Genere
Azione
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
29/8/2008

Too Human

Too Human Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Sviluppatore
Silicon Knights
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
29/8/2008
Data di uscita americana
19/8/2008
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
2
Formato Video
HDTV

Lati Positivi

  • Alcune ambientazioni affascinanti
  • Colonna sonora evocativa
  • Buona gestione degli oggetti in eccedenza nell’inventario
  • Abbastanza immediato

Lati Negativi

  • Realizzazione tecnica modesta
  • Combattimenti confusionari
  • Sistema di puntamento impreciso
  • Telecamera troppo rigida
  • Conclusione prematura
  • Lineare e monotono

Hardware

Per giocare a Too Human è necessario possedere un Xbox 360 munito di relativo joypad e una confezione originale del gioco in formato PAL. Sono supportare le risoluzioni HDTV fino a 1080p e il Dolby Digital durante le fasi di gioco.

Multiplayer

È presente una modalità multiplayer che permette a due utenti di cooperare online per completare il gioco. L'inclusione di un alleato permette di inscenare combattimenti più spettacolari, per quanto limitare il tutto a due personaggi finisce per svilire le cinque classi di guerriero tra le quali è possibile scegliere. La difficoltà viene inoltre impostata sul personaggio con l'esperienza più alta: cercate quindi di scegliere un compagno di pari livello o finirete per essere tritati con troppa frequenza.

Link

Recensione

La caduta degli dei

Quando il Valhalla piuttosto che un dono diventa un incubo.

di Andrea Focacci, pubblicato il

Nonostante un’impronta "action" piuttosto marcata, Too Human ha cercato di conservare alcuni tratti chiave del gioco di ruolo che possono essere individuati nelle varie ramificazioni che prevede lo sviluppo del personaggio principale. Non parliamo solo dell’allineamento sul campo di battaglia, ma soprattutto nel sistema di distribuzione dei punti esperienza, che permette di abbracciare più filosofie di combattimento secondo il proprio stile di gioco. Almeno sulla carta.

LE VIRTÙ DEL FIGLIO DI ODINO

Analizzando in maniera più approfondita l’”albero delle abilità”, così com’è stato semplicisticamente definito a più riprese, non si può non rimanere delusi da una certa parsimonia nei punti chiave che è possibile raggiungere e attivare con la distribuzione dei punti esperienza. Maggiore enfasi sull’efficacia del combattimento ravvicinato, più precisione nell’utilizzo delle armi da fuoco, qualche colpo speciale raggiungibile solo nei livelli più avanzati… e poco altro.
La vera nota positiva è data dalla possibilità di “azzerare” in ogni momento i punti spesi, in modo da riallineare le abilità del personaggio secondo i propri capricci o quando l’occasione lo richiede: un modo per non fossilizzarsi troppo sul solito approccio alla battaglia e non rimpiangere troppo a lungo eventuali errori del passato. Tuttavia è difficile apprezzare queste potenziali finezze quando lo stesso sistema di combattimento che dovrebbe metterle in pratica finisce quasi per azzoppare ogni diversificazione.

BESTIE DOVE SIETE?

Per andare nello specifico, sembra inutile insistere troppo nell’utilizzo delle armi a distanza quando è evidente l'inefficienza del sistema di puntamento, vista la difficoltà con la quale “aggancia” i nemici e li passa in rassegna. Quasi inconsciamente il giocatore è così spinto a ricorrere spesso al combattimento ravvicinato, senz’altro più gratificante anche in termini di spettacolarità visiva. L’unica controindicazione è data dal pericolo di morti frequente nel caso i nemici su schermo passino la decina (così come accade di frequente).
Va detto che il gioco non prevede un “Game Over” ma semplicemente si assiste a un’animazione di morte, durante la quale una valchiria di chiara ispirazione scandinava scende dal cielo per recuperare il corpo del dio e portarlo nel Valhalla: toccante sulle prime, noiosa nel breve periodo, assolutamente frustrante e inopportuna lungo il corso del gioco, quando le cadute sul campo di battaglia divengono sempre più frequenti e questo indigesto intermezzo drammatico non può essere saltato in nessun modo.

