Genere
Azione
Lingua
Italiano
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
10/5/2016

Uncharted 4: La Fine di un Ladro

Uncharted 4: La Fine di un Ladro Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Naughty Dog
Genere
Azione
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
10/5/2016
Lingua
Italiano
Hands On

Stress test per Nathan Drake & soci…

Secondo appuntamento col multiplayer di La Fine di un Ladro

di Dario Ronzoni, pubblicato il

Il weekend appena trascorso ha portato con sé un altro assaggio in salsa multiplayer di Uncharted 4: La Fine di un Ladro, l’attesissima nuova avventura di Nathan Drake che i Naughty Dog hanno ulteriormente posticipato, è notizia di pochi giorni fa, al prossimo 10 maggio. I possessori della Nathan Drake Collection avevano già avuto modo lo scorso dicembre di provare in anteprima la sezione multigiocatore del titolo, ma con questa open beta di due giorni la possibilità è stata estesa a tutti gli utenti PS4, anche ai non abbonati a PS Plus. E trattandosi di uno stress test, niente di meglio di un bella infornata di giocatori per mettere alla frusta le capacità tecniche del prodotto.

Cinque personaggi tra cui scegliere, divisi in buoni e cattivi - Uncharted 4: La Fine di un Ladro
Cinque personaggi tra cui scegliere, divisi in buoni e cattivi
A dire il vero, le prime ore di gioco, complice sicuramente l’elevato numero di connessioni simultanee, si sono rivelate più difficili del previsto: il login iniziale e la ricerca di partite in corso hanno richiesto parecchi minuti e le disconnessioni in game sono apparse frequenti, e non sempre imputabili alla banda a nostra disposizione. Inconvenienti assolutamente preventivabili e sopportabili in un’affollata open beta che precede di due mesi buoni l’uscita nei negozi del prodotto finito.

Una nuova location

La grossa novità rispetto alla beta dello scorso dicembre è stata senza dubbio l’introduzione di una terza mappa, accanto alle già note Isola e Madagascar City. Si tratta di Sopra i Tetti, che come dice il nome stesso, è ambientata sui tetti di una cittadina. A conferma di quanto già visto due mesi fa, anche la nuova mappa non brilla per estensione complessiva, ma ha dalla sua una struttura sufficientemente articolata da garantire diverse modalità di approccio da parte dei giocatori. I molti dislivelli, i frequenti passaggi interno-esterno e l’uso strategico dell’ormai mitico rampino donano ulteriore fluidità e divertimento a un gameplay già di suo adrenalinico e fulmineo.

La nuova mappa Sopra i Tetti consente una buona varietà tattica - Uncharted 4: La Fine di un Ladro
La nuova mappa Sopra i Tetti consente una buona varietà tattica

Un multiplayer di spessore

L’unica modalità di gioco disponibile nella open beta era il deathmatch a squadre, affrontabile in sanguinosi 5 contro 5. Da questo punto di vista, non si registrano particolari aggiunte a quanto mostrato dalla prima uscita pubblica del multiplayer (potete leggere qui la nostra anteprima a riguardo). Gli elementi che già avevano solleticato l’interesse degli utenti sono tornati, dalla personalizzazione estetica del nostro alter ego, fino alle flessibili opzioni di armamento. Stesso discorso per la possibilità di curare i compagni moribondi, scelta che dimostra la volontà di creare un gioco realmente di squadra, e per le uccisioni che contano solo in caso di KO, ottenibile portandosi a distanza minima dall’avversario. Come dire, il cecchinaggio spudorato non paga, almeno qui.

La gestione del mirino, specie dalla distanza, è impegnativa al punto giusto - Uncharted 4: La Fine di un Ladro
La gestione del mirino, specie dalla distanza, è impegnativa al punto giusto

Tecnicamente solido

Nelle prime ore di apertura dello stress test, sono circolate in rete alcune analisi tecniche sul framerate del multiplayer, che hanno dimostrano qualche calo di troppo nelle fasi più concitate. A onor del vero, nella nostra prova non abbiamo notato evidenti tonfi di fluidità, e anzi abbiamo apprezzato una realizzazione tecnica più che solida. Come era già stato dichiarato, il multigiocatore ha subito un downgrade rispetto al single player, per garantire la maggiore fluidità possibile: si è passati così da 1080p a 30 fps a 900p a 60 fps, una scelta che non sembra castrare più di tanto l’impatto visivo. Certo, in multiplayer raramente ci capiterà di soffermarci ad ammirare il panorama, ma la resa complessiva delle arene di gioco, pur osservate di corsa, lascia decisamente soddisfatti.

La grafica è stata “smagrita” rispetto al single player, ma appare comunque gradevole - Uncharted 4: La Fine di un Ladro
La grafica è stata “smagrita” rispetto al single player, ma appare comunque gradevole
In prospettiva, questa open beta mantiene aperto qualche interrogativo solo alla voce connettività, ma siamo sicuri che il tutto verrà ottimizzato in occasione della release ufficiale, grazie anche ai dati raccolti dalle sessioni di questo weekend. Per il resto, il multiplayer di Uncharted 4 sembra poter davvero rinfrescare un impianto di gioco che più collaudato non si può e garantire un surplus di longevità a uno dei titoli più attesi di tutto il 2016.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!