Genere
Sportivo
Lingua
Inglese
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
31/12/2002

Tony Hawk's Pro Skater 2x

Tony Hawk's Pro Skater 2x Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Genere
Sportivo
Data di uscita
31/12/2002
Lingua
Inglese
Giocatori
8

Lati Positivi

  • Elevata giocabilità
  • Buona selezione dei livelli
  • Divertenti modalità multiplayer

Lati Negativi

  • Grafica non ai massimi livelli
  • Disponibile solo in versione NTSC/USA

Hardware

Per giocare con Tony Hawk's Pro Skater 2x è necessario possedere una Xbox americana e una confezione originale del gioco. Chiaramente il gioco richiede una televisione multistandard compatibile NTSC. Sono supportati i salvataggi su hard disk e Memory Card ed il collegamento tra più console.

Multiplayer

Un massimo di quattro giocatori tramite split screen o otto giocatori tramite collegamento di due console si possono sfidare in Tony Hawk's Pro Skater 2x nelle modalità dedicate.

Link

Recensione

Tony Hawk's Pro Skater 2x

La sua pubblicazione limitata agli Stati Uniti lo ha fatto passare in secondo piano nel nostro continente. Non per questo bisogna ignorare un eccellente videogame di skateboarding: Nextgame.it analizza per voi la riedizione esclusiva per Xbox del secondo capitolo della nota serie patrocinata da Tony Hawk. Una piccola chicca dedicata agli appassionati della famosa saga.

di Stefano Castelli, pubblicato il

Anche i grilletti L ed R ricoprono un ruolo nel gioco, venendo utilizzati per altre funzioni: ne consegue un uso estensivo di ogni elemento del joypad di Xbox che richiede ovviamente un lungo tempo di apprendimento prima di poter essere "assorbito" dai giocatori. Di fatto imparare a realizzare le singole acrobazie non è difficoltoso: i problemi (e le soddisfazioni) nascono quando si cerca di concatenarle tra loro in lunghe combinazioni di ollie, grind, flip, manual e decine di altre azioni e figure: con la pratica si riusciranno a ottenere punteggi stratosferici e si scatenerà nel giocatore la sindrome da "auto-superamento", che potrebbe portare a ore di tentativi per la realizzazione di chissà qualche assurda sequenza.

SKATEBOARD & BRICOLAGE

Gli amanti del fai-da-te avranno di che divertirsi con Tony Hawk's Pro Skater 2x, viste le possibilità offerte loro dagli sviluppatori. Si comincia con la modalità "Create-A-Skater", tramite cui è possibile progettare un atleta a discrezione del giocatore, curandone sia l'aspetto grafico sia il profilo più strettamente "tecnico". Innanzi tutto è necessario decidere l'aspetto dello skater, selezionando sia i tratti somatici, sia l'abbigliamento e il portamento: la scelta è tutto sommato vasta grazie alla presenza di numerosi capi di abbigliamento, acconciature e altro ancora, unitamente alla possibilità di decidere arbitrariamente i colori di ogni singolo elemento.
Definita l'apparenza dell'atleta si passa a compilare la sua scheda personale, distribuendo alcuni punti-abilità sui vari attributi (capacità di salto, equilibrio e altre ancora più specifiche). Terminata la progettazione del personaggio lo si può salvare su hard disk o Memory Card e utilizzare in tutte le altre modalità di gioco. Chi invece volesse dedicarsi al level-design potrà utilizzare l'opzione "Skatepark Editor" per realizzare l'arena dei suoi sogni. Grazie a questo editor tridimensionale, infatti, si possono disporre in un ampio spazio una gran quantità di elementi come blocchi di cemento, ringhiere, rampe e trampolini: quindi è possibile salvare la propria creazione e "affrontarla" con uno skater.

PARADOSSI TEMPORALI

La realizzazione grafica di Tony Hawk's Pro Skater 2x può venire ingiustamente considerata come datata rispetto al terzo capitolo della serie, ma non è propriamente così. Dove si nota maggiormente una carenza di poligoni è certamente nella struttura di molti livelli, che sembrano poco evoluti rispetto alle successive edizioni. Data l'esclusiva pubblicazione per Xbox però sembra che gli sviluppatori si siano dati da fare per migliorare il più possibile alcuni aspetti grafici: per esempio laddove l'erba era realizzata con semplici texture "piatte", in Tony Hawk's Pro Skater 2x troviamo invece uno splendido effetto "prato", molto convincente e persino assente dal più recente terzo capitolo. Anche i modelli poligonali degli atleti sono evoluti e presentano ora una buona complessità della faccia. Le animazioni a loro volta sono state "limate" e rese più fluide e meglio concatenate, mentre le texture sono state ridisegnate in alta risoluzione e sono molto belle da guardare (sebbene talvolta un poco sfocate). Insomma, un'opera di make-up c'è stata, e si nota. Il sonoro è formato da una buona compilation di canzoni (molto adatte al tipo di gioco) e da effetti sonori tutto sommato adeguati, sebbene non particolarmente convincenti.
Parlando della qualità del gioco vero e proprio è interessante notare come il design di alcuni dei livelli presenti in questa compilation sia effettivamente superiore a quelli visti in Tony Hawk's Pro Skater 3 (per riallacciarsi alla diatriba citata in apertura di recensione).
Inutile dire che la longevità del gioco è molto alta: anche dopo aver completato con successo tutti i livelli e aver sbloccato le caratteristiche segrete del gioco (alcune delle quali molto simpatiche, sebbene richiedano molto impegno per essere attivate) si tornerà comunque a impugnare il pad per sfidare gli amici o per superare i propri record.
Insomma, un titolo singolare che potrà interessare a una ristretta fascia di utenti, ma che gli amanti della tavola a rotelle dovrebbero comunque segnare sulla lista della spesa in caso siano dotato di una console americana o compatibile: probabilmente non rimarranno delusi.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
L'eccellente design dei livelli e la grande quantità di "missioni" da portare a termine rendono Tony Hawk's Pro Skater 2x un acquisto consigliatissimo a tutti gli appassionati, anche a coloro che già possiedono il terzo capitolo della serie. La realizzazione tecnica non è certo adeguata alle potenzialità della console, ma appare comunque migliorata rispetto alle altre edizioni, rendendo il gioco gradevole da vedere. Una compilation, insomma, addirittura superiore al terzo episodio sotto alcuni aspetti, che non dovrebbe mancare nelle case dei patiti della serie possessori di Xbox, in particolare di quelli che non hanno mai giocato ai primi episodi della saga.