Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Valve Software

Speciale

Pronto, casa Freeman?

Il reportage della nostra prima volta in Valve!

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

L’immaginazione tende a prendere i concetti, le sensazioni, le opinioni e dati di fatto che abbiamo immaganizzato a proposito di un determinato soggetto, a mischiarli e poi in seguito a proiettarli nella realtà. Ad esempio, è facile immaginarsi la sede di Valve Software, madre di Half-Life, Counter-Strike, Portal, Team Fortress 2 e Steam, come una specie di quartier generale di inguaribili nerd, dove tutti hanno un atteggiamento rilassato, gentile e un po’ da fricchettoni dell’intrattenimento digitale, in cui i propri giochi e i grandi favori ricevuti negli anni da critica e pubblico vengono costantemente tributati, spesso con dedizione e cura certosina, o con soluzioni che non badano a spese, come si addice a una software house che di soldi ne fa davvero tanti e può permettersi di sprecarli. Qualche volta fantasia e realtà coincidono, perché la sede di Valve è esattamente così. Certo, la location, situata al 10900 NE della quarta strada di Bellevue, nei pressi di Seattle, Stato di Washington, non depone molto a favore. Gli studi di Valve si trovano infatti al quinto piano di questo Skyline Tower, un grattacielo piuttosto imponente ma che si confonde nell’anonimato di un centro urbano fatto principalmente di uffici, sulla cui cima o alla cui entrata spesso e volentieri capeggia il nome di Microsoft. E già, perché il colosso fondato da Bill Gates non è solo Redmond, tranquillo centro immerso nella campagna, a una quarantina di minuti di macchina da lì, dove notoriamente ha stabilito il suo quartier generale, ma ha colonizzato prepotentemente anche questo versante dei sobborghi di Seattle. E tornando a parlare di immaginazione, una volta a Bellevue scatta quasi automaticamente nel cervello la proiezione di un film ambientato nel 1996, dove i papà di Valve, Gabe Newell e Mike Harrington, ex-impiegati della casa di Windows, prendono ed escono assieme da uno di quegli innumerevoli stabili capeggiati dalla scritta “Microsoft” per infilarsi in un palazzo posto di lì a pochi passi, dove realizzeranno i loro sogni. E poi con un flashforward ci si ricollega ad oggi, in prima persona, mentre l’ascensore sta per lasciarti al quinto piano dello Skyline.

VALVE, DI NOME E DI FATTO

L'ingresso degli uffici di Valve si compone di due aree. Nella prima, la reception, si capisce subito che non si è sbagliato posto: una grande scritta “Valve” si staglia su un separé, accogliendo frontalmente gli ospiti, mentre davanti a lei una valvola alta più di un metro e pesante chissà quanto si erge al centro della stanza. Estro ed economia. Nel senso di potere di farsi realizzare ad hoc pezzi d'arredamento come questi. O come il piede di porco d'oro che si erge su un piedistallo, lì sulla destra, o la famosa torretta di Team Fortress 2 perfettamente funzionante (ma scarica, per fortuna...) costruita per Gabe Newell e soci nientemeno che dalla Weta. E a questa a breve si affiancherà anche un prototipo, anche lui in scala 1:1, della sparaportali di Portal, sempre realizzato dal celebre studio di effetti speciali di Peter Jackson.

Ma se il primo impatto è ubriacante, facendo sentire qualsiasi fan della casa di Half-Life come se avesse appena varcato il portale per il Paese della Meraviglie, a rischiare di mandare definitivamente in tilt sono i dettagli. Rispecchiando perfettamente il loro modus operandi nel fare giochi, nella reception si trovano tanti piccoli particolari piazzati con maniacale attenzione e coscienza della filosofia alla loro base. Il separé su cui è ricavato il logo della compagnia, ad esempio, è interamente composto da un fittissimo puzzle di sagome di loghi di Half-Life, inconfondibili rimandi alle classi Team Fortress 2, simboli di Portal, armi di Counter-Strike, mano monche di Left 4 Dead. Ci sono tutti i giochi Valve usciti finora, al punto che si ha l'impressione che questi matti facciano commissionare un nuovo pannello all'uscita di ogni loro titolo. E poi volgendo lo sguardo lì sulla sinistra si nota, famelico e in agguato, un headcrab riprodotto alla perfezione, verosimilmente in lattice (non ci siamo fidati a toccarlo...). E poi, ancora, sopra la scrivania della (bella e sorridentissima) segretaria pende addirittura un barnacle (gli appiccicosi parassiti dalla lingua lunga e i denti aguzzi), anche lui ricreato in scala naturale e con del materiale da cinema. Alle spalle della bella bionda, tra diversi premi di IGN si erige massiccio e orgoglioso l'Heavy di Team Fortress 2 realizzato da Gaming Heads. Ma non finisce qua. Su una porta posta lì a lato c'è uno sticker della Mann Co., l'azienda manifatturiera dietro la cui effige si cela il negozio online introdotto qualche mese fa nello sparatutto a squadre per eccellenza di Valve, che dà su un corridoio che, scommettiamo, sarà sicuramente adibito a magazzino o qualcosa di simile. E sempre da Team Fortress 2 arriva l'ultimo tocco di autentica classe meta-nerd, di cui ci accorgiamo girando lo sguardo verso l'anticamera dell'ascensore: agli angoli della porta della reception sono applicate le granate appiccicose di un Demoman (rigorosamente blu e rosse, per par condicio), pronte verosimilmente ad esplodere nel caso in cui nella stanza irrompa qualche ospite poco gradito. Roba da farci dimenticare di aver adocchiato dall'altra parte del locale tre massicci PC custom, tra cui uno dedicato ad Half-Life 2, piuttosto famoso, che ripropone in rilievo sul case le “fondementa mobili” della Cittadella.

