Genere
Sparatutto
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
13/3/2014

Titanfall

Titanfall Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Respawn Entertainment
Genere
Sparatutto
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
13/3/2014
Giocatori
1-12

Lati Positivi

  • Gameplay originale
  • Divertente, frenetico e molto coinvolgente
  • Sistema di progressione ben congegnato
  • Semplice e immediato dopo poche partite nonostante le tante possibilità tattiche

Lati Negativi

  • Tecnicamente non è certo eccezionale
  • Campagna multiplayer non all'altezza del resto
  • Mancano delle opzioni base per il multiplayer online

Hardware

Titanfall è in vendita in Europa in versione PC e Xbox One dal 13 marzo. La versione testata per la console Microsoft richiede 17 GB di spazio per l'installazione.


La patch day-one, che è obbligatoria per giocare, pesa circa 800 MB.

Multiplayer

Il gioco creato da Respawn offre una campagna multiplayer, che è formata da 18 missioni, e altre cinque modalità online per dodici giocatori su Xbox Live.

Modus Operandi

Abbiamo preso parte al conflitto fra Militia e IMC grazie al promo Xbox One di Titanfall fornitoci da Electronic Arts, completando la campagna multiplayer e lottando con i nostri Pilota e Titan custom in tutte le modalità disponibili.
Video Articolo

Un rodeo con il colosso

Quando il gioco si fa duro, un Titan piove dal cielo pronto a distruggere qualsiasi cosa.

di Giovanni Marrelli, pubblicato il

Per essere un gioco esclusivamente votato al multiplayer, c'è da dire che Titanfall non presenta un parco opzioni poi tanto diverso dal resto degli sparatutto in soggettiva, con rielaborazioni di modalità già ampiamente abusate dalla moltitudine di FPS presenti in circolazione. Sebbene ci aspettassimo di più sotto questo aspetto, vale la pena sottolineare come persino una modalità classica come la team deathmatch assume tutt'altra forma e sapore in un universo come quello creato da Respawn, proprio grazie a quel gameplay tanto particolare capace di trasformare ogni partita in una storia a sé.

È così che team deathmatch diventa "Logoramento", modalità in cui le fazioni Militia e IMC sono chiamate a raggiungere la soglia dei 250 punti in furiosi scontri 6 vs 6, dove gruppi di bot controllati da una IA non certo esaltante fungono da condimento per rendere le arene più popolate (permettendo agli utenti meno abili di guadagnare punti e familiarizzare con il gameplay), Piloti si cimentano in uccisioni spettacolari riducendo di volta in volta il tempo di costruzione del proprio Titan, e gruppi di bestioni metallici si sfidano in una lotta all'ultimo colpo tentando nel frattempo di non farsi agganciare da un Pilota nemico in un implacabile rodeo.

Il jumpkit è una componente fondamentale per ogni Pilota e rappresenta la principale particolarità del gameplay di Titanfall. Con questa abilità, si potrà attaccare da ogni direzione e sfruttare così ogni singolo appiglio per un colpo a sorpresa. - Titanfall
Il jumpkit è una componente fondamentale per ogni Pilota e rappresenta la principale particolarità del gameplay di Titanfall. Con questa abilità, si potrà attaccare da ogni direzione e sfruttare così ogni singolo appiglio per un colpo a sorpresa.

LAST TITAN STANDING

Lo stesso discorso può essere applicato a un altro must del calibro di "Cattura Bandiera", che in Titanfall si traduce in un'esperienza più che mai frenetica in cui i Piloti dovranno sfruttare quanto più la propria agilità e capacità di muoversi negli spazi stretti per sparire dal raggio d'azione dei Titan ed evitare di perdere la tanto agognata bandiera. In "Punti di Controllo Dominazione" si dovranno proteggere o conquistare tre punti della mappa facendo attenzione a non essere sorpresi dagli avversari, sfruttando le abilità di occultamento per sorprendere gli avversari ignari e prendere possesso di una zona, oppure facendo ricorso alle potenzialità distruttive del robot per schiacciare letteralmente i nemici e liberare l'area contesa.

Le ultime modalità, "Sopravvivenza Titan" e "Cacciatore di Piloti", sono due varianti di Logoramento: nella prima, tutti i giocatori cominciano il match all'interno del proprio Titan in una sfida di tipo deathmatch senza respawn, in cui vince la squadra che manda prima al tappeto tutti i Titan avversari. Nella seconda, invece, sarà necessario uccidere i Piloti avversari e raggiungere un determinato punteggio: in questa modalità, non saranno conteggiate le uccisioni dei Titan e personaggi controllati dall'IA, seppur disponibili per rendere più corposo lo scenario di guerra.

