Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
14/10/2009

Uncharted 2: Il Covo dei Ladri

Uncharted 2: Il Covo dei Ladri Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment America
Sviluppatore
Naughty Dog
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
14/10/2009
Data di uscita americana
13/10/2009
Data di uscita giapponese
15/10/2009
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
10
Prezzo
€ 69,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Grafica e sonoro eccellenti
  • Sopra la media come longevità
  • Divertente in multiplayer
  • Immediatezza invidiabile
  • Ben curato nella storia

Lati Negativi

  • Originalità ai minimi termini
  • Poco materiale inedito nell'online

Hardware

Per giocare da Uncharted 2: Il Covo dei Ladri sono richiesti il gioco originale e una console PlayStation 3 con il relativo controller. Uncharted 2: il Covo dei Ladri non richiede alcuna installazione su disco fisso, ma può essere avviato direttamente al primo caricamento.

Multiplayer

Possiamo sfidare altri giocatori via Internet nell'apposita modalità multiplayer che offre il classico deathmatch oppure il gioco in cooperativa. Il primo si svolge in arena mentre il secondo in appositi livelli (ricavati dal gioco in singolo) con altrettanti obiettivi e nemici.

Link

Recensione

Le chiamavano killer application

Il miglior titolo PS3 rimette in pista questo formato.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Uncharted 2: il Covo dei Ladri non è perfetto ma si avvicina pericolosamente (per i concorrenti) a questo traguardo. Nelle righe che seguono parleremo di cosa è migliorato veramente dal primo capitolo e di quello che invece dovrà essere rivisto per andare ancora più in alto come valutazioni e risultato complessivo.
Appurato che tecnicamente siamo all'apice della produzione su console HD, il gameplay ricicla (molto bene, d'accordo) ogni possibile influenza da cinema e videogiochi riscontrabile in un'enciclopedia o motore di ricerca sotto il termine "action".

le dimensioni sono importanti nei giochi moderni

Distribuita su oltre venti capitoli, ma sicuramente non impegnativa, la campagna per giocatore singolo è un concentrato di esplosioni, inseguimenti e scene da fiato sospeso che farebbero acquistare una PlayStation 3 anche a Michael Bay (il regista della nuova serie Transformers).
Sul lato del'intelligenza artificiale, le nuove fasi stealth sembrano all'inizio inserite per forza nella struttura e poco adatte al comportamento "generico" dei nemici, poco abili nell'individuare Drake anche da vicino. Col tempo, attorno a metà gioco, la situazione migliora grazie a nemici più attenti e meglio armati, ma di certo non parliamo di un concorrente per Metal Gear o Splinter Cell.
Rispetto al primo episodio, sono praticamente scomparse le fasi "alla Tomb Raider" di sperimentazione o lunghe pause in cui Drake e il giocatore venivano quasi abbandonati a sé stessi, ma con piena libertà di cercare un passaggio o la soluzione a un dato enigma.
In senso quasi opposto Uncharted 2: Il Covo dei Ladri corre lanciato su un solo binario senza fermate sin dalla fase introduttiva, intervallando in modo quasi ritmico dialoghi, combattimenti e corse non stop tra tetti o balconate. Un gameplay così frenetico sposta radicalmente lo stile di gioco dagli action-adventure classici ai kolossal hollywoodiani progettati per stupire l'osservatore (e qui il giocatore) offrendo però meno sostanza rispetto ai più "poveri" concorrenti. Ciò non significa che il gioco non abbia contenuti, segreti da scoprire o un gameplay interessante, solo che l'eccellente impianto grafico/sonoro primeggia su tutto il resto, nel bene e nel male.
D'altra parte, nessuno potrà mai criticare davvero un titolo che offre una grafica e un sonoro di pari livello, affiancati a una durata complessiva che altri giochi si sognano soltanto.