FINE PREMATURA

Tra alti e bassi narrativi – la trama non è sempre di facile comprensione visto l’intenso ricorso alla tecnica del flashback – il gioco scorre facilmente e senza sussulti particolari verso una conclusione che avremmo voluto definire “naturale”. In realtà ciò non è possibile, giacché i titoli di coda iniziano a scorrere su schermo proprio nel momento in cui l’azione sembrava poter decollare in modo definitivo: un colpo basso sferrato allo stomaco del giocatore nel tentativo di preparare il campo al secondo capitolo di una trilogia che, a questo punto, sembra quasi tagliata in tre parti in modo fittizio, a colpi di scure.
In ultima battuta, Silicon Knights ha voluto pensare anche agli utenti amanti del multiplayer, prevedendo la possibilità di affrontare il gioco in modalità cooperativa online attraverso Xbox Live: in questo caso i combattimenti ne guadagnano in spettacolarità, per quanto il grado di difficoltà dei nemici tenda ad adeguarsi al protagonista con il livello di esperienza più alto. Come dire, se volete giocare online cercate di trovare un amico di vostro pari livello.

Voto 2 stelle su 5
Voto dei lettori
Inutile girare intorno al problema: Too Human è un titolo che ha richiesto una decade di sviluppo e che presenta meccaniche di gioco vecchie, appunto, di dieci anni. Sin troppo monotono e ripetitivo nella costruzione dei livelli e nel modo in cui lo scenario vomita incessantemente nemici dal design più che anonimo, il gioco creato da Silicon Knights presenta quella filosofia dell’uomo solo contro il mondo a menar fendenti che ricorda tanto un titolo come Dynasty Warriors piuttosto che la saga di Diablo. Le poche note positive dello spartito – alcune ambientazioni, la colonna sonora e la gestione automatica dell’inventario – sono soffocate da un sistema di combattimento confuso e di arduo puntamento, da una scarsa profondità della componente RPG e da una realizzazione tecnica complessivamente deludente. Insomma, a Too Human non sono bastati dieci anni di costose ripetizioni per evitare la bocciatura.

Commenti

  1. Lylot72

     
    #1
    Recuperato questo giochillo.
    Ho giocato un paio d' ore, graficamente è HD old Gen ma il design è veramente intrigante. Sonoro molto bello ed evocativo.
    Il gameplay al momento lo trovo un pochino confusionario.
     In pratica sto utilizzando solo combo con lo spadone.
    Le armi da fuoco, tranne per distruggere mirando alcune parti del corpo dei nemici più grossi, sembrano quasi inutili.
  2. kingkilium

     
    #2
    Lylot72 ha scritto:
    Recuperato questo giochillo.
    Ho giocato un paio d' ore, graficamente è HD old Gen ma il design è veramente intrigante. Sonoro molto bello ed evocativo.
    Il gameplay al momento lo trovo un pochino confusionario.
     In pratica sto utilizzando solo combo con lo spadone.
    Le armi da fuoco, tranne per distruggere mirando alcune parti del corpo dei nemici più grossi, sembrano quasi inutili.
         Anche io l'ho recuperato qualche tempo fa a prezzo budget, purtroppo dopo aver avuto le tue stesse impressioni iniziali ne sono rimasto molto deluso.
    Presto inizierai a morire un'infinità di volte, spesso piu' per l'imprecisione del sistema di puntamento che per tua imperizia, e la storia (troncata all'improvviso tra l'altro) ha la durata di un respiro.
    Peccato :-\
  3. Lylot72

     
    #3
    Torno su questo topic, visto che ora il tasto ricerca funziona.
    Penso d' essere arrivato quasi alla fine, in realtà non vedo l' ora di finirlo per archiviarlo. 
    Totale delusione, gameplay insulso, si muore in continuazione, perchè i programmatori lo vogliono e per fortuna che poi veniamo resuscitati.
    L' unica cosa che mi fa proseguire è arrivare ai filmati e vedere come dipana la storia, anche se a tratti pure questa non ispira più di tanto.