Quell'Heavy non sembra disposto a condividere quei premi con nessuno! - Valve Software
Quell'Heavy non sembra disposto a condividere quei premi con nessuno!

La seconda area visitabile pubblicamente è posta dall'altro lato dell'uscita dell'ascensore: un'anticamera, le cui pareti sono dedicate, rispettivamente, a svariate delle copertine ottenute sulle riviste di tutto il mondo dai giochi Valve e a materiale di vario genere, che spazia dalle confezioni di ogni titolo a locandine e premi di vario genere, rappresentati in ogni foggia e dimensione, dalle tipiche statuette astratte di questo o quell'altro award a robot, passando per cinture da wrestling.

LA CURIOSITÀ (NON) UCCIDE IL FAN Quello che avremmo potuto vedere sarebbe dovuto finire lì, ma sfruttando la scusa di un collega (grazie, Fabio!) di farsi offrire un caffé, siamo riusciti a dare un'ulteriore sbirciata ai paraggi. Partendo dal “modesto” angolo cucina in cui ci trovavamo, dotato di un'imponente macchina di Staburcks a cui mancava solo di saper fare Frappuccino e White Chocolate Mocha per poter rimpiazzare un punto vendita e tutti i suoi impiegati, abbiamo notato un tavolo da gioco griffato Aperture Science.

Il Medico ritratto in una posa un po' John Woo - Valve Software
Il Medico ritratto in una posa un po' John Woo

In un corridoio adiacente c'era un bellissimo quadro dipinto a mano dedicato al Medico di Team Fortress 2, mentre un altro, che si ricongiunge alla reception con una sterzata ad angolo, dedicava una sua parete a bozzetti preparatori dei personaggi di Team Fortress 2, rigorosamente incorniciati, a un'illustrazione piuttosto conosciuta di Gordon Freeman e Alyx e una folta sequela di mensole occupate da altri premi (della serie: non sappiamo più dover metterli!). Ma le sorprese, in realtà, erano appena iniziate...


Commenti

  1. Bruce Campbell87

     
    #1
    dove sono le altre pagine?Argh.
  2. Max-Payne

     
    #2
    Tutti quei coltelli servono a tagliere le innumerevoli torte che Gabe si mangia giornalmente. :D

    Comunque spettacolo. *_*
  3. Bruce Campbell87

     
    #3
    Disneyland
  4. Vladimiro

     
    #4
    Ahahaha oddio speriamo non diventi un altro tocco della medusa! :D
  5. Stefano Castelli

     
    #5
    VladimiroAhahaha oddio speriamo non diventi un altro tocco della medusa! :D

    Sarebbe la VERA prova del 9, eh!
  6. teoKrazia

     
    #6
    ^^
  7. Lorissone

     
    #7
    Dopo aver visto la sede inizio a capire le ragioni dell'esistenza del "Valve Time".

    Procediamo con Episode 3? Nah, andiamo in zona massaggi!

    Spettacolo.
  8. Solidino

     
    #8
    e come si trattano bene eh?
    E poi si lamentano pure che lavorano troppo!!!
  9. RALPH MALPH

     
    #9
    minkia teuz sei bello grosso e sembri pure cattivo, devo darti meno contro -_-'
  10. teoKrazia

     
    #10
    RALPH MALPHminkia teuz sei bello grosso e sembri pure cattivo,


    Sì, ma ormai sono flaccido.
    Ho sostituito lo sport con i sani giochini!

    E poi basta tirarmi un tappetino di TF2, come un osso a un cane, per farmi stare a cuccia, buono buono:


    :*)
Continua sul forum (26)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!