Genere
Strategico in tempo reale
Lingua
Sottotitoli e manuale in italiano
PEGI
16+
Prezzo
49.90 Euro
Data di uscita
8/2/2008

Universe at War: Earth Assault

Universe at War: Earth Assault Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sega
Sviluppatore
Petroglyph Games
Genere
Strategico in tempo reale
PEGI
16+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
8/2/2008
Lingua
Sottotitoli e manuale in italiano
Giocatori
8
Prezzo
49.90 Euro

Lati Positivi

  • Tecnicamente solido
  • Grafica ben curata
  • Interessanti soluzioni di gameplay
  • Tre fazioni ben caratterizzate
  • Molte modalità di gioco

Lati Negativi

  • Tempi di caricamento notevoli
  • Scontri un po' caotici
  • Non sempre vario come potrebbe

Hardware

Per giocare a Universe at War: Earth Assault è necessario un processore a 2.8 GHz, 1 GB di memoria RAM e una scheda video compatibile con DX9 (ATI X800 o nVidia 7600). Il gioco è poi ottimizzato per processori multi-core, a 64 bit, e per sfruttare al meglio le DirectX 10. Su un sistema equivalente a questo sopra indicato, è stato possibile giocare senza problemi e ottenendo una buona fluidità, a patto di non esagerare con il dettaglio grafico.

Multiplayer

Grazie al supporto di Live (Gold, a pagamento) è possibile collegarsi a Internet e iniziare la conquista del mondo. Negli scontri multiplayer è anche possibile giocare contro avversari dotati di Xbox 360. Si possono intraprendere partite personalizzate e classificate, anche sfruttando la particolare modalità Defcon, dove ogni giocatore è finalmente nelle condizioni di sfruttare al meglio il proprio arsenale bellico.

Link

Recensione

Assalto in corso!

Il tocco artistico di Petroglyph.

di Jacopo Mauri, pubblicato il

Un aspetto interessante di Universe at War: Earth Assault è sicuramente quello tecnico. In senso lato, bisogna innanzitutto menzionare le molteplici modalità di gioco che vengono offerte al giocatore, che partendo dalla Campagna può poi dedicarsi allo Scenario (in cui la strategia globale e quella tattica si fondono in un progetto di conquista planetaria), ma anche alla consueta Schermaglia, dove classicamente le fazioni si danno battaglia su una singola mappa. A tutto questo bisogna poi aggiungere il comparto multigiocatore online, che grazie a Windows Live permette una vera e propria escalation mondiale dove giocatori di tutto il mondo si sfidano per la supremazia.

EFFETTI SPECIALI In senso più stretto, invece, la bontà tecnica del gioco si può notare in primo luogo per quanto concerne il comparto grafico. Questo è, come sempre, il primo a saltare all'occhio del giocatore e si caratterizza per essere brillantemente realizzato. Ogni fazione ha infatti un aspetto proprio ben definito, nonché visibilmente distinto dai "concorrenti": la brutalità della Gerarchia si scontra con la estrema pulizia di design di Novus, a sua volta ben differenziata dalla commistione magico-fantasy dei Masari. Ogni stirpe ha quindi un'identità non solo strategica, ma anche estetica.
E, senza dubbio, assistere agli enormi Marciatori che avanzano sul campo di battaglia non può lasciare indifferenti: questi bestioni meccanici sovrastano ogni cosa mai vista in uno strategico (fa quasi ridere il pensare a quanto stupore si riponeva, una volta, davanti al Mammoth Mark. II di Command & Conquer), andando ben oltre le unità sperimentali di Supreme Commander e arrivando addirittura a insidiare le "meraviglie" della saga di Age of Empires.
Allo stupore subentra ammirazione, poi, quando anche le altre fazioni mostrano i muscoli "grafici", con Novus che sfoggia Viktor, un robot umanoide dal design assolutamente pregevole, per non parlare poi dei già citati Masari che si distinguono per un fascino tutto particolare, quasi provenissero da un blasonato GDR fantasy. Lo stile, pur rimanendo nel campo della totale soggettività, è di notevole caratura (fin dall'introduzione filmata dalla qualità cinematografica) e non a caso è possibile utilizzare la BattleCam per osservare il campo di battaglia da una visuale ad ampio respiro.

ULTIMI RITOCCHI Dal punto di vista tecnico si riconosce quindi una solidità notevole, ed è basandosi su questa piattaforma visiva, unita a un sonoro ben realizzato, che Universe at War: Earth Assault tenta di catturare il giocatore. Cosa che, per altro, gli riesce con una certa maestria, a patto che si sappia di andare incontro a uno strategico a tratti abbastanza complesso, che richiede una versatilità non indifferente a chi deve andare a scoprire e dominare lo stile tattico costruito per ogni schieramento. Anche la "manovrabilità" delle unità sul campo è per certi versi atipica, e sebbene l'interfaccia di gioco ben si presti a supportare il giocatore anche nelle fasi più concitate, è pur vero che per poter godere appieno dello spessore strategico è necessario un certo periodo di apprendistato.
Non si tratta infatti di scagliare all'attacco un massiccio numero di unità, anche perché il limite di popolazione standard è piuttosto esiguo; si tratta invece di selezionare ciò che è realmente necessario e capire come utilizzarlo poi sul campo, sfruttandone le abilità speciali che, davvero, possono fare la differenza durante le battaglie. Il tutto con un comparto di estrazione delle risorse vagamente semplificato, come a rimarcare la volontà di fare risaltare al massimo gli scontri diretti, e quindi l'impiego ragionato delle unità di combattimento; per fare in modo che ogni partita sia sempre e comunque "spettacolare".

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Si nota subito che Universe at War: Earth Assault è stato partorito da menti avvezze alla strategia. Questo è sicuramente un bene per chi è disposto ad addentrarsi nel mondo di uno strategico in tempo reale anche a costo di spendere qualche tempo per carpire le qualità tattiche del gioco, mentre chi è più propenso a un'impostazione strategica semplificata potrebbe trovarsi leggermente spiazzato. In ogni caso, la pregevole fattura tecnica rende questo gioco una piccola, grande esperienza in fatto di strategia in tempo reale, che merita se non altro uno sguardo da parte di tutti, appassionati e non.