, però) contribuiscono ad accrescere la libertà di azione e a sentirsi parte di un mondo fantasy ricco di possibilità.

Nel mondo di gioco ci sono diverse razze e tutte le tensioni che ci si può aspettare verosimilmente dalla loro convivenza - The Witcher 2: Assassins of Kings
Nel mondo di gioco ci sono diverse razze e tutte le tensioni che ci si può aspettare verosimilmente dalla loro convivenza

Passando invece al combat system, CD Projekt RED è ricorsa al Quick Time Event sono negli scontri a mani nude e in una battaglia contro un gigantesco boss tentacolare, ma per il resto siamo di fronte a un classico approccio hack’n’slash, con l’alternanza di due colpi (uno normale e uno più potente ma più lento), un ritmo molto elevato e scontri che coinvolgono quasi sempre tre o più nemici contemporaneamente. Il risultato, contando anche le varie tattiche possibili grazie a certi incantesimi, è più che positivo sebbene il tutto acquisti un sapore più “consolaro” rispetto al primo episodio. Di fatto non ci vogliono grandi capacità in fase di combattimento se non alternare le armi con gli incantesimi e trovare una giusta posizione, possibilmente contro un muro per evitare di essere circondati dai nemici ed essere colpiti alle spalle. Il tutto assume connotati molto immediati e divertenti anche grazie a qualche combo e alle ormai classiche esecuzioni in slow motion, ma già immaginiamo lo scontento di certi puristi che non apprezzeranno del tutto questa nuova impostazione.


Commenti

  1. efus

     
    #1
    solo una parola: BAVA
  2. Bruce Campbell87

     
    #2
    beh, spero che sistemeranno, probabile che il codice preview non si proprio aggiornato, e c'è ancora un mese. Per il resto felicissimo, è il gioco che attendo di più quest'anno..
  3. teoKrazia

     
    #3
    Daje Geralt!

    Speriamo buono per bug e performance. :)
  4. Max-Payne

     
    #4
    Hype! :Q__
    Ma nel combattimento non ci sono più gli stili con corrispettive posizioni del pg?
  5. teoKrazia

     
    #5
    Max-PayneMa nel combattimento non ci sono più le stance?

    Buongiorno, Max. :D
    Sono mesi [e mesi] che si sa che i tre stili sono confluiti nel nuovo sistema di combattimento in real time. :P
  6. Max-Payne

     
    #6
    teoKraziaBuongiorno, Max. :D
    Sono mesi [e mesi] che si sa che i tre stili sono confluiti nel nuovo sistema di combattimento in real time. :P
    WTF. Scaffale.

    Però che palle :(
  7. teoKrazia

     
    #7
    Per me se gli riesce l'action-GdR fatto a modo altare proprio, invece. :nworthy: :nworthy: :nworthy:
  8. Bruce Campbell87

     
    #8
    va beh chissenefotte max :D
  9. Max-Payne

     
    #9
    Ahaha, in realtà era un tentativo di mini troll, ma non son capace. Il Witcha 2 è troppa robbba.
    Hype hype!

    Peccato esca a metà Maggio, devo prepararmi per gli esami in quel periodo. Me tapino.
  10. teoKrazia

     
    #10
    Max-Payne

    Peccato esca a metà Maggio, devo prepararmi per gli esami in quel periodo. Me tapino.

    Io devo solo smaltire 800 degli 80.000 arretrati che ho, per sentirmi abbastanza "con la mente fresca" per poter sedermi e cominciarlo felice. Eppoi vorrei anche 5 settimane di non fare nulla, con la flebo, il catetere e la padella.

    Comunque, seriamente, se gli esce la svolta action fatta bene, c'abbiamo il Crysis dei GdR.
    Cioè, scusate, quello che Crysis non è riuscito ad essere pienamente per gli FPS. :*)
Continua sul forum (1254)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!