Non lasciatevi ingannare dalle dimensioni: sebbene il Titan sia nettamente favorito, basta una piccola disattenzione per permettere al Pilota di saltargli addosso e di ridurlo in brandelli. - Titanfall
Non lasciatevi ingannare dalle dimensioni: sebbene il Titan sia nettamente favorito, basta una piccola disattenzione per permettere al Pilota di saltargli addosso e di ridurlo in brandelli.

PILOTI DI NUOVA GENERAZIONE

Come ogni titolo multiplayer che si rispetti, anche Titanfall punta su un sistema di progressione che, sfida dopo sfida, garantisce nuove abilità, armi e power-up da utilizzare in battaglia. In totale, sono ben 500 i livelli di esperienza raggiungibili nel titolo Respawn, divisi in 10 stadi da 50 livelli ciascuno chiamati Generazioni. Nei primi cinquanta livelli è possibile acquisire tutti i gadget principali, le armi e abilità utili per sperimentare, trovare il giusto equilibrio e dar vita al personaggio più adatto al proprio stile di gioco, grazie alla possibilità di creare numerosi Piloti e Titan customizzati, ognuno con forma, specializzazioni, abilità e armi differenti. Raggiungendo il livello 50, si potrà rigenerare il proprio corpo logorato dalle tante battaglie per diventare un soldato di nuova generazione: così facendo, il giocatore verrà riportato a livello 1 (con un badge chiamato a indicare la generazione corrente) e le sfide già completate verranno resettate, ma in cambio si guadagnerà un maggior quantitativo di punti XP in ogni sfida multiplayer.

Il tutto risulta impreziosito dall'uso delle Carte Burn, degli speciali potenziamenti dalla durata limitata che si acquisiranno completando delle particolari sfide e possono essere scelte prima dell'inizio di ogni match. I benefici offerti da queste carte sono molteplici e svariati: dall'uso di granate infinite ad armi potenziate, da una maggiore velocità nello scatto alla possibilità di camuffarsi per confondere gli avversari, o ancora di rivelare la posizione dei nemici sulla minimappa e scegliere il prossimo punto di respawn. È importante precisare che questi vantaggi avranno durata di un solo turno e pertanto ogni effetto terminerà in caso di morte e sarà persa in modo permanente. Con più di 50 carte differenti e la possibilità di portare con sé fino a tre carte per battaglia, appare evidente come questa opzione offra uno spessore tattico non indifferente che può risultare, il più delle volte, fondamentale ai fini del match.

Una volta distrutto il proprio Titan si verrà espulsi in aria e si potrà utilizzare l'arma anti-Titan per colpire il proprio nemico al volo. - Titanfall
Una volta distrutto il proprio Titan si verrà espulsi in aria e si potrà utilizzare l'arma anti-Titan per colpire il proprio nemico al volo.

Sebbene in alcuni casi la differenza fra un giocatore alle prime armi e utenti più esperti possa essere decisamente disarmante, Titanfall non si distingue dagli shooter assolutamente inaccessibili se non giocati con estrema frequenza. Ovviamente, l'uso di armi e abilità avanzate insieme a Carte Burn specifiche può garantire il successo nelle sfide multiplayer, ma con un po' di pratica e acume tattico non sarà certo difficile introdursi nell'ottica dello sparatutto di Respawn e cominciare a coltivare i raccogliere i primi frutti con azioni spettacolari e uccisioni in acrobazia. In questo, il level design merita davvero i più sentiti complimenti non tanto per la bellezza, il numero o la varietà delle ambientazioni, ma proprio per la genialità con cui appigli in apparenza inutili siano in realtà studiati per garantire all'utente una libertà d'azione senza precedenti.

MA CHE CI IMPORTA DELL'ALTA DEFINIZIONE!

Sul profilo tecnico, Titanfall non brilla certo per l'incredibile qualità e non passerà certo alla storia per il suo comparto grafico all'avanguardia, per le animazioni mozzafiato o per dare sfoggio delle reali potenzialità di PC e Xbox One. Sopratutto sulla console Microsoft, lo shooter di Respawn conferma la risoluzione di 792p vista nella fase beta delegando al solito upscaler interno il compito di allargare artificialmente l'immagine per ottenere la risoluzione Full HD. Allo stesso tempo i modelli poligonali, le texture e le animazioni di ogni Titan e personaggio, gli effetti particellari e i filtri non lasciano gridare al miracolo e anzi sono lontani anni luce da ciò che i diretti rivali (Battlefield 4 in primis) hanno dimostrato di saper fare con i rispettivi engine.

