Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
18+
Prezzo
59.90 Euro
Data di uscita
2/11/2007

TimeShift

TimeShift Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sierra Entertainment
Sviluppatore
Saber Interactive
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Vivendi Games
Data di uscita
2/11/2007
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
16
Prezzo
59.90 Euro

Hardware

TimeShift è in sviluppo per Xbox 360, PlayStation 3 e PC: per mettere in campo le sue meraviglie il gioco utilizza un avanzato motore grafico proprietario, il Sabre Engine, affiancato dalla più recente versione del motore fisico Havoc.

Multiplayer

Sono previste sei diverse modalità multigiocatore, basate sul controllo del tempo e fruibili al massimo da sedici utenti: oltre ai classici Deathmatch e Team Deathmatch ci saranno modalità come Stop the Machine, King of Time e 1-on-1.

Link

Anteprima

L'E3 2007 di TimeShift

Il tempo scorre... e noi abbiamo tutto il necessario per controllarlo!

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Con un doppio clic ecco lo "stop", che ci permette fra l'altro la già celebre pratica del furto dell'arma dalle mani del nemico. Si tratta di due caratteristiche decisamente creative, oltre che davvero esaltanti nell'utilizzo e tanto più siamo attenti a studiare l'ambiente circostante, la posizione dei nemici, il loro agire nei nostri confronti, tanto più è possibile mettere in scena azioni veramente spettacolari e "potenti" al punto che a tratti i nemici appaiono come marionette totalmente in balia della nostra volontà.
Non si tratta però di un "god mode"... non siamo invincibili, anzi: basta calcolare male il tempismo delle nostre azioni, o riporre troppa confidenza nei poteri temporali, per essere subito puniti con sventagliate di piombo in faccia dai nostri avversari, gente che non fa sconti. Discorso diverso per il riavvolgimento temporale: questo potere si attiva in relazione a un contesto, a un avvenimento che il giocatore può ristabilire "riavvolgendolo". Un clic su LB in queste situazioni e la linea temporale viene riportata indietro di alcuni secondi: nel mentre è possibile solo spostarsi, ma non interagire con l'ambiente o i nemici, pena la rottura e interruzione immedata del riavvolgimento.

INFILIAMO AL TUTA...

Veniamo alle nostre sensazioni in-game: anzitutto le versioni, Xbox 360 e PlayStation 3 ci sono apparse sostanzialmente identiche. Il feeling di gioco è immediato e pur potendo mettere in scena azioni spettacolari e complesse, tutto è sotto controllo senza particolari complicazioni.
TimeShift non è minimamente uno sparatutto tattico, ma certamente invita a una certa riflessione (stiamo parlando di istanti, non di lunghe meditazioni) sull'approccio alle singole situazioni di gioco al fine di scegliere come affrontarle e al fine di esaltare quel guizzo di creatività che il controllo temporale e l'interattività ambientale ci mettono a disposizione. L'uso dei poteri ha ovviamente un limite di tempo che viene indicato a schermo con una barra posta in alto a sinsitra che si consuma durante l'utilizzo: va segnalato che con un clic sul tasto LB mentre sono attivi i poteri serve a fermarli (funziona a tutti gli effetti come un interruttore) e dunque è possibile anche un immediato e consequenziale utilizzo di due di essi per brevissimo tempo, senza dover attendere che la suddetta barra si ricarichi (e lo fa automaticamente).
Nel complesso abbiamo tratto belle sensazioni da questa prima breve prova diretta di TimeShift: ottimo il feeling immediato, notevole la fisicità del contesto e degli impatti, inebriante il controllo del tempo!

VARIE ED EVENTUALI

Prima di concludere una serie di informazioni sparse. Riguardo ai colpi sparati dalle nostre armi (nove modelli disponibili con doppia modalità di fuoco) segnaliamo che possiamo ferire i nostri nemici, colpendoli alle gambe o alle braccia e riscontrando immediatamente una reazione realistica al danno subito (zoppicano, perdono l'arma dalle mani, eccetera). Un cenno estetico sui colpi, riguarda gli impatti ravvicinati, che schizzano di sangue la telecamera: va ricordato l'acqua (i liquidi in geneale) sia in forma di pioggia, sia quando scorre incanalata, sia quando genera pozzanghere o similia, è uno degli elementi meglio riprodotti dal Sabre Engine, con un realismo e una dinamicità nel porli a schermo raramente riscontrata altrove.
Per quanto riguarda il numero dei livelli della storyline principale, ne sono previsti una trentina e all'interno di essi troveremo anche dei veicoli: non potremo mai utilizzare i mech, invece, perché arma troppo potente, "ignorante", da tipico utilizzo a occhi chiusi, totalmente in contrasto con la creatività d'azione proposta dal gioco.
Appuntamento dunque a ottobre, quando dovrebbero rendersi disponibili le versioni Xbox 360 e PC del gioco, seguite più avanti da quella per PlayStation 3.