Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 64,90
Data di uscita
3/12/2010

Tron Evolution

Tron Evolution Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Disney Interactive Studios
Sviluppatore
Propaganda Games
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
3/12/2010
Data di uscita americana
26/11/2010
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
10
Prezzo
€ 64,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Abbiamo provato Tron Evolution in versione PlayStation 3, con una sessione di gioco in 3D non particolarmente riuscita. Ovviamente erano disponibili numerose postazioni di gioco in 2D.

Multiplayer

Assente all'E3, nella versione finale del gioco è previsto un comparto multigiocatore formato da un deathmatch a squadre o in singolo.

Link

Hands On

[E3 2010] La vita nel cyberspazio

"Nel futuro i videogame saranno questione di vita o di morte".

di Lorenzo Antonelli, pubblicato il

La più imbarazzante verità riguardo a Tron – il film dell'82 – è che la pellicola risulta forse più interessante oggi che non venticinque anni fa, perlomeno da un punto di vista prettamente stilistico. Se la bontà delle tematiche d'avanguardia affrontate era certamente indubbia, il film era visivamente datato già al momento dell'uscita nelle sale cinematografiche, visibilmente inadeguato nella rappresentazione degli affascinanti universi virtuali di Steven Lisberger e oltretutto prodotto con tecnologia arretrata (girato in bianco e nero e colorato con tecniche fotografiche e rotoscopiche). Tron (Disney) non riscosse immediato consenso al botteghino, ma scavò lentamente breccia nel cuore di geek e videogiocatori, fino ad assurgere oggi (quasi trent'anni dopo) al cult di genere.
Se l'attesa per il più aggiornato seguito del film (Tron: Legacy) si sta facendo ormai spasmodica, quella riposta per la relativa controparte videoludica (Tron Evolution) è andata sensibilmente scemando dopo la presentazione del gioco durante l'E3 2010.

NON GUARDARE LO SCHERMO!

Tron Evolution è un progetto assai ambizioso, non solo perché rappresenta il punto di contatto (giocabile) tra due pellicole così distanti, ma soprattutto perché è un videogioco (anche) in 3D. La prova è ovviamente avvenuta con appositi occhiali e pannello ad hoc, ma spiace ammettere che il risultato non si è rivelato chissà quanto entusiasmante.
Gli stessi sviluppatori hanno ammesso che la resa dell'effetto tridimensionale soffre di evidenti (e fastidiosi) problemi ancora da correggere (l'effetto 3D funzionava solo sui bordi dello schermo), quando ci hanno persino invitato a non guardare le schermate di caricamento, perché non ancora calibrate a dovere. La trama del gioco, invece, si colloca a metà strada tra la pellicola del 1982 e quella ancora in lavorazione. Si tratta di avatar antropomorfi, in buona sostanza, che si danno battaglia come antichi gladiatori all'interno di arene virtuali, caratterizzate da uno stile visivo unico e (finalmente) fascinoso.

CYBERSPAZIO A LINEE BLU

Considerando più che attendibile la prova del gioco in 2D presente nello showfloor, la versione dimostrativa di Tron Evolution ha mostrato tanti pregi e altrettanti difetti.
Se lo stile grafico è ineccepibilmente accattivante (e del tutto affine alla controparte cinematografica), lo stesso non si può dire in merito alle animazioni dell'avatar del giocatore, che talvolta procede con movimenti poco armoniosi. Il sistema di combattimento, invece, cela nella sua immediatezza e intuitività il rovescio della medaglia. Laddove nelle fasi "a piedi" sono presenti solamente due attacchi (il primo è veloce ma debole, mentre l'altro è lento ma più potente) e la possibilità di colpire a distanza con il Tron Disc, l'essenzialità dei controlli riporta ogni confronto fisico coi nemici al furioso (ma pur sempre efficace) button mashing. L'idea – dicono gli sviluppatori - è quella di un gameplay semplice e asciutto, pensato per intrattenere il più vasto pubblico possibile, dagli appassionati del film a quelli di videogiochi, dai casual gamer ai veri esperti del joypad. Il risultato, per il momento, è solamente quello di un gameplay per nulla profondo o gratificante, ma si confida e si spera fortemente che da qui all'uscita verrà nobilitato con un dignitoso sistema di power-up e level-up.

LA CYBERMOTOCICLETTA

Una Light Cycle (vera e propria icona) dovrebbe filare via che è un piacere, a smodata velocità cibernetica. Dovrebbe tendere, insomma, alle micidiali velocità di wipEout, piuttosto che a quelle ben più soporifere di un comunissimo simulatore di guida.
Eppure è evidente che le motociclette di Tron Evolution procedono senza spinta e adrenalina, ingiustificatamente, al passo di qualsiasi altro videogioco a due o quattro ruote. Neppure gli scontri all'ultimo sangue con gli altri piloti in carreggiata (in perfetto stile Road Rush) risollevano le sorti di una sezione, quella in moto, che evidentemente necessita di ulteriori affinamenti e tanto pepe in più. In fondo c'è ancora tempo per la data di commercializzazione e c'è persino ampio margine di miglioramento per il titolo di Disney Interactive. Oppure, proprio come il film trent'anni prima, Tron Evolution rischierebbe di essere un videogioco tecnicamente datato e paradossalmente meno interessante del suo predecessore che Midway produsse nel 1982.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!