TopGame

TopGame

Una rubrica per chi "ne sa", una rubrica per i veri appassionati, una rubrica che piacerebbe un casino a Maurizio Seymandi e al Telegattone. Videogame.it vi propone, e vi propina, le sue meravigliose Top Ten: quali i migliori picchiaduro della storia? Quali le armi più deficienti nel genere degli sparatutto? Quali le protuberanze più marcate tra i personaggi femminili digitali? A tutto una risposta, ovviamente "secondo noi". A voi la gioia di commentare le nostre scelte. Insulto libero, per una volta!
Rubrica

Settima posizione

Quando facevamo anche ridere.

di Stefano Castelli, pubblicato il

Nippon Safes Inc. (Dynabyte, 1992)

Già che abbiamo appena trattato un'avventura grafica made in Italy, inseriamone subito un'altra, suvvia. Anzi, un altro paio. Si parte con Nippon Safes Inc., colorata avventura punta e clicca sviluppata per Amiga e PC e pubblicata nel 1992. Nel gioco impersoniamo un trio di improbabili malviventi che tenta di svaligiare la sede di una multinazionale giapponese: una trama che si innesta in un turbine di parodie, comicità e parecchio nonsense.

L'uso di tre trame che si intrecciano, la presenza di continue gag e una resa grafica piuttosto piacevole hanno permesso a Nippon Safes Inc. di ottenere buoni riscontri di critica, al punto da spingere la software house a sviluppare un seguito (dopo aver creato Tube Warriors, uno dei più atroci picchiaduro mai pubblicati per Amiga). La seconda avventura porta il nome di The Big Red Adventure e viene pubblicata nel 1997 nientemeno che da Core Design, stavolta unicamente su PC. Anche in questo caso gag e comicità si sprecano, regalando qualche altra ora di sano divertimento in questo seguito diretto di Nippon Safes Inc. (con tanto di stessi protagonisti).

Di nuovo, il successo dei loro giochi non ha prolungato la vita di Dynabyte, confluita qualche anno più tardi in un gruppo di software house per trasformarsi poi in uno studio che realizza contenuti web. E addio videogiochi...

Colorata, ben strutturata e anche ricca di umorismo: Nippon Safes Inc. è una bella avventura grafica punta e clicca - WRC 2
Colorata, ben strutturata e anche ricca di umorismo: Nippon Safes Inc. è una bella avventura grafica punta e clicca


Commenti

  1. jpeg

     
    #1
    I giochi in lista li ho giocati praticamente tutti, ma quelli che ricordo con maggior piacere si riducono al platform di Lupo Alberto, alla serie Nippon Safes, a Screamer (Rally) e - nel mucchio - al mio preferito, ovvero Gekido Advance, che tutt'ora campieggia nella mia collezione.

    Mi vergogno di aver solo assistito da lettore (prima) e spettatore (poi) ai due picchiaduro di Lightshock, in quanto ai tempi dell'uscita non avevo ancora - o più - i relativi hardware di appartenenza.
  2. Stefano Castelli

     
    #2
    Ammetto che in effetti la lista sembra quasi un monumento ai caduti. :(
  3. Ganon79

     
    #3
    Tony Tough lo ricordo con piacere, peccato che non l'ho mai finito, arrivato in un livello, non ricordo bene se un parco o un circo, il gioco si bloccava sempre.
  4. RALPH MALPH

     
    #4
    vorrei ricordare qualcosa di moderno: motionsports per kinect di ubisoft milano

    calcolando che è per una periferica pessima hanno fatto un buon lavoro ;)
  5. Seph|rotH

     
    #5
    RALPH MALPHvorrei ricordare qualcosa di moderno: motionsports per kinect di ubisoft milano

    calcolando che è per una periferica pessima hanno fatto un buon lavoro ;)

    Sì, beh, però Ubisoft non è italiana.


    Cla.
  6. RALPH MALPH

     
    #6
    ah come non detto, avevo inteso team italiani
  7. utente_deiscritto_5167

     
    #7
    Un popolo così creativo, stracolmo d'arte nella cultura e nel sangue, è stato costretto ad emigrare per far emergere queste qualità. Se ripenso a molti capolavori di case NON italiane, qualche "manghia spagheti" ce lo trovo sempre :)
  8. Stefano Castelli

     
    #8
    RALPH MALPHah come non detto, avevo inteso team italiani

    Diciamo che è una considerazione tutto sommato ingiusta verso il team di MotionSports, però di fatto non li ho inseriti semplicemente per motivi di "meriti". :)


    Dall'alto della tua... ehm... "posizione" sai bene che Kinect funziona alla grande quando viene programmata bene.


    Motion Sports la sfrutta "così così".
  9. Stefano Castelli

     
    #9
    Shin XUn popolo così creativo, stracolmo d'arte nella cultura e nel sangue, è stato costretto ad emigrare per far emergere queste qualità. Se ripenso a molti capolavori di case NON italiane, qualche "manghia spagheti" ce lo trovo sempre :)

    Guarda, proprio buttando un'occhiata all'indietro si rosica ancora di più. Perché all'epoca vedere girare un Pray for Death comparato agli altri picchiaduro sul mercato faceva effettivamente impressione. Se poi si scopriva che effettivamente fu sviluppato da una manciata di ragazzi... beh, non si può fare a meno di parlare di "talento". Lo stesso Fightin Spirits fu creato da QUATTRO ragazzi che vivevano pure ai quattro angoli dell'Italia.

    Peccato che, di fatto, tutto 'sto talento poi sia abbastanza scomparso.


    Poi...aoh, magari ora arriva la carica degli sviluppatori italiani che oggi stanno sviluppando chissà cosa, eh!


    Però...
  10. AVV.

     
    #10
    è un peccato che i millestone non abbiano più fatto racing arcade.

    il fatto è che al giorno d'oggi se il gioco che sviluppi non è burnout-need for speed-mario kart non puoi sperare di guadagnare con un buon racing arcade :(
Continua sul forum (101)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!