Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Viaggio nel mondo del Monster Breeding

Speciale

Viaggio nel mondo del "Monster Breeding" (Parte 1)

Nextgame.it vi conduce quest'oggi in un "rapido" viaggio nel mondo di un fenomeno emergente, il "Monster Breeding": dagli arcinoti Pokémon, passando per i loro rivali Digimon, fino ad arrivare a videogiochi forse meno noti, ma che certamente vale la pena conoscere. Perché, in fondo, nel nostro essere videogiocatori siamo tutti un po' Monster Breeder... Scopriamo insieme il perchè, intraprendendo la prima parte di questo viaggio!

di Stefano Castelli, pubblicato il

ETERNAL EYES

Piattaforma: Sony PlayStation
Casa Produttrice: SunSoft
Versioni Disponibili: JAP, USA, EURO

Pigliate un gioco come Final Fantasy Tactics e fondetelo con un titolo come Pokémon: il risultato potrebbe essere questo Eternal Eyes, in cui il giovane Luke si ritrova a dover combattere contro una pericolosa divinità armato unicamente del potere dei Magical Puppet: questi fantocci possono venire animati tramite l'uso di gemme speciali, trasformandosi in oltre 160 specie differenti di mostri, ciascuno dotato di peculiari caratteristiche. Dietro un aspetto grafico non esaltante Eternal Eyes cela un buon schema di gioco, tanta longevità e un bizzarro sistema di evoluzione dei mostri che porterà il giocatore a sperimentare parecchio in cerca di creature sempre più potenti. Da provare.

L'aspetto migliore: Una specie di "Pokemon strategico".
L'aspetto peggiore: La grafica è bruttina...

BOMBERMAN MAX

Piattaforma: Game Boy Color
Casa Produttrice: Hudson
Versioni Disponibili: JAP, USA

L'ultima incarnazione dell'ormai classico Bomberman per Game Boy Color tende a fondere l'ormai tradizionale struttura "bombarola" della serie con elementi di monster breeding, relativi alla grande quantità di differenti creature che si possono "raccogliere" nel gioco e usare come cavalcature, ciascuna ovviamente dotata dei proprio poteri caratteristici. Proprio come le cartucce di Pokémon, anche Bomberman Max si presenta in due versioni, una rossa (Campion) e una blu (Challenger), che differiscono per il tipo di creature utilizzabili e per alcuni aspetti della trama. Inutile dire che collegando due Game Boy è possibile combattere contro altri giocatori e anche scambiare i mostriciattoli per ampliare la collezione. Molto ben fatto.

L'aspetto migliore: Perfetta fusione di due generi.
L'aspetto peggiore: Troppo spesso i mostri si assomigliano...

Vai alla seconda parte dello Speciale