TopGame

TopGame

Una rubrica per chi "ne sa", una rubrica per i veri appassionati, una rubrica che piacerebbe un casino a Maurizio Seymandi e al Telegattone. Videogame.it vi propone, e vi propina, le sue meravigliose Top Ten: quali i migliori picchiaduro della storia? Quali le armi più deficienti nel genere degli sparatutto? Quali le protuberanze più marcate tra i personaggi femminili digitali? A tutto una risposta, ovviamente "secondo noi". A voi la gioia di commentare le nostre scelte. Insulto libero, per una volta!
Rubrica

QUARTA POSIZIONE

Felici come un happy meal.

di Alessandro Apreda, pubblicato il

M.C. Kids/Mick and Mack Global Gladiators/Donald Land (Virgin Interactive/Data East, 1988/1992)

Dunque. La tradizione vuole che i videogiochi sul mondo di Ronald McDonald (sinceramente inquietante, come tutti i mondi aventi un clown per protagonista, diremo) siano tre. Ma non è così, perché in realtà sono quattro. Il primo, M.C. Kids è questo platform Virgin per NES, uscito nel '92 e arrivato in Europa un anno dopo, con il titolo McDonald Land. Sì, senza il genitivo sassone. Convertito in seguito anche per Commore 64, Amiga, Atari ST e PC, M.C. Kids è un clone di Super Mario Bros 3, con due ragazzini/rapper/giovini/bellaraga che devono recuperare la borsa magica di Ronald McDonald. O qualcosa del genere.

Ne è stata realizzata anche una versione per Game Boy, ma con Spot come protagonista: Spot: The Cool Adventure - TopGame
Ne è stata realizzata anche una versione per Game Boy, ma con Spot come protagonista: Spot: The Cool Adventure

Il secondo gioco ambientato nel mondo del panino è Global Gladiators, un altro platform di David Perry, un'altra sgambata per Mick and Mack, ma questa volta in un contesto platform più convenzionale e meno mariano. Il gioco di Perry per Mega Drive viene convertito per le altre console Sega e per Amiga, ma non arriva su Super Nintendo, per ragioni ancora oggi poco chiare. E vabbè.

Il motore del gioco fu riutilizzato da Perry per altri suoi platform, come Cool Spot e Aladdin - TopGame
Il motore del gioco fu riutilizzato da Perry per altri suoi platform, come Cool Spot e Aladdin

E poi c'è il terzo titolo, che non è quello che pensate ma Donald Land, un'esclusiva Famicom per il mercato nipponico. Dice: Donald? Sì, Donald, ché in Giappone il clown è chiamato Donald McDonald. In questo platform di Data East, a ogni modo, Ronald/Donald deve affrontare una serie di boss rappresentati da patatine fritte, hamburger e crocchette. Uno scontro fratricida che neanche ai Cavalieri dello Zodiaco. Ah, del quarto gioco parliamo più avanti.

Wonderboy in Hamburger Land? - TopGame
Wonderboy in Hamburger Land?


Commenti

  1. Il Coinc

     
    #1
    Ti sei dimenticato di menzionare un'altra ciofeca unica dei giochi con mascotte. The Mission il gioco uscito per PSone (di cui io avevo trovato solo la copia pirata ed un motivo ci sarà), in cui Davids, Bierhoff, Guardiola e tutto il cucuzzaro di giocatori che facevano lo spot della nike con i samurai cercavano di portare in salvo il pallone (come nella pubblicità)
  2. Manuel

     
    #2
    Global Gladiators c'ho giocato allo sfinimento...mi piaceva parecchio
  3. ThePlayer

     
    #3
    Mi è venuta voglia di una pepsi :)))
    http://www.youtube.com/watch?v=fajYEF2UJgA
  4. Zatoichi

     
    #4
    Cool Spot era un gran bel gioco, davvero divertente
  5. Il Coinc

     
    #5
    Ma global gladiators non erano mascotte di nessuna pubblicità...
  6. drmanhattan

     
    #6
    No, ma sia in Global Gladiators che in M.C. Kids i due sono in missione per conto di Ronald McDonald. In entrambi appare inoltre pure l'altra mascotte, il malvagio Hamburglar. In The Mission i calciatori protagonisti sono testimonial, non mascotte, quindi DQ!
    (anche se Pep Guardiola, con quell'aria da cane bastonato, come mascotte sarebbe andato benissimo)
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!