Time Machine

Time Machine

Time Machine è la rubrica con cui Videogame.it torna indietro nel tempo, impostando le coordinate del viaggio a ritroso ora su importanti saghe che hanno fatto la storia dei videogiochi, ora su singoli titoli che meritano attenzione, rispetto e degna memoria. Tutto questo attraverso retrospettive dettagliate, approfondimenti mirati e, inevitabilmente, considerazioni emozionali sul tema. Attenzione: la nostra macchina del tempo fa quasi 20 anni con un pieno di benzina!
Rubrica

Vecchia volpe spaziale

L'importanza di Star Fox 64, in attesa del suo remake stereoscopico.

di Lorenzo Antonelli, pubblicato il

Non si tratta certo d'un capolavoro al pari di The Legend of Zelda: Ocarina of Time e oggi non vale neppure l'incomodo di andare a recuperare il vecchio Nintendone, per collegarlo al televisore credendo si tratti di una sessione di buon retrogaming: spalmato su un cinquanta pollici full-accaddì, Star Fox 64 farebbe quasi ribrezzo. Converrà allora attendere il suo remake stereoscopico, per goderne appieno come fosse la prima volta, attraverso il doppio schermo del Nintendo 3DS. Nel frattempo, segue una retrospettiva ragionata, utile per comprendere l'importanza di Star Fox 64 e svelare tutto il suo portato innovativo o persino le sue falle, raccontandocelo piano, proprio come piace a noi vecchie volpi spaziali. Perché non si trattò d'un capolavoro al pari d'altri capolavori di Nintendo, eppure Star Fox 64 ebbe un importanza significativa e rilevante, ancora oggi degna di un'appassionata memoria videoludica.

ANDROSS IL TERRIBILE

Era il 1997, l'"annus horribilis" delle hit parade radiofoniche, che per ogni "Breathe" dei Prodigy erano costrette a passarne cinque di Midge Ure, e sul retro della confezione di cartoncino di Star Fox 64 (in Europa e Oceania si chiamava Lylat Wars per sventura di copyright: il titolo apparteneva in precedenza a un mediocre videogioco) vi era espressamente scritto: "Siamo nello Spazio, alle soglie dell'ultima frontiera. Da qualche parte, in un posto chiamato Lylat, vive una civiltà altamente sviluppata ed evoluta. Il potente imperatore Andross ha mandato il suo esercito alla conquista del Pianeta Corneria, per assumere il controllo dei quartieri generali della Federazione Lylat. I suoi Cyber-Droidi seminano terrore e distruzione, e nessuno viene risparmiato dai loro atti vandalici. Unisciti all'eroico team di Star Fox, per respingere Andross e la sua invasione. Diventa anche tu una leggenda vivente!" Allora non se ne fece un gran parlare, ma il traslato sotteso avrebbe meritato un'attenta analisi e le gioie di tutti gli ambientalisti: animali antropomorfi che cercavano di salvare il mondo minacciato da tale "Andross" (uno scimmione), che assomigliava parecchio al genitivo di "Uomo" (la prima cosa che ti insegnano a greco, c'era giusto una esse di troppo).

L'indimenticabile schermata iniziale, con tanto di Falco Lombardi di profilo - Star Fox 64
L'indimenticabile schermata iniziale, con tanto di Falco Lombardi di profilo

UNO SPAZIO DIVERSO

Sviluppato da Nintendo EAD e Argonaut Software, Star Fox per SNES era perfettamente in grado di sfoggiare le avanzate doti tecnologiche del chip Super FX (di fatto, si trattò del primo videogioco di Nintendo ad utilizzare una grafica poligonale tridimensionale). L'impatto visivo che quattro anni più tardi restituì Star Fox 64, invece, non poté dirsi allo stesso modo sorprendente, giacché lo stile grafico adottato, fatto di colori cupi e smorti (la missione speciale a bordo del sottomarino andava praticamente giocata alla cieca!), non sembrava essere il massimo della vita in fatto di sparatutto spaziali. Eppure i meriti di Star Fox 64 risiedevano altrove, andavano sicuramente rintracciati nel suo raffinato gameplay e nel level design (a cui era strettamente legato il livello di difficoltà del gioco), nell'ancora oggi invidiabile sistema di controllo e in tutte le piccole e preziosissime innovazioni introdotte. Ma, soprattutto, nel suo essere remake così ribelle, da rinnegare il vecchio concetto di shooter ad avanzamento semiautomatico. Avventurandosi oltre i confini del genere, permise a quest'ultimo di evolversi.


