Genere
Strategico in tempo reale
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
3/9/2013

Total War: Rome II

Total War: Rome II Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sega
Sviluppatore
Creative Assembly
Genere
Strategico in tempo reale
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
3/9/2013

Hardware

Requisiti Minimi:
OS: Windows XP/Vista/7/8
CPU: Intel Dual Core 2 GHz (o superiore) o Intel Single Core 2.6 GHz (o superiore)
RAM: 2GB
VGA: ATI/NVIDIA 512 MB con supporto DirectX 9.0c, shader model 3 e vertex texture fetch
Spazio su disco: 35 GB
Risoluzione minima: 1024 x 768 pixel

Requisiti Consigliati:
OS: Windows 7/8
CPU: Intel Core i5 seconda generazione (o superiore)
RAM: 4 GB
VGA: ATI/NVIDIA 1 GB con supporto DirectX 11
Spazio su disco: 35 GB
Risoluzione minima: 1920 x 1080 pixel

Multiplayer

Pieno supporto multiplayer con possibilità di partite da 1 vs. 1 al 4 vs. 4 e campagna cooperativa e non per massimo 2 giocatori.

Modus Operandi

Abbiamo scaricato la versione digitale di Total War: Rome II grazie a un codice Steam su gentile concessione di Halifax.
Recensione

La guerra totale su Roma

SEGA e Creative Assembly riscoprono la lunga guerra dell'Impero Romano su PC.

di Luca Mannurita, pubblicato il

"La guerra contro il Samnium si protrae da un po' ormai e la cittadinanza è stanca delle tasse. Bisogna trovare una soluzione e in fretta. Concludere la guerra prima possibile, distruggendo i sanniti e obbedendo così a alla volontà di Roma ma affamando la popolazione e rischiando una rivolta, o cercare una soluzione per temporeggiare ancora? Si potrebbe cercare di sistemare prima la situazione economica, garantendo maggiore sviluppo alla popolazione e, naturalmente, garantendosi un introito fiscale più stabile. I cittadini soddisfatti pagano più volentieri le tasse, si sa.

Avere più tempo potrebbe anche giovare alle relazioni diplomatiche: se si riuscisse a concludere qualche alleanza militare, ci sarebbe il supporto degli alleati contro i sanniti. Ma spesso temporeggiare in guerra produce risultati catastrofici: i sanniti si sono organizzati e ora attaccano in forze. Non resta ormai altra scelta che affrontarli sul campo di battaglia."
Una situazione come questa è soltanto una delle molte che potrebbero capitarci mentre siamo alle prese col secondo capitolo della serie Total War dedicato a Roma e al suo vasto impero. Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, ecco una rapida panoramica di Total War: Rome II.

I Sanniti assediano Capua! Roma non può tollerare un affronto simile! - Sega
I Sanniti assediano Capua! Roma non può tollerare un affronto simile!

STRATEGIA AL MASSIMO LIVELLO

Si tratta di un gioco di strategia che offre la possibilità di metterci nei panni non solo dei condottieri romani che fecero grande l'Impero, ma anche di molte altre popolazioni del bacino del mediterraneo, ad esempio i Cartaginesi. Ma Total War: Rome II spazia anche oltre le Alpi con gli Arverni, rappresentanti dell'etnia celta (i Galli, per intenderci) e i Suebi (popoli germanici). Non possono certo mancare Sparta e Atene, mentre sono rappresentate anche alcune popolazioni del Vicino e Medio Oriente, come i Parti (attualmente il nord dell'Iran).

Ogni popolazione differisce in modo netto dalle altre: ciascuna possiede il suo albero tecnologico, le sue unità da combattimento, i suoi generali e personaggi di rilievo, così come bonus specifici: le ovvie abilità nel commercio per i paesi orientali, morale delle truppe più alto per i barbari, maggiori capacità di sviluppo per i latini. Il gioco può essere diviso in maniera piuttosto grossolana in due fasi principali: quella tattica, in tempo reale, durante la quale avvengono il dispiegamento dell'esercito e la battaglia. Quella strategica, a turni, dove l'ampio respiro di Total War: Rome II trova tutto lo spazio di cui ha bisogno per rendere al meglio.

Non lasciamoci scoraggiare dall'apparente complessità dell'interfaccia tattica: è più semplice di quanto sembra. - Sega
Non lasciamoci scoraggiare dall'apparente complessità dell'interfaccia tattica: è più semplice di quanto sembra.

SUL CAMPO DI BATTAGLIA

Qualora la situazione dovesse deteriorarsi al punto di dover mettere mano alle armi, o se siamo il tipo di giocatore che non esita a saltare addosso agli stati confinanti in cerca di spazio per espandersi, si entra in combattimento. Questa è la fase che si gioca in tempo reale, se si esclude la fase iniziale di dispiegamento delle forze. Senza limite di tempo possiamo infatti decidere come schierare le nostre truppe tenendo conto delle loro attitudini e delle loro capacità. Per esempio è buona cosa tenere la fanteria media o pesante in seconda linea dietro i lancieri, protetti ai fianchi dalla cavalleria se disponibile mentre le truppe più leggere e in grado di attaccare alla distanza (arcieri, frombolieri e via dicendo) possono essere nascoste alla vista del nemico e impiegate per imboscate o per tormentare le truppe con attacchi mordi e fuggi.

Sia nello schieramento che nel combattimento bisogna tenere conto della conformazione del terreno: occupare un rilievo è un vantaggio irrinunciabile non solo perché la fanteria combatte meglio in discesa e il nemico si affatica salendo, ma anche perché in Total War: Rome II il campo visivo è realisticamente ostruito dalle asperità del terreno. Non sapete dov'è il nemico, cosa sta facendo e di quali truppe dispone perché è celato dietro una collina? Mandate una unità leggera in grado di muoversi velocemente a fare una bella ricognizione. Una piccola menzione per i comandanti e per le battaglie navali: i primi hanno capacità peculiari, come l'urlo di guerra che scoraggia i nemici, che usate nel momento e nel modo giusto possono ridare il coraggio di combattere a una unità in rotta o scongiurare una disfatta. La notizia della morte del generale nemico poi non giova alle truppe avversarie, mentre ovviamente fa esultare le nostre!


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!