TopGame

TopGame

Una rubrica per chi "ne sa", una rubrica per i veri appassionati, una rubrica che piacerebbe un casino a Maurizio Seymandi e al Telegattone. Videogame.it vi propone, e vi propina, le sue meravigliose Top Ten: quali i migliori picchiaduro della storia? Quali le armi più deficienti nel genere degli sparatutto? Quali le protuberanze più marcate tra i personaggi femminili digitali? A tutto una risposta, ovviamente "secondo noi". A voi la gioia di commentare le nostre scelte. Insulto libero, per una volta!
Rubrica

Le prime cinque posizioni!

Dritti verso la cima dei combattenti senza pudore...

di Alessandro Apreda, pubblicato il

QUINTA POSIZIONE

DARKSTALKERS – THE NIGHT WARRIORS (Capcom, 1994) Prendi la struttura di Street Fighter II, calala in un’ambientazione letteralmente mostruosa, e ne viene fuori Darkstalkers – The Night Warriors, noto nel natio Giappone come Vampire – The Night Warriors. Al di là di una serie di aggiunte sul piano del gameplay (come l’air blocking), che poco ci interessano in questa sede, Darkstalkers e i suoi seguiti vantavano un parterre di lottatori da fare invidia a un’intera stagione di Carletto il Principe dei Mostri. O, che poi è lo stesso, saccheggiavano l’immaginario da horror classici della Universal, ma cambiando il giusto per evitarsi una combo letale di cause per plagio: una mummia del 2600 avanti Cristo, un licantropo, un cugino alla lontana del Conte Dracula, il fratello di Frankenstein, uno zombie, un alieno, un uomo della palude, un robot messicano di 1500 anni fa, un samurai posseduto da un’armatura maledetta, un sasquatch. Più Felicia e Morrigan, che di mostruoso (soprattutto la prima) hanno ben poco, ma sono diventate un po’ il simbolo della serie in ossequio a un’antica ma sempre valida legge di marketing: boobs sell.

QUARTA POSIZIONE

TATTOO ASSASSINS (Data East, 1994/Mai) E arriviamo al solito titolo controverso della classifica. Uno di quelli mai usciti di cui ti piace tanto parlare, scatenando la reazione veemente di chi si sente turlupinato dalla presenza nella top 10 di un gioco ai confini del vaporware. Il fatto è che per quanto Tattoo Assassins non sia mai approdato ufficialmente in sala (ma ne sono circolati una dozzina di prototipi completi, ed è emulabile via MAME), il picchiaduro di Data East ha tutte le carte in regola per ritagliarsi un posto di rilievo in un TopGame del genere. La triste storia del gioco ci parla della volontà da parte di Data East di superare a destra, sulla corsia preferenziale della violenza smodata e tamarra, Mortal Kombat. Fatality fuori di testa (vuoi trasformare il tuo avversario in un hamburger o ricorrere a una vecchia, affidabile scarica di diarrea?), ma anche le animality un anno prima di Mortal Kombat 3 e perfino le nudality. Perché il cast di attori digitalizzati, oltre ai soliti mercenari, guerrieri, motociclisti, assassini della Yakuza (il tema di fondo, ricordate, è quello dei lottatori tatuati), include una serie di pupe (una spogliarellista, un’amazzone, una pattinatrice) che si denudano per la mossa finale. Per mostrare meglio i tatuaggi, ovviamente.
Gli sberleffi collezionati in fase di testing, uno sviluppo controverso e violenti contrasti interni al team di sviluppo hanno calato un velo pietoso sulle sgambate avventure di Hanna Hart, Maya e compagni.

TERZA POSIZIONE

JOJO’S BIZARRE ADVENTURE (Capcom, 1999) Un picchiaduro tratto dal manga Jojo’s Bizarre Adventure di Hiroiko Araki non può che presentare un roster di personaggi assurdi. Eppure giocando Jojo’s Bizarre Adventure per Dreamcast è difficile non assecondare il proprio sopracciglio, tendente dal primo secondo all’inarcamento spinto di fronte a una danzatrice del ventre con le stelline sulle pere come nelle locandine dei pornazzi anni '80, che si porta dietro una testa mozzata da far roteare in direzione dei nemici, versando litri di sangue per terra. O a un temibilissimo chihuahua da combattimento alto due mele o poco più (il che rende difficile beccarlo con molti attacchi), che ha come Stand personale un altro cane, ma molto più grosso di lui. O a un boss finale che si chiama Dio Brando e quando all’ultimo incontro ti batte per un millimetro di barra energetica, dopo che gli hai scagliato contro Cadillac rosa (!) e fili elettrici per un'ora, non devi neanche inventarti un’imprecazione lì sul momento che ti basta urlare il suo nome. Il tutto impreziosito da una suggestiva grafica che predilige accostamenti cromatici e tinte molto metrosexual come porpora e violetto, fucsia e lilla, malva perlato ma tendente al martora e rosa shocking. Gran bel picchiaduro, tra l’altro.

SECONDA POSIZIONE

BCV – BATTLE CONSTRUCTION VEHICLES (Midas Interactive Ent., 2000) Uscito in Giappone all'alba dell'era di PS2 con il titolo di Kensetsu Juuki Kenka Battle: Buchigire Kongou! e portato in Europa nel 2003 da Midas (con una copertina molto, ma molto più brutta), BCV - Battle Construction Vehicles sarebbe solo un esperimento bislacco. Un picchiaduro moscissimo in cui non si può usare nemmeno lo stick analogico. A risollevarne un minimo le sorti, però, interviene la storia. Sì, la storia. In un picchiaduro tra mezzi di costruzione... Ultimo erede della famiglia Kengo, generazioni su generazioni nel business delle costruzioni, il giovane protagonista vuole darsi alla bella vita ma è costretto ad assumersi le sue responsabilità. Parte così, con contorno di spezzoni anime e sequenze statiche che sembrano disegnate da Shingo Araki, la lenta ricostruzione dell'impero Kengo, tra assunzioni, appalti da ottenere e rivali da mettere fuori causa. Il tutto sempre combattendo in sella a gru, escavatrici, ruspe, bulldozer. Il tono delirante della storia si riflette nei colpi speciali attivabili durante i combattimenti: giganteschi guerrieri di kendo, api assassine, tornado, tempeste di fulmini. Divertente? Per nulla. Però due risate te le fa fare tutte.

PRIMA POSIZIONE

BIKINI KARATE BABES (Creative Edge Studios, 2002) Siamo finalmente al picchiaduro più bislacco di tutti. 19 lottatrici digitalizzate che se le danno di santa ragione. In bikini. Uscito per PC e Mac nel 2002, Bikini Karate Babes è un po’ l’equivalente videoludico dei sexploitation movie di Russ Meyer, solo parecchio più trash. Il sistema di combattimento si limita a pugno, calcio e presa, con una serie di mosse speciali abbastanza Mortal Kombat su una scala da zero a Mortal Kombat: raggi laser (ma NON dagli occhi), teletrasporto, presa con solletico. Buona parte di queste fatality fa volare via il pezzo di sopra del bikini dell’avversaria, ma con abile barbatrucco il seno della poveraccia viene sempre coperto in qualche modo dall’azione. Il che significa che quei quattro poveracci dalla vita sociale deprecabile che otto anni fa sono andati a comprarsi il gioco sono stati fregati due volte. Poi “quattro” fino a un certo punto, visto che Creative Edge Studios, dopo aver raccattato una sfilza di giudizi negativi che neanche l’Italia di Lippi nelle prime due gare del Mondiale, si è detta soddisfatta delle vendite, ribadendo la natura provocatoria del proprio gioco, in un mercato in cui i combattenti dei picchiaduro erano sempre più corazzati. Il tutto in attesa del sequel spirituale, Warriors of Elysia, in arrivo a breve nei peggiori negozi.


Commenti

  1. Cesco

     
    #1
    IMHO Mancano Bio F.R.E.A.K.S. (che ci sta tutto in una classifica del genere) e Rise Of The Robots (quest'ultimo soprattutto per via della sua genesi e delle aspettative provenienti da alcune riviste del settore oltre ogni più mostruosa sovrastima... in quel caso "deliranti" furono i giornalisti...)

    [Modificato da Cesco il 23/06/2010 11:45]

  2. Risottolo

     
    #2
    Iggy è un Boston Terrier, non un chihuahua...
    articolo simpatico, manca ClayFighter:)
  3. utente_deiscritto_5167

     
    #3
    Io avrei messo King Of The Monsters invece di Darkstalker.
  4. _LordByron_

     
    #4
    o mio dio, li ricordo quasi tutti.
    E quoto per Rise of the Robots :D
  5. DarkGod

     
    #5
    FIGHTERS MEGAMIX (con DAYTONA che combateva in piedi!!), Toh Shin Den, e un picchiaduro/hentai (di cui mi sfugge il nome...) tipo Soul Calibur uscito per PC con le ragaze che perdevano i pezzi di armatura quando venivano colpite :P
  6. cbm-amiga

     
    #6
    Molto divertente questo articolo; avrei inserito Spitting Image al posto di Darkstalkers, ma quoto anche chi ha segnalato Bio FREAKS, Rise of the Robots e Clayfighter...
  7. El_Maria

     
    #7
    cbm-amiga ha scritto:
    Molto divertente questo articolo; avrei inserito Spitting Image al posto di Darkstalkers, ma quoto anche chi ha segnalato Bio FREAKS, Rise of the Robots e Clayfighter...
      Grazie cbm, ricordavo il gioco, ma vuoto totale sul titolo, che ricordi, con la Thatcher che sputacchiava a destra e sinistra :DD.
    Pure io ci avrei messo Biofreaks, ma se non ricordo male si giocava in 4 tutti contro tutti. Forse è per quello che non c'è nella lista.
  8. Kimahri

     
    #8
    O_o voglio il gioco con le scavatrici!! :DD
  9. Andhaka

     
    #9
    Kimahri ha scritto:
    O_o voglio il gioco con le scavatrici!! :DD

    Quoto!!! :DD
    .
    Le scavatrici con i colpi segreti!! santa Dea, stavo per collassare. :DD
    .
    Cheers
  10. Stefano Castelli

     
    #10
    drmanhattan ha scritto:
    10 picchiaduro 1vs1 deliranti: Dieci picchiaduro con lottatori veramente bislacchi.
    Ecco. Qui dovrei decisamente partecipare. :)

    Lasciando un attimo da parte la saga di Clay Fighter (decisamente ricca di personaggi bislacchi), innanzitutto sarebbe da citare Way of the Warrior per 3D0 (credo sia il primissimo titolo dei Naughty Dog, tra l'altro... :-|), ma sopratuttto il terrificante Kasumi Ninja per Atari Jaguar, col suo lottatore scozzese che si alza il kilt e grida "balls of fire!" per sparare una palla di fuoco...

    Abbiamo poi Blood Storm, il fratello scemo di Time Warriors (e ce ne vuole), con un roster rispettabilissimo. Per dire, tempo dopo Eternal Champions su MD avrebbe fatto una cosa analoga, ma con ettolitri di classe in più...

    Infine citerei il misconosciuto Capital Punishment per Amiga: credo che il video con la lottatrice sado-maso in topless dica tutto...
Continua sul forum (51)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!