    Voto 5
  4. Sechs

     
    #4
    Quante cose vorrei dire su Too Human, e invece alla fine non dico niente.
    Non so, con tutto l'impegno non ce la faccio a "salvare" questo gioco. Ci sono delle scelte così sbagliate, ma così sbagliate sotto tutti i punti di vista che ti viene da chiedere... ma cosa hanno lavorato tutto 'sto tempo? C'hanno davvero lavorato tutti questi anni? La risposta è no, ma ALMENO 3 anni c'hanno lavorato di brutto, e son cmq tantissimi... non riesco a giustificarli.

    Il gioco in un certo senso ha il suo perchè dopo tante ore, ma... ma non riesce nel suo intento. Fallisce su ogni fronte per quanto ci sia un qualcosa, un "non so che" che indubbiamente ispira fascino e carisma. Forse la ricerca artistica? Le musiche? L'idea di fondo? Non so, ma non riesce purtroppo a salvare il gioco.

    La trama per me è molto carina invece. Aspetterei volentieroso un sequel, sperando di trovarmi di fronte un gioco COMPLETAMENTE diverso (a partire dai controlli... fanculo all'usare lo stick analogico, scelta che secondo me rovina un buon 50% almeno di quel POCO che poteva essere vagamente valido nel gameplay).
    Ma i contenuti speciali scaricabili? Son passati diversi mesi dall'uscita del gioco ma io non ho visto niente...
  5. s0r4

     
    #5
    io lo prenderei usato, consapevole che sia solo un giochino, ma se non c'è nessuno che lo salva...
  6. Stefano Castelli

     
    #6
    s0r4 ha scritto:
    io lo prenderei usato, consapevole che sia solo un giochino, ma se non c'è nessuno che lo salva...
     Il punto è: se neppure finisce, che te lo giochi a fare?
  7. Andhaka

     
    #7
    Stefano Castelli ha scritto:
    Il punto è: se neppure finisce, che te lo giochi a fare?
      eh, ma non era una trilogia annunciata? :DD
    Cheers
  8. Da Hammer

     
    #8
    Stefano Castelli ha scritto:
    Il punto è: se neppure finisce, che te lo giochi a fare?

    Tra l'altro, leggevo che questo primo episodio finisce proprio quando le cose cominciano in minimo interessanti.
  9. Stefano Castelli

     
    #9
    Andhaka ha scritto:
    eh, ma non era una trilogia annunciata? :DD
    Beh, se tu vai da un PR Microsoft e gli domandi dei seguiti di Too Human lui reagisce in uno dei seguenti modi:
    - si ficca gli indici nelle orecchie e inizia a gridare "Bula Bula Bula Bula!".
    - ti da un pugno sul naso
    - ti passa un foglio con sopra indirizzo e numero di telefono della madre di Denis Dyack
    - nega tutto
  10. Andhaka

     
    #10
    Stefano Castelli ha scritto:
    Beh, se tu vai da un PR Microsoft e gli domandi dei seguiti di Too Human lui reagisce in uno dei seguenti modi:
    - si ficca gli indici nelle orecchie e inizia a gridare "Bula Bula Bula Bula!".
    - ti da un pugno sul naso
    - ti passa un foglio con sopra indirizzo e numero di telefono della madre di Denis Dyack
    - nega tutto
      Sì, sospettavo qualcosa del genere... specialmente non avendo sentito nessuna dichiarazione di successone da parte di SK sui risultati di TH. :DD
    Cheers
Continua sul forum (59)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!