Tondemonai!

Tondemonai!

In questa rubrica, il nostro Alberto Torgano, fine conoscitore del giapponese e delle usanze del Sol Levante, ci racconta le ultime pazzie giapponesi legate al mondo dei videogiochi. Pazzie che il termine "Tondemonai!" riassume alla perfezione: può essere infatti tradotto con "Impossibile! Non può essere così!".
Rubrica

Vacanze e pietanze

Cibo e videogiochi: connubio impossibile!?

di Alberto Torgano, pubblicato il

Questo mese ho deciso di affrontare in Tondemonai un argomento assolutamente inedito su queste pagine: videogiochi e cibo (giapponese!). Se state sospettando che sia ormai arrivato alla canna del gas con le idee - beh - forse avete ragione, ma non datemi subito per spacciato, perché sono sicuro che riuscirò a farvi venire la proverbiale acquolina in bocca! Serve una premessa, però: chi è stato in Giappone, o quantomeno in qualche ristorante orientale serio, lo dovrebbe sapere, ma la cucina giapponese è lungi dall'essere basata su sushi e pesce crudo, e spazia anzi tra pietanze differentissime tra loro, pur con una certa ricorrenza di pesce (cotto) e riso. Detto questo, approfondiamo il discorso su qualcuna di queste pietanze!

ANTIPASTO

Come iniziare una disquisizione su questo tema se non dalla m-i-t-i-c-a polpetta di riso!? Non so voi, ma quando ero bambino e in TV imperversavano cartoni come Kiss Me Licia, Robottino o Daltanious, in ogni puntata c'erano quelle dannate polpette di riso di cui tutti erano ghiotti, assolutamente introvabili in Italia. Mi riferisco a quei triangoletti di riso bianco con un pezzettino nero al centro, che da bambino pensavo fossero dei dolciumi, vista la somiglianza con il riso soffiato, ma che in realtà sono semplice riso bianco con un ripieno di pesce o verdure e una copertura di alga nori a tenere insieme il tutto.
Le polpette di riso si chiamano in realtà onigiri e sono presenti anche in molti videogiochi, il primo che mi viene in mente è il recente One Piece Gigant Battle, nonché in fumetti e film giapponesi. Per il modo in cui vengono consumati, gli onigiri sono l'equivalente tradizionale e più sano di un panino o di uno snack da fast food e in Giappone sono disponibili in qualunque minimarket a un prezzo variabile tra i 120 e i 300 yen (da 1 € a 2,5 € circa). In Italia non sono molti i ristoranti giapponesi che offrono questo piatto nel menu, ma se chiedete al cuoco magari ve ne fa uno.

Il mitico onigiri, detto anche polpetta di riso. Vi consiglio quelli con tonno e mayonese e quelli al salmone, mentre invece vi metto in guardia contro il temibile onigiri all'umeboshi, la sapidissima prugna salata - Tondemonai!
Il mitico onigiri, detto anche polpetta di riso. Vi consiglio quelli con tonno e mayonese e quelli al salmone, mentre invece vi metto in guardia contro il temibile onigiri all'umeboshi, la sapidissima prugna salata

Piatti tipici

Un altro piatto molto comune in tanti giochi, e anche qui scomodiamo i vari Castlevania (qui trovate un bel vademecum di tutto il cibo che compare nella serie), è il cosiddetto teishoku, che altro non significa che "menu fisso". In occidente di solito viene tradotto con un generico "piatto di carne/pesce/pollo/verdure", e graficamente è quasi sempre rappresentato come un vassoio contenente una tazza di cibo fumante o della carne. Nel paese del sol levante, tutti i ristoranti "veloci" offrono qualche tipo di teishoku, generalmente composto da un piatto principale, una tazza di riso, della zuppa di miso e verdurine varie. Si tratta del cosiddetto "menu", con l'unica differenza che è una presenza fissa nelle liste di quasi tutti i ristoranti, eccezion fatta solo per le isakaya (più simili ai pub) e per quelli particolarmente costosi.
Abbiamo citato poco fa la zuppa di miso, facile da trovare anche in Italia e anch'essa presente in molti videogiochi. Quando vedete una tazza contenente un liquido marroncino fumante, quello è sempre un riferimento alla zuppa di miso. Questa pietanza, che poi è più simile a un brodino che a una zuppa, è uno dei piatti più amati della cucina giapponese e insieme al riso rappresenta l'accoppiata standard immancabile in ogni teishoku. La zuppa di miso è inoltre nota per essere un alimento particolarmente salutare (come non mancherà di farvi notare qualunque giapponese con cui avrete modo di mangiarla), ragion per cui la sua inclusione nei giochi come oggetto curativo è molto calzante.