Commenti

  1. bocte

     
    #1
    Glorioso e basta. Lo giocai allo sfinimento.
    Non vedo l'ora di potermelo portare appresso ovunque.
    Sarò blasfemo ma per me è più KA 3ds dello stesso OoT.
  2. lucacat

     
    #2
    Il videogame a cui vi riferite per il copyright era per caso un titolo per Commodore 64 e 128? Perché io ricordo di avere ancora una cassetta intitolata star foxedit:
    si, era lui..eccovi le immagini

    edit2:
    ma giusto per approfondimento, allora perché all'epoca su SNES fu chiamato Starfox senza cambiare titolo?
  3. lucacat

     
    #3
    bocteGlorioso e basta. Lo giocai allo sfinimento.
    Non vedo l'ora di potermelo portare appresso ovunque.
    Sarò blasfemo ma per me è più KA 3ds dello stesso OoT.

    All'epoca, considerando che non avevo pc e precedentemente giocai star fox su SNES, rimasi a bocca aperta per l'impatto grafico su N64. Fu il mio primo gioco per N64 (mario non riuscivo a trovarlo e non esistevano nella mia zona i centri commerciali di oggi, quindi mi toccava salire sulla vespa, andare in città e controllare tra i vari negozi di giocattoli gig).
    Sicuramente un bel ricordo...sia per il gioco che per il periodo più bello della mia vita. Per carità, non che nella mia vita io ho mai avuto un anno sereno e tranquillo (oltre a mille difficoltà e lutti in famiglia, con mio padre io non ho mai vissuto fino ad oggi un giorno sereno, e per ricompensa estiva dei voti più alti dell'istituto mi toccava andare a lavorare dalle 6 di mattina alla sera alle 8).
    Comunque, bei ricordi ugualmente.
  4. bonfa

     
    #4
    <cite>"lucacat</cite>
    ma giusto per approfondimento, allora perché all'epoca su SNES fu chiamato Starfox senza cambiare titolo?"



    se non sbaglio il problema di copyright ci fu solo in Europa, infatti il primo StarFox qui da noi si chiamava Starwing, così come StarFox 64 fu mantenuto in USA ma non in Europa
  5. lucacat

     
    #5
    bonfa<cite>"lucacat</cite>
    ma giusto per approfondimento, allora perché all'epoca su SNES fu chiamato Starfox senza cambiare titolo?"



    se non sbaglio il problema di copyright ci fu solo in Europa, infatti il primo StarFox qui da noi si chiamava Starwing, così come StarFox 64 fu mantenuto in USA ma non in Europa

    Vero, su SNES aveva quel nome, l'avevo dimenticato. Ma allora il problema di copyright era legato a quel videogame per Commodore64 (e spectrum leggo) che ho citato sopra? Perché su internet ho cercato ma fa riferimento anche ad altre cose (tipo un gruppo, bhò).
  6. misocurdo

     
    #6
    Esatto.

    http://www.gamefaqs.com/c64/916907-starfox/images/box-25251

    Comunque 15 anni dopo nel 2002 il copyright e' scaduto, quindi e' per questo che adesso possono usare il titolo Starfox anche in Europa, da quello che sapevo...
  7. lucacat

     
    #7
    misocurdoEsatto.

    http://www.gamefaqs.com/c64/916907-starfox/images/box-25251

    Comunque 15 anni dopo nel 2002 il copyright e' scaduto, quindi e' per questo che adesso possono usare il titolo Starfox anche in Europa, da quello che sapevo...

    URCAAAA io ho quella cassetta per C64...devo tenerla come pezzo da museo perché ha cambiato la storia dei videogiochi, seppur indirettamente :DD
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!