Il level design di ogni mappa è davvero eccezionale: bisogna studiare bene gli scenari per conoscerne i punti di forza e gli appigli strategici, ma in termini di tattica e spettacolarità ne varrà decisamente la pena. - Titanfall
Il level design di ogni mappa è davvero eccezionale: bisogna studiare bene gli scenari per conoscerne i punti di forza e gli appigli strategici, ma in termini di tattica e spettacolarità ne varrà decisamente la pena.

Eppure, tutto ciò risulta quantomai ininfluente ai fini della resa finale di Titanfall se poi ci si trova in mappe di gioco immense e ricche di spunti tattici e si può contare su una versione modificata del Source Engine di Valve che svolge il suo lavoro in modo ottimale, offrendo un'esperienza di gioco sempre veloce, fluida e scorrevole (salvo casi rarissimi che abbiamo riscontrato in oltre cento match online). Di certo non avremmo disprezzato un comparto tecnico più avanzato e degno di quello che la next-gen Microsoft ci ha già saputo mostrare con titoli del calibro di Ryse: Son of Rome e Forza Motorsport 5, ciò non toglie che non si vive di sola grafica e preferiamo decisamente un gioco divertente a uno mero showcase di potenza tecnica come nel caso del gioco d'azione di Crytek per Xbox One.

Infine, sebbene sia già stata confermata la prossima disponibilità di una patch per correggere e migliorare il comparto multiplayer, non possiamo non segnalare dei peccati di gioventù che minano in parte la fruizione delle sfide online: allo stato attuale è infatti impossibile gestire una partita privata con i propri amici, se non invitando gli utenti disponibili a unirsi nella propria fazione (ma non in quella avversaria, che sarà sempre gestita in modo casuale dal sistema di matchmaking), così come selezionare manualmente la mappa per il match successivo, ripartire i componenti della lobby nelle squadre così da bilanciare gli scontri e tante altre piccolezze che, nel complesso, stonano rispetto alla bontà generale del prodotto.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Titanfall rappresenta tutto quello che i possessori di Xbox One attendevano con ansia: un titolo di indubbio spessore in grado di rapire chiunque con un concept originale, divertente e decisamente coinvolgente che, nonostante il gameplay profondo e ricco di tatticismi, sfumature e variabili, risulta immediato e semplice da utilizzare sin dalle primissime battute. Peccato per l'assenza di una campagna single-player vera e propria e un comparto tecnico non eccezionale, che avrebbero sicuramente reso il primo progetto di Respawn Entertainment una vera e propria pietra miliare dell'industria videoludica.

Commenti

  1. Dave_Cozmo

     
    #1
    Il titolo che avrebbe dovuto rivoluzionare il mondo dei videogiochi? Uno sparatutto originale e divertente senza dubbio, ma che si esaurisce sostanzialmente nei matchmaking classici. Ridicola l'impossibilità di giocare offline, la campagna è semplicemente un ripresentare l'online vs con un filmato introduttivo. E nonostante tutto anche qualche problemino tecnico. Sopravvalutato, e anche un bel po'.
  2. Duffman

     
    #2
    Forse dovreste provare a scindere il marketing di MS dal valore del gioco. Il fatto che il publisher lo abbia propagandato (comprensibilmente) come l'FPS-di-fine-di-mondo-che-cambierà-la-storia non ha nulla a che vedere con il valore effettivo del gioco, che dovrebbe comunque essere valutato a mente fredda sia in negativo (quindi senza farsi annebbiare dall'hype) che in positivo (quindi senza aspettative irrealistiche, visto che dei limiti di XBO si sa bene, e dell'assenza della Campagna pure). In questa prospettiva è un titolo riuscito, eccome, salvo i limiti di specifiche piattaforme.
  3. Dave_Cozmo

     
    #3
    Il mio errore è stato quello di non documentarmi troppo. La mancanza di titoli next gen e un buon prezzo per il D1 su zavvi significava acquisto automatico, dando per scontato fosse un FPS con campagna e online. Sicuramente è un bel gioco e a mio parere la struttura titani + piloti + minion è una furbata che farà scuola. I match sono composti da 8 umani vs 8 umani, a cui si aggiungono i titani che naturalmente non possono essere utilizzati di continuo, e un tot di bot con un'IA scarsina. In questo modo anche i nabbi (come me) possono comunque divertirsi e fare un buon bottino di nemici. Perché chiaramente i titani fanno il culo a tutti (anche se i piloti hanno modo di farsi valere) ma gli stessi piloti contro i minion vanno in scioltezza. Insomma anche fin dalle prime partite non si verificano quelle situazioni frustranti con 1 kill e 12 death. La mia critica era più che altro per l'hype, ma come dici tu è marketing, il gioco è solido e divertente.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!