Un teishoku di sashimi, da notare le verdurine varie e la tazza coperta, che contiene l'inevitabile zuppa di miso - Tondemonai!
Un teishoku di sashimi, da notare le verdurine varie e la tazza coperta, che contiene l'inevitabile zuppa di miso

Passando a piatti un pochino più elaborati, vi cito: lo yakitori, il classico spedino di pollo che di per sé non sarebbe tanto speciale se non fosse per una salsina che gli dà un aroma dolce e ricco; lo yakiniku, fettine di carne grigliate sul momento, di solito in ristoranti equipaggiati con appositi tavoli con griglia annessa; il rinomato sukiyaki, un piatto misto di carne, verdure e funghi un po' vicino al nostro spezzatino, ma più brodoso e dal sapore delicato. Anche se non presenti come la classica tazza di riso o la zuppa di miso, anche questi piatti compaiono qua e là, direttamente o quantomeno come citazioni. VI segnalo a riguardo che sulla prima PlayStation uscì addirittura un gioco interamente dedicato allo yakiniku, chiamato Yakiniku Bigyou, decisamente non imperdibile ma curioso.
Molto più presenti in media di ogni tipo sono invece piatti popolari come il curry, che nonostante l’origine indiana è molto diffuso e amato in Giappone, con catene di ristoranti specializzati che offrono vari gusti e gradi di “piccantezza”. O anche il ramen, i famosi spaghetti in brodo tipici di manga come Naruto, ma presenti anche in videogame: per esempio lo stage di Chun-Li nei vari episodi di Street Fighter contiene spesso qualcuno che mangia ramen. Una curiosità sul ramen: anche se a noi sembra un piatto tipicamente giapponese, per i giapponesi il ramen è una pietanza di origine cinese ed è servita in ristoranti cinesi. È questa la ragione per cui è molto difficile da trovare nei ristoranti giapponesi italiani (sarebbe un po’ come andare in una pizzeria e chiedere degli involtini primavera).

Il ramen, ottimi spaghetti in brodo. Anche se in apparenza è un piatto molto semplice, si sente molto la differenza tra uno fatto da un esperto e quello da fast food - Tondemonai!
Il ramen, ottimi spaghetti in brodo. Anche se in apparenza è un piatto molto semplice, si sente molto la differenza tra uno fatto da un esperto e quello da fast food


Commenti

  1. giopep

     
    #1
    Ed ecco servito il nuovo Tondemonai. A correggerlo m'è venuta una fame allucinante. :D
  2. efus

     
    #2
    un sacco di risate e di fame! io, vista la scarsezza di ristoranti giapponesi nel loco oscuro ove vivo, ho iniziato a prepararmi tutto da solo. Kakaka è divertente, il problema è che tanti ingredienti non si trovano. Comunque, visto che mi hai fatto venire fame, io vado a pappare :P
  3. SirMana

     
    #3
    Bellissimo tondemonai anche a sto giro ;)!
    Che fame!
    Che bei tempi quando sulla psone arrivavano questi bei giochi folli alla giapponese!
    Ce ne sono ancora, ma difficilmente arrivano in europa per via ufficiale XD.Sigh.
    Comunque un po' è vero, si è persa la magia dei tempi "oscuri", tempi dove quei triangolini bianchi facevano gola pur non sapendo cosa fossero, il ramen era il graal (chi avrebbe mai pensato di mangiarlo in italia un giorno),tempi dove davanti ai cabinati scrausi delle sale giochi fantasticavi con i presenti di megagalattiche e irraggiungibili sale giochi giapponesi a più piani con ogni videogames esistente, l'eden del videogiocatore(cosa in realtà poco distante dalla realtà e per me rimangono il top, la mecca videoludica massima ^-^),tempi dove la tv generalista era aspettare l'inizio del prossimo anime(all'epoca cartoni giapponesi)etc.
    Però è anche vero che superata la scorza superficiale, il giappone come paese e cultura a me ha continuato a dare tanto e a offrire molto, con i suoi pregi e difetti.E' un mondo che si scopre poco alla volta.
    E va bene così.
    ps: piccola correzione, il ramen è vero che è originario della cina, ma è comunque un piatto diffuso in ambedue i paesi(e anche in corea del sud se non erro) e ormai differenziato a seconda del paese.
    Infatti in giappone il posto migliore per mangiarsi del ramen è un chioschetto o una rameneria a gestione familiare, ognuna con la propria ricetta.Quindi diciamo, il ramen alla giapponese è diverso da quello cinese o di altri posti.
  4. njoe