la trama conta veramente, questa volta

Meglio dell'originale e al di sopra di ogni possibile dubbio è la cura spesa sul lato narrativo e scenografico per dare al gioco (e quindi all'intera serie) maggiore credibilità nel settore action-adventure.
Non solo i personaggi risultano meglio caratterizzati anche nel doppiaggio, pur con alcuni lievi passi falsi, ma lo sono nei ruoli per loro ritagliati all'interno della trama con un continuo susseguirsi di sorprese e colpi di scena raramente forzati. In altre parole, da quando farete la conoscenza di una nuova figura del cast, potrete sì anticipare le sue mosse, ma il modo in cui verranno presentate a schermo non potranno che sorprendervi.
Purtroppo, essendo un gioco fortemente legato alla storia, sarebbe un delitto svelare anche il più piccolo dei dettagli, ma in linea generale la scelta di Marco Polo come ispirazione del racconto si rivela più che azzeccata strada facendo, sopratutto come pretesto per variare le ambientazioni e gli obiettivi di ciascun livello.
Mentre ci avviciniamo alle considerazioni finali e quindi al commento, non possiamo che spendere le ultime righe per la colonna sonora e in generale l'ottima realizzaizone dell'audio, meritevole di un sistema surround adeguato. La musica principale, in buona parte ripresa dal primo episodio, è già diventata il primo segno distintivo della serie: non ci sorprenderebbe se in futuro (vista la qualità del gioco) Sony la mettesse come "jingle" di apertura in un nuovo firmware per PlayStation 3.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Uncharted 2: Il Covo dei Ladri ha l'unico vero difetto di non inventare nulla in quanto riprende per filo e per segno quanto visto in migliaia di altre produzioni. Il problema, per questi mille "altri" giochi è che Naughty Dog ha realizzato gli stessi elementi (dalla grafica agli intermezzi, passando per le musiche) con una tale cura e passione da far finire i concorrenti in secondo, terzo, o quarto piano. Ottimo tecnicamente, notevole come durata e riuscito anche sul lato online, non è solo il miglior titolo disponibile su PlayStation 3 ma un gioco che tutti dovrebbero provare e meglio ancora finire. Produzioni così una volta si chiamavano "killer application", ma ancor prima venivano definite semplicemente "classici".

Commenti

  1. robyjolly

     
    #1
    aleZ ha scritto:
    Tutto riparte da un tesoro
    : Naughty Dog ridefinisce (ancora) l'azione su console.
       :clap:
    il primo è stato l'unico gioco in questa gen che ha saputo stregarmi (insieme a Galaxy)...nonchè il titolo per cui ho acquistato PS3...non vedo l'ora di assaporarmi anche questo :sbav:
  2. utente_deiscritto_30839

     
    #2
    aleZ ha scritto:
    Tutto riparte da un tesoro
    : Naughty Dog ridefinisce (ancora) l'azione su console.
      bel lavoro! ricco,abbondante e descrittivo...grazie!:)
  3. froks

     
    #3
    :nworthy:
  4. ParadiseLost

     
    #4
    Ottima recensione dott. Martini, dobbiamo organizzare un paio di tornei online con la community :P
  5. froks

     
    #5
    ParadiseLost ha scritto:
    Ottima recensione dott. Martini, dobbiamo organizzare un paio di tornei online con la community :P
      
    :D
  6. RALPH MALPH

     
    #6
    speravo la facesse l'alez, un po' in ritardo però... non mi puoi uscire ben DUE giorni dopo il gioco
  7. Enkida

     
    #7
    ParadiseLost ha scritto:
    Ottima recensione dott. Martini, dobbiamo organizzare un paio di tornei online con la community :P
    Il topic al riguardo c'è già nella sezione apposita. ;)
  8. the TMO

     
    #8
    Enkida ha scritto:
    Il topic al riguardo c'è già nella sezione apposita. ;)
     Bene.
    Lo finisco e entro, non volevo giocare così tanto un MP su ps3 da resistance FOM.
  9. Meno D Zero

     
    #9
    titoli di questo calibro andrebbero giocati a prescindere, insomma prima o dopo mi toccherà comprarlo sto lettore blue ray chiamato ps3.
    :(
  10. the TMO

     
    #10
    Meno D Zero ha scritto:
    titoli di questo calibro andrebbero giocati a prescindere, insomma prima o dopo mi toccherà comprarlo sto lettore blue ray chiamato ps3.
    :(
      
Continua sul forum (541)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!