Blog

E alla fin della fiera...

La musica è finita, i nerd se ne vanno

di Marco Giammetti, pubblicato il

Maledetto sia il giorno che ho detto "la telecamera la tengo io", pensando di fare qualcosa di divertente: Ho la schiena a pezzi da tre giorni di riprese continue, cavi infilati da tutte le parti (ehm), batterie nelle tasche e l'incubo delle SD card: Bisogna svuotarle ogni volta, neanche fossero un secchio della raccolta differenziata. L'umido, per la precisione.

Dawn of the First Day

Il primo giorno d'apertura dell' E3 sembra di stare all' inaugurazione di un centro commerciale, la security che spinge orde di nerd lontani dalle porte mentre un gigantesco omone ura più volte "CIU RULS, SHO' D PASS EN DONT RAN!"; Devo ammettere che l'unica regola rispettata è stata la prima, ovvio visto che c'era una nuova console da provare.

MDK si fionda nella zona Nintendo con uno sprint olimpionico, trovandosi alla fine di una coda chilometrica che addirittura girava attorno allo stand; mentre Io e Pocoto (non so bene come, lo giuro) ci siamo ritrovati gia nel "serpentone" della fila di prova! Decisamente la svolta della giornata, anche perchè in tempo zero abbiamo fatto entrare anche il terzo picciotto. L'attesa mi fa apprezzare l'ambiente messo in piedi da Nintendo, uno spazio di dimensioni notevoli organizzato in modo semplice e preciso, con continui cambi di colore legati a musica, immagini e trailer proiettati un pò ovunque. Bellissime le riproduzioni in scala 1:1 di Zelda e Link a cavallo di quello che abbiamo definito il Pelliaquila (non si capisce che bestia dovrebbe essere).

Decidere la posizione migliore per girare i video dopo ORE di attesa, con inoltre la pressione di fare un lavoro fatto bene, è stato molo stimolante, grazie anche alla nostra sintonia: Il format è semplice: si gioca tutti un singolo gioco, poi si mette in posizione la videocamera, io registro, l'altro rigioca, il terzo commenta.

Uno sforzo, sicuramente, però devo ammettere che è stato divertente, mi sono sentito "utile". Per me non c'era momento migliore delle riprese, perchè so da utente quanto è importante vedere i videogame nel loro habitat naturale: lo schermo, senza l'interferenza dell' uomo, cioè i trailer taroccati. Ancora di più con commenti freschi e pregni di sensazioni vere, magari anche ingenue, però genuine.

Piccola curiosità: la Rai stava filmando l'evento e ci ha ripresi mentre provavamo un gioco: Quante probabilità ci sono che una televisione italiana venga fino in America per riprendere le performance di una casa giapponese filmando altri italiani?

Screenshot del filmato originale: nell' ordine ci siamo io, MDK, Pocoto e un paio di didascalie del TG2... :0 - TMO@E32011
Screenshot del filmato originale: nell' ordine ci siamo io, MDK, Pocoto e un paio di didascalie del TG2... :0

Il primo impatto con l'"E3 vero", quindi, è stato un pò limitato: ho visto il caleidoscopico circo Nintendo, poi ho accompagnato MDK nella zona Capcom per riprendere l'intervista allo sviluppatore di Asura's Wrath, prima di correre nuovamente da Nintendo per cominciare a registrare video per i giochi 3DS.

Tutto questo sempre con la mia fida compagna telecamera in spalla, che ormai chiamo amorevolmente "il Gatling".

Poi a casa a scrivere i primi pezzi. A dormire alle 3.

E poi Teo mi aspetta nel letto. :X

Dawn of the second Day

Sveglia alle sette, c'è la diretta, poi di corsa al Convention Center!

Passare dal padiglione Sud a quello Ovest vuol dire fare un sacco di strada. Davvero. Non servono le valanghe di donne scosciate a tirati su, quando sei pieno di impegni, stanco e carico come un soldato!

Il tempo diventa un nemico: ci sono troppe cose da vedere e poco tempo per far tutto. Ho compreso che è praticamente impossibile fare una copertura completa di un evento del genere senza avere più occhi. L'importante è cercare di raccogliere più informazioni possibili per l'utenza esterna, affamata, perchè nonoste l'E3 sia pieno di gente, è solo uno sputo in confronto alle persone che seguono l'evento.

Lo sforzo creativo di questa fiera è incredibile. Alcune zone dedicate sono talmente sfarzose da far venire la pelle d'oca. Ogni big dell' industria fa di tutto per cercare di attirare l'attenzione.

Ci sono ragazzi e ragazze da tutte le parti... non mi riferisco ai giornalisti ma alla gente che lavora: punti di ristoro, stagiste, agenti di sicurezza, PR, operai, tecnici, ballerini, attori... e mi lamento io per un pezzo di plastica ormai incastonato sulla spalla?

Perché il lavoro delle persone è importante, bisogna avere rispetto! :0 - TMO@E32011
Perché il lavoro delle persone è importante, bisogna avere rispetto! :0

Mi accorgo comunque che mangio sempre meno e bevo pochissimo. Quando finirà questa botta di adrenalina mista a frappuccino ci sarà da ridere.

Oh, ciao Teo! :X

Dawn of the Third Day

La giornata comincia bene nel parcheggio di THQ, allestito come "bikini car wash", ed è una giornata molto importante per me perchè grazie ad una intervista con giopep ho potuto finalmente conoscere di persona Eric Chahi. Poterlo ringraziare di persona per aver creato Another World è stato come tirare un sospiro di sollievo: volevo farlo da quando avevo undici anni, era il 91, finalmente ci sono riuscito.

Ho anche avuto la possibilità di fare un altro illustre ringraziamento, a Jason Vandenberg, vecchia conoscenza di MDK, per il suo ottimo lavoro su Red Steel 2. È importante per me far sapere ad un tale genio creativo che il suo lavoro è stato più che apprezzato. Se poi se ne sbatta, non mi è dato saperlo.

Ottimo anche l'incontro con Katsuhiro Harada e Ono: penso di aver gettato più tempo con i loro videogame di quanto ne abbia dedicato a curarmi della mia vita.

Terrorizzante invece Itagaki: non nascondo che mi si è gelato il sangue. C'ha un sacco di carisma (e brufoli).

È bello vederli girare per la fiera come fossero semplici utenti, davvero.

Rosico per non aver incontrato Miyamoto e per l'assenza di Kojima. Purtroppo, l'unico momento in cui ho incontrato Suda è stato in presenza della Security all'esterno della conferenza Nintendo... mi ci sono pure fatto la foto. -_-

Epic Fail - TMO@E32011
Epic Fail

Quindi il terzo giorno è stato un pò più rilassato, la fiera non mi fa più paura. L'E3 è un'amica con un sacco di scollature diverse.

Guardalo Teo, dorme tutto scoperto. :X

The End

La stanchezza si sente, anche se togli il volume. Vi scrivo a poche ore dalla chiusura della fiera ed ancor meno dalla partenza e vi giuro che sono a pezzi ma iperfelice.

L'ultimo giorno di fiera l'ho potuto dedicare alla prova su strada dei giochi che mi interessavano, non senza aver supportato Pocoto in un paio di interviste che per pura sfiga potrete soltanto leggere e non guardare ed ascoltare.

E questo mi fa venire in mente un piccolo episodio: in tutte le interviste a cui ho assistito ci sono sempre un massimo di due persone che fanno le domande e gli altri che stanno zitti come se stessero assistendo al miracolo di fatima. Mah.

Questo è il modo migliore per fare le domande durante le interviste - TMO@E32011
Questo è il modo migliore per fare le domande durante le interviste

In giro per gli stand meno importanti, si respira un'aria che mi ricorda molto le fiere nostrane: stand piccoli, normali, informativi, senza fronzoli... E senza gente! Di solito, in altri casi, mi sarei fermato a fare qualche domanda, ma ho il tempo risicato e voglio provare PSVITABINARYDOMAINSNEVERDEADGEARSBATMANDEADISL... tempo scaduto. Però mi sento appagato, sopratutto per il finale col botto, la presentazione a porte chiuse di Halo HD con Teo. Perchè essere fanboy di Halo è importante, quando si è ad una presentazione, e penso di averlo dimostrato in pieno!

Alle 17:00 ci cacciano fuori tutti a pedate. È finito l'E3

Saluti e baci

Il pensiero finale di questa esperienza va a tutte le persone che mi hanno sopportato in questi giorni e sopratutto a voi che siete li, nella parte di staccionata che domani scavalcherò nuovamente.

L'E3 non è soltanto una fiera, è uno stile di vita che dura sei giorni l'anno. Spero che con il lavoro di tutti i ragazzi di Videogame.it vi abbiamo trasmesso anche una minima parte di quello che si prova a stare qui.

Un saluto particolare va ai miei compari di tenda al camping Nintendo, cioè MDK e Pocoto, e a Teo che da stanotte in poi non vedrò più nel mio letto.

Ringraziando il cielo! :X


Commenti

  1. Dna

     
    #1
    grande TMO: peccato per il poco tempo avrei apprezzato molte più delle tue fantastiche vignette, perchè già vedendo quelle dell'aereo si capiva che eri in forma!!!

    ma l'intervista di cui è saltato il video è quella di Dark Souls ??? perchè non l'ho trovata!!!! se si mannaggia a voi!!!
  2. teoKrazia

     
    #2
    Ma grande TMO!

    Però non mi sembra che sia trasparito il fatto che quell'unica ora di fiera che ti sei fatto commé è stata più divertente di tutto il resto! ;___;

    E bravo come giornalista: all'evento di Halo hai fatto belle domande, il che considerato che come hai notato tu spesso pare che a vedere i giochi ci va gente che non chiede niente, non sembra curiosa, non sembra appassionata, è un gran bel plus.

    E non sei niente male nemmeno come compagno di letto, anche se il salto di qualità vero l'hai fatto quando ti sei deciso finalmente a prendere le pastiglie che ti aveva prescritto l'infermiera di CD Projekt RED:

    http://www.videogame.it/booth-babes-e3-2011-babe/gallery/37806/308197/#media


    :*)
  3. Mdk7

     
    #3
    Che teneri.

    sono geloso! :0 
  4. the TMO

     
    #4
    HAHAHAH, maledetto hai postato le foto ricchionissime! Grazie per i complimenti Teo, e poi non deve trasparire, lo sai che me la sono veramente spassata un sacco quell' oretta (e dopo le foto, detto così, mi sa che mi sono giocato definitivamente la reputazione).
  5. teoKrazia

     
    #5
    the TMOHAHAHAH, maledetto hai postato le foto ricchionissime!

    La gente dovevano sapere! :0

    Ed MDK farsi l'ultima rosicata :-*
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!