     
    #4
    Non ho mai mangiato cibo giapponese, ma ad occhio il ramen sembra squisito, mentre il sukiyaki non capisco che senso abbia: sembra un cesto con dentro la spesa del supermercato. : |


    Domanda sugli onigiri: ma si mentengono bene integri? La striscia di alga nori serve a tenerli compatti?
  5. Gidus

     
    #5
    Dalle mie parti ci sono tantissimi ristoranti Giapponesi...gestiti da cinesi :D
    Ogni tanto ci faccio un salto perché non sono malvagi e si riesce a mangiare discretamente bene non spendendo un botto. Ovviamente la cucina giapponese non è pura ma "contaminata" dalle influenze cinesi.

    In questi posti non prendo quasi mai il sushi perché è veramente di bassa lega...al contrario, onigiri. yakitori e ramen sono molto buoni. Quest'ultimo con la classica girandolina che si vede anche nell'immagine (sospetto sia cipolla) che mi riporta indietro nel tempo quando guardavo qualche cartone da piccolo XD
    Ci sono anche un sacco di piatti a base di manzo e maiale alla piastra ma non ho idea se siano tipici della cucina Jappica o meno.
  6. Mdk7

     
    #6
    Che FAME! O.O
  7. Franz304

     
    #7
    tutto interessantissimo :)
    Una domanda per i più esperti....ma cos'è quella specie di "dischetto" bianco con una spirale rosa presente nel ramen?
  8. DoctorGeo

     
    #8
    Franz304tutto interessantissimo :)
    Una domanda per i più esperti....ma cos'è quella specie di "dischetto" bianco con una spirale rosa presente nel ramen?

    http://matrioskla.blogspot.com/2011/05/ramen-story.html.

    ........ simpaticissimo naruto. Pensate che quest'ultimo ingrediente, di solito bianco e
    rosa, dal contorno frastagliato e dall'interno a spirale, ricavato dal surimi e
    pesce azzurro frullati e colorati, prende il suo nome proprio dalla bizzarra
    forma che ha assunto e che si dice ricordi il vorticare delle acque del mare
    dello stretto di Naruto, che collega l'Oceano Pacifico e il mare interno del
    Giappone.........
    .
    http://it.wikipedia.org/wiki/Vortice_di_Naruto
    .


    Il Kamaboko è un tipo di cibo Giapponese ottenuto dalla lavorazione del pesce, fatto di surimi, e pesce azzurro frullati e talvolta colorati, che vengono avvolti a formare dei lunghi panetti che vanno cotti finché la consistenza è solida. Mantenendo separati i diversi colori si generano delle immagini colorate che compaiono quando il kamaboko cotto viene affettato. Le fette possono essere servite a temperatura ambiente o raffreddate con vari tipi di salse, oppure possono essere incluse in zuppe e altre portate della cucina Giapponese. In alcuni casi il kamaboko è fatto in modo tale che una volta affettato possa sembrare un oggetto. il disegno più frequente è la spirale, tanto che ci si riferisce a tale tipo di kamaboko con il nome dinaruto riferendosi al Vortice di Naruto.

    .

    http://it.wikipedia.org/wiki/Kamaboko
  9. giopep

     
    #9
    njoeNon ho mai mangiato cibo giapponese, ma ad occhio il ramen sembra squisito, mentre il sukiyaki non capisco che senso abbia: sembra un cesto con dentro la spesa del supermercato. : |

    Domanda sugli onigiri: ma si mentengono bene integri? La striscia di alga nori serve a tenerli compatti?

    1. alla fine è una specie di zuppone, diciamo. :)
    2. sisi, restano belli compatti, alga o non alga
  10. Gidus

     
    #10
    DoctorGeohttp://matrioskla.blogspot.com/2011/05/ramen-story.html.

    [cut]

    LOL io pensavo fosse una specie di cipolla XD
Continua sul forum (13)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!