TopGame

TopGame

Una rubrica per chi "ne sa", una rubrica per i veri appassionati, una rubrica che piacerebbe un casino a Maurizio Seymandi e al Telegattone. Videogame.it vi propone, e vi propina, le sue meravigliose Top Ten: quali i migliori picchiaduro della storia? Quali le armi più deficienti nel genere degli sparatutto? Quali le protuberanze più marcate tra i personaggi femminili digitali? A tutto una risposta, ovviamente "secondo noi". A voi la gioia di commentare le nostre scelte. Insulto libero, per una volta!
Rubrica

La Top Five!

I migliori eroi supergiovani.

di Alessandro Apreda, pubblicato il

QUINTA POSIZIONE

Sazh Katzroy (Final Fantasy XIII) Secondo TopGame di fila in cui parliamo di Final Fantasy XIII, ma questa volta lo scopo non è prendere per i fondelli il chiacchierato sequel di Square Enix, che parla anch'esso, per l'appunto, di eroi in lotta contro il governo e i matusa. Nella fattispecie, del gruppo di Lightning, Snow e gli altri, una banda di reietti in fuga dalla grande epurazione imposta dalla teocrazia di Cocoon, o qualcosa del genere. Nel gruppo di soggetti che non vogliono trasformarsi in creature con un apostrofo nel nome ma preferiscono un futuro raggiante, uh, da cristalli viventi, scegliamo ovviamente Sazh Katzroy. Perché combattere per la libertà quando hai diciotto anni, il capello figo e colorato e uno spadone è un conto, ma se viaggi sui quaranta, non fai più il pilota, hai perso tuo figlio e soprattutto HAI UN CHOCOBO che ti vive nella capigliatura afro è tutto un altro paio di maniche.

QUARTA POSIZIONE

Jade (Beyond Good & Evil) La cara, vecchia Jade. Professione: reporter. Ma anche: istitutrice di un orfanotrofio tipo Casa di Pony di Candy Candy, ma dentro un faro. Il suo mondo è stato conquistato dagli alieni DomZ, che rapiscono esseri umani per sfruttarne l'energia vitale o, se proprio gli stanno simpatici, trasformarli in schiavi senza cervello. Per risolvere le cose si fa avanti una forza militare chiamata Alpha Sections, che si autocandida alla difesa della popolazione planetaria chiedendo in cambio giusto l'azzeramento di tutti i diritti civili. Il che no, non è un affare molto conveniente. Tanto più quando la nostra bella reporter scopre che tra DomZ e Alpha Sections sono in corso affari strani, magheggi, furbate. Ah, dimenticavi: Jade ha come zio un cinghiale. Succede anche nelle migliori famiglie.

TERZA POSIZIONE

Gordon Freeman (Half-Life 2) A giudicarlo dalla faccia, da quella combo pizzetto e occhiali da studente di ingegneria, un tipo come Gordon Freeman lo vedresti bene come scienziato, tecnico di laboratorio in un'azienda di prodotti per l'igiene dentale come quelli che si vedono negli spot in TV, al massimo ricercatore parastatale. E infatti era più o meno questo il suo lavoro, prima che qualcuno gli mettesse in mano le sorti del mondo e un piede di porco. In Half-Life 2 Freeman affronta il distopico impero multidimensionale dei Combine, gli alieni che si mettono d'accordo prima delle partite. Al suo fianco, un movimento di resistenza messo in piedi dai suoi vecchi colleghi di Black Mesa, come Barney Calhoun e la figlia del Dr. Vance, Alyx. D'altronde, senti, tutto questo casino con quella storia del portale l'hanno provocato loro.

SECONDA POSIZIONE

Strider Hiryu (Strider) Altrimenti noto come il ninja più cool della storia dei videogiochi, e in quanto tale prossimo, sicuro vincitore della top 10 intitolata "Ninja più fighi della storia dei videogiochi". Segnatevelo. Nel suo indimenticabile titolo d'esordio, l'eroe eponimo Strider deve annientare l'impero militare del Grandmaster, dittatore alieno che ha preso il controllo di tutti gli arsenali del pianeta e stabilito la propria dimora in un posto dall'aria alquanto veterosovietica noto come Kazakh SSR. Per trovarlo, come da grande tradizione degli eroi dei platform game, Strider dovrà mettere a soqquadro non solo il Kazakh, ma anche la Siberia, l'Amazzonia e financo una stazione spaziale. Sarà comunque tutto inutile: nello spompatissimo Strider 2 del 1999 il Grandmaster tornerà in vita dopo DUEMILA ANNI, bello pimpante come un tempo, costringendo l'uomo Hiryu a reincarnarsi in un nuovo guerriero, o qualcosa di questo tipo.

PRIMA POSIZIONE

Faith Connors (Mirror's Edge) Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, cantava Rino Gaetano nel '75 immaginandosi un videogioco in cui un'eroina credibile e affascinante avrebbe dovuto correre e correre e correre ancora un po'. Lassù tra i tetti, immersa in un cielo di un colore bellissimo, resistendo alla tentazione di usare le armi sottratte a calci nelle ginocchia alla polizia di un governo abietto, ubiquo e totalitario. Un mondo agghiacciante eppure lontano dai soliti luoghi comuni degli scenari fantascientifici distopici: niente notti perenni, cumuli di spazzatura e scenari grigi, ma colori forti, un orizzonte brillante, una cura della cosa pubblica che neanche in Svizzera. Ché evidentemente, a un certo punto, anche le dittature del futuro hanno imparato ad apprezzare l'importanza della forma. Faith, però, non si lascia fregare. Corre, corre e corre, oltre le squadre antisommossa e il fuoco dei cecchini e gli elicotteri e pure le critiche di chi il gioco non l'ha capito e si merita i soliti FPS tutti corridoi per il resto dei suoi giorni.


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    Urka. Bella, bella, bella 'sta classifica, davvero. Tra l'altro, bello notare come a parte Striderozzo tutti i titoli sono - ovviamente - parecchio recenti, segno tutto sommato di una certa maturazione del videogioco come tematiche (sebbene esempi "storici" non manchino, magari più timidi).

    Poco da aggiungere, davvero. Mi viene in mente sono l'ovvia bilogia di Jet Set Radio, vera ispiratrice del gioco su Mark Ecko citato nella top 10. :)
  2. giopep

     
    #2
    Le nebbie del tempo mi confondono, ma - parlando di vecchie glorie - se non sbaglio anche in Secret Of Mana c'era una tematica di ribellione (comunisti!) contro il sistema.
  3. teoKrazia

     
    #3
    Strider! :nworthy: :nworthy: :nworthy:

    L'idraulico liquido di Freedom Fighters! :nworthy: :nworthy: :nworthy:
  4. Stefano Castelli

     
    #4
    giopep ha scritto:
    Le nebbie del tempo mi confondono, ma - parlando di vecchie glorie - se non sbaglio anche in Secret Of Mana c'era una tematica di ribellione (comunisti!) contro il sistema.
     Francamente non molto. O meglio, lì c'era il solito tema del mega-impero pseudo-culo-tecnologico che vuole imporsi sul mondo, contrapposto alla tradizione magica del resto. Poco o nulla di "eversivo".

    Semmai, Final Fantasy VII iniziava proprio in modo rivoluzionario e praticamente terroristico (di fatto, il giocatore andava a compiere attentati. Non so quanto oggi sarebbe riproponibile...).
  5. giopep

     
    #5
    Stefano Castelli ha scritto:
    Francamente non molto. O meglio, lì c'era il solito tema del mega-impero pseudo-culo-tecnologico che vuole imporsi sul mondo, contrapposto alla tradizione magica del resto. Poco o nulla di "eversivo".


    Capito. È che ho questo ricordo di una cittadina/paesello in cui avevi a che fare con un gruppo di ribelli, con tanto di nascondiglio sotterraneo, e si organizzava la ribellione contro il governante cattivo. Ma, again, son cose confuse che emergono a sprazzi.
  6. piratiz

     
    #6
    Insomma...sfrecciano, impennano ed esclamano: "Porco Dito!"
  7. dusteppe

     
    #7
    piratiz ha scritto:
    Insomma...sfrecciano, impennano ed esclamano: "Porco Dito!"
     Trovo inspiegabile l'assenza del mitico Professor K di Jet Set Radio.
  8. utente_deiscritto_18604

     
    #8
    Deus Ex? Non l'ho visto io vero?
  9. sugar

     
    #9
    Manca Bionic Commando! Sacrilegio!
  10. robbe_881

     
    #10
    Grazie per il mega spoiler su FF scritto nella descrizione dell immagine. Se prima la voglia di fare il combattimento finale era poca adesso è scomparsa del tutto.
Continua sul forum